Mappa da viaggio per bambini


E' divisa in  colori. 
Il verde, per le foreste di castagni e le  praterie. Il bianco,a ricordarne il suolo calcareo e le distese coltivate di cereali ed il nero per quel verde scurissimo delle querce.
E poi il rosso, intorno a Bergerac, per gli affascinanti toni e sfumature che velano in autunno le fogli di vite.
E' il Sud Ovest francese , il Perigord, che ricopre la Dordogna ai limiti del massif central.
Insieme alla Costa Atlantica è' la nostra prossima meta, quella che chiudo gli occhi e mi sembra già di sentirne il profumo. E so già che la ameremo alla follia (grazie Cristina ..<3>
Intanto nell'attesa (ancora un mese e mezzo!) leggo, sogno e progetto. E l'altro giorno, dopo aver visto il puzzle del tubo di Giada mi è venuta questa idea...


Stampate l'itinerario del vostro prossimo viaggio (utilizzando ad es. google maps o viaMichelin).

CTRL+Print Screen per copia incollare la mappa

Aggiustate la mappa ritagliandone i bordi così da ottenere una misura sufficiente a ricoprire il rotolo dello scottex. Sovrapponete i margini e chiudete con nastro adesivo. Sfilate quindi la mappa dal rotolo e dividetela in parti uguali. Poi appiattite e tagliate.

 Reinserite gli anelli nel rotolo.
 Adesso avete una mappa puzzle.

 Prendete un bottone, inseritelo in un filo e avvolgetelo intorno al rotolo facendolo passare per l'interno e fissandolo strettamente con un nodo che rimarrà nascosto. Io ho utilizzato il prezioso cimelio che Giorgio ha regalato a Aj in occasione della nostra visita al Museo del bottone(prossimamente i dettagli). E mi piace un sacco l'idea delle storie che questo bottone  potrà acchiappare...

Adesso la mappa è pronta. I bambini potranno ruotare gli anelli per smontare e rimontare l'itinerario ma soprattutto spostare il bottone mentre il viaggio va avanti.
Un gioco divertente ma anche un modo per imparare a visualizzare in modo semplice le distanze.


Ovviamente potete personalizzare le mappe aggiungendo dettagli, stickers di aree di sosta, stazioni di servizio, tappe, etc.(come per il navigatore magnetico) e variandone la difficoltà, anche ad esempio eliminando la traccia dell'itinerario. In questo modo saranno i bambini a tracciarlo, osservando i cartelli, cercando i luoghi sulla mappa, segnandoli con un pennarello  e poi spostandoci sopra il bottone.
E una volta tornati sarà un fantastico ricordo da aggiungere alla collezione di barattoli...

Commenti

  1. Spettacolare.. sei una mamma meravigliosa davvero.. credo che poche cose siano stimolanti ed emozionanti per un bimbo come le mappe.. 'sentieri da seguire', cose da scoprire.. avventura e suspence! :D Che idea fantastica.. ne voglio una anche io amica mia.. TVTTB! Buongiorno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah Ely ma lo sai che stavo giusto pensando di farmene una anche per me?? ;-) Sei un tesoro! Bacio grande

      Elimina
  2. Ma bellissimo!!! Sai che mi hai dato lo spunto per fare i porta tovaglioli????!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eco, questa è una cosa bellissima. Guardare, ispirarsi, personalizzare, reinventare. Non è meravigliosa la creatività?:-)
      Bacio

      Elimina
  3. magnifico! credo che lo farò ad ogni prossimo viaggio in macchina :)

    RispondiElimina
  4. Ma che meraviglia!!! Avevo visto l'idea sul blog di Giada e attendevo la fine di un rotolo di carta da cucina per provare (il precedente e' diventato il cannocchiale della nostra piratessa) ma questa versione e' ancora piu' bella!:)Usando il barattolo delle "famose" patatine si potrebbe utilizzare poi direttamente quello come barattolo dei ricordi... provero'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah Simona, rido perchè io non avuto pazienza di aspettare e c'ho lo scottex che mi guarda dalla cucina tutto avvolticciolato su se stesso!:-) Fantastico!

      Elimina
  5. Bellissima idea! Ho già realizzato il puzzle di Giada per la piccola "bimba bella ok" ora sto pensando ad un'idea ad hoc per l'ometto mangialibri...mumble...mumble...sicuramente ne farò uno con l'itinerario del prossimo viaggio ma per quello c'è tempo ancora...ma certo trovata l'idea con le lettere dell'alfabeto! In questo periodo sono la sua passione. :-)

    P.s.: il cappello del Gran Bau e i canti dei ghiacci hanno riscosso grande successo. Gazie Mammagiramondo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima Emanuela ottima idea!!
      Sono contenta per il libri. Un abbraccio grande a tutti voi!

      Elimina
  6. Non vedo l'ora che sia maggio per voi...perché so che vi innamorerete di quei posti! Sono felice di averti ispirato.Il libro che hai segnalato è STUPENDO!Corro a comprarlo...perché io ho visto solo una minima parte di tutte quelle meraviglie e adoro l'idea di poterci tornare un giorno.
    Grazie amica sconosciuta.Per tutto l'entusiasmo che riesci a trasmettere. E per tutte le emozioni che, sono sicura, al tuo ritorno, riuscirai a farmi provare.
    Un abbraccio
    Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Cristina grazie a te! Abbiamo trovato un sito che affitta delle deliziose casette nei dintorni di Sarlat, ti tengo aggiornata!! <3<3

      Elimina
  7. Ma dai!!!! Ecco, sono contentissima: mi piace tanto questo scambio di ispirazione, ma tanto! È uno degli aspetti che mi entusiasmano della rete, vedi un'idea, ti resta impressa, trovi un modo per adattarla, la fai tua! Bello bello bello!
    E la tua reinterpretazione è stupenda, ma tanto lo sai già che ti amo alla follia, che te lo dico a fare??
    Un bacione!
    Giada

    RispondiElimina
  8. Fantastico! lo proverò per il viaggetto di Pasqua!!!

    RispondiElimina
  9. Non sai quante ispirazioni mi dai!!! Grazie anche per avermi fatto conoscere il blog di Giada!
    Bravaaa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta!!! Giada per me è un mito!!

      Elimina

Posta un commento