06/12/12

A spasso per il Modenese

Siamo partiti Lunedì sera con l'idea di trascorrere un paio di giorni tranquilli a nuotare nelle calde acque di Salvarola, passare tanto tempo insieme tutti e quattro, dormire fino a tardi, assaporare di nuovo i sublimi piaceri della cucina emiliana, sederci davanti ad una finestra a giocare  guardando fuori l'autunno intrecciarsi all'inverno in un amabile gioco di riflessi e luci e toni intensi.




Poi però non è andata così...

Il mondo era lì con le sue innumerevoli e affascinanti seduzioni.
Le sue bellezze, che narrano favole di natura.

Di tradizione. 


Di storia.


Quasi a volermi stupire ancora una volta di quanto sia bella questa nostra Italia, di come ogni regione riservi luoghi di un inaspettato incanto.
Inammissibile stare fermi, impossibile non gettarsi dentro per scoprire, toccare, assaggiare, avvolgersi di meraviglia.
I giochi di società sono rimasti chiusi in valigia.
Ci siamo alzati prestissimo la mattina, ci siamo infangati fino al midollo ma dentro a quel fango c'era tutta la nostra felicità.
********

Prestissimo tutti i dettagli!
Leggi anche:
Visita di un caseificio: come nasce il Parmigiano reggiano

Intanto vi annuncio che questa Domenica 9 Dicembre saremo ospiti di Licia Colò Alle Falde del Kilimangiaro per parlare di consigli e mete per chi viaggia con i bambini. 

3 commenti:

  1. Non ci credo... a due passi ma dico due da casa nostra, ma io non ne parlo mai.....le terme al Balnea vi sono piaciute?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima, mi ricordavo che stavate lì vicino ma davvero doveva essere un soggiorno di tutta calma per passare del tempo tranquilli insieme (mio marito sta lavorando tantissimo in questo periodo e lo vediamo poco). POi però non abbiamo resistito, abiti in una terra davvero piena di cose meravigliose a partire dal cibo. Credo di aver messo su almeno un paio chili a forza di tigelle, gnocchi e tortelli. ;-) A Balnea siamo stati giusto un paio d'ore nel pomeriggio ma ci siamo divertiti un sacco! La prossima volta torna e fissiamo per far conoscere i piccoli viaggiatori eh?

      Elimina
  2. Ciao Daniela, daccordissimo, la prossim volta avvertimi via e-mail così ci incontriamo.
    p.s. a pochi km dalla Salvarola,c'è il museo ferrari,io non ho mai portato Sofia perchè non credo che le auto le interessino molto ma mio marito è sto centinaia di volte costretto a portare i clienti stranieri, voi avete portato AJ? perchè è bellissimo! poco distante c'è lo shop della Ferrari ed il ristorante "Montana", a parte il cibo che è fantastico,non è difficile a pranzo incontrare i piloti o lo staff della Ferrari, alle pareti poi sono appesi caschi appartenuti ai piloti,pezzi di vecchie ferrari, fotografie ecc...

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin