Idea weekend per famiglie: Tellaro


Un weekend, un libro, una caccia paciosa e un po' d'arte en plein air.
Tellaro (ve lo ricordate?), oltre ad essere un incantevole borgo della Liguria è anche una di quelle mete che si adattano degnamente ad un favoloso weekend in famiglia.
Si, perchè ci sono tutti gli ingredienti necessari per accontentare grandi e bambini. Quali?



Il fascino dell'esplorazione

Tellaro è fatto di vicoli che precipitano sulle case e scale che cambiano portando ora verso il basso ad intravedere il mare ora a sbirciare tra fichi d'india e cactus in cerca dei segreti che si confondono tra le spine.
Battete tre volte sul muro con la punta dell'ombrello e scivolate in labirintici carrugi degni della fantasia della Rowling.

Una leggenda

E' scritta persino sulla chiesa, protesa nel blu e circondata alle spalle da un intrico di casette color pastello 
Saraceni
Mare nostrum Infestantes
Sunt noctu profligati quod polypus aer cirris suis sacrum pulsabat
Quattro secoli fa una terribile tempesta si abbattè sul paese. Tuoni, lampi e un vento talmente furioso che persino la sentinella preferì ritararsi al calduccio del suo letto. E allora chi fu a suonare le campane per avvertire dell'arrivo degli spaventosi pirati saraceni?

Barche
Lo chiamano il paese dei polpi si, ma anche delle pietre e delle barche. Addormentate con la chiglia in su o a pancia all'aria,  invitano a salire a bordo per fingere di imbarcarsi in una fantastica avventura. 
Attenzione: prima di salire decidete da che parte stare!


Un libro

Non si può andare a Tellaro senza portarsi dietro una copia del libro di Beppe Mecconi. Sedetevi sul seggiolino di una barca, di fronte al Grò, alla destra della Marina di Tellaro e poi spostatevi attraverso il borgo per seguire le vicissitudini di Bertolotto e il piccolo polpo Amigello. I bambini adoreranno ascoltare la storia (o leggerla) proprio nel luogo dove è avvenuta cento e cento anni fa.
Divertimento

Dopo aver letto il libro cominciate una travolgente caccia ai polpi. Sulla facciata della chiesa, nella fontana su in paese, sui pavimenti in pietra,sulle porte delle case e persino nell'adesivo da esporre sul parabrezza delle auto dei tellaresi. 
Esplorate anche i luoghi più insospettati e attenzione ai bambini che a trovarli sono sempre più bravi di noi!
Relax

Dopo la caccia, il libro e le esplorazioni godetevi un meritato momento di relax sulla spiaggetta di Fiascherino (per arrivarci scendete la scalinata a fianco dell'Hotel il nido a pochi passi dal centro di tellaro) o sugli scogli giù in paese mentre i bambini possono scrivere una cartolina o cimentarsi in un attacco d'arte en plein air.


E infine un suggerimento su come concludere degnamente una giornata memorabile: 
fate un salto in uno dei ristoranti di Tellaro per assaggiare una delle specialità del luogo. 
Indovinate quale? :-)




Commenti

  1. sono stata mille volte fino dalle 5 Terre fino a Lerici, ma mai qui. Devo andarci assolutamente.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda davvero è un paese che merita! Un bacio anche a te!

      Elimina
  2. solo per caso sono arrivata al tuo blog e precisamente perché cercavo i pasticcini di Belem. Complimenti per gli argomenti di cui tratti: anch'io sono un'appassionata di cucina e viaggi e pertanto abbiamo degli interessi in comune e poi viviamo abbastanza vicine. L'ultimo post mi ha decisamente emozionata anche perché le mie origini sono liguri e precisamente di un piccolo paese proprio vicino a Tellaro, dove ho passato molte estati sia da bambina che da ragazza. Dimenticavo, se ti va passa dal mio blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai davvero? Sono contentissima! Benvenuta a bordo allora!

      Elimina
  3. Hei, dovevi dirmelo che riuscivamo a vederci! Visto che non vieni allo sbarco dei Pirati!
    La prossima volta che capiti dalle mie parti fammi un fischio!
    Tellaro è davvero magica!
    bacio
    Giorgia dei Mostri

    RispondiElimina
  4. Ma sai che non ci avevo proprio pensato che sei lì vicina? Se non ero in Scozia allo sbarco dei pirati sarei venuta stravolentieri deve essere bellissimo!! Spero di vedere delle foto da te quando torno! E poi, si, quest'incontro s'ha da organizzare!:-) Bacio

    RispondiElimina
  5. Ma come fai a scovare questi posti da sogno? L'idea del libro+ viaggio mi piace tanto tanto!
    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah a volte solo per pura coincidenza!!

      Elimina
  6. Sono stata a Tellaro tantissimi anni fa con il mio (ex) fidanzato! Ho dei ricordi bellissimi e tu pensa che ricordo di aver visto l'iscrizione sulla chiesa e siamo stati un sacco di tempo a ridere e a discutere sulla traduzione che non riuscivamo a capire non sapendo nulla della leggenda! Incredibile scoprire questa storia adesso!Se non fossi felicemente sposata e con marito geloso mi verrebbe voglia di chiamarlo per raccontarglielo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh ma che cosa bellissima!! Chissà magari un giorno anche il tuo ex passerà da queste parti cercando "quella vecchia leggenda". :-)
      P.S Sul marito geloso hai la mia piena comprensione!:-)

      Elimina
  7. Ma che meraviglia, da piccola ho passato tutte le estati proprio a Tellaro: riviverlo attraverso le tue foto è stato molto emozionante e per questo ti ringrazio!

    RispondiElimina

Posta un commento