Rouge



A volte compaiono dietro una curva, altre scivolano fuori dalla roccia come fossero opere d'arte scolpite nella pietra, altre  ancora ti sorprendono da lontano svelando i romantici profili dell case aggrappate ad una collina o spioventi sopra un fiume.
Ma in qualunque modo decidano di mostrarsi les plus beaux villages de France ti strappano il cuore con i loro vicoli fiabeschi, gli infiniti dettagli nascosti tra le pietre, intorno alle finestre, tra le tegole dei tetti.
Come Colllonges La Rouge...














E' un piccolo villaggio traboccante di botteghe e caffè  e creperie con i menù scritti a gesso sulla lavagna.  Tutt'intorno il verde della campagna che avvolge case e balconi, alberi e giardini fioriti.
E poi vicoli e piazzette nascoste sui cui si aprono d'improvviso vecchie case a graticcio  e sedie colorate su cui fermarsi per insinuare lo sguardo tra le pareti in cerca di altri incantesimi.

Ho una bellissima creperie da consigliarvi,  tante altre foto e informazioni su questo gioiello del Limousine ma adesso devo correre a chiudere le valige che oggi ci spostiamo qualche chilometro più a ovest, in un'altra cittadina della Dordogna  dove ha vissuto un personaggio dal naso molto, molto speciale...
A bientot!

Commenti

  1. oooooh ma esiste davvero questo posto ?????
    ok, faccio deviare il treno e arrivo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raffaella si ed è incredibile ma dopo che pensi che non ne può esistere un altro più bello arrivi da un'altra parte e, oh, rimani senza fiato.

      Elimina
  2. C'est magnifique!
    Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrò mai ringraziarti abbastanza? <3 <3 <3

      Elimina
  3. Già queste poche foto della Dordogna mi fanno sognare, fantastiche! Amo viaggiare, magari anche a pochi km. da casa per scoprire cose inaspettate... il mi cruccio (e un po' la mia delusione educativa) sono i figli che non apprezzano, non capiscono, sono pigri e per loro tutti i castelli sono uguali, tutte le chiese, tutti i prati, tutti i paesi: in cosa ho sbagliato? Oggi sono un po' giù proprio per questo motivo, ma con le tue foto mi è tornata la speranza!!! Scusa lo sfogo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dolly, e scusa mammagiramondo se mi permetto di rispondere a un tuo commento..., ti invito a leggere i post dell'iniziativa che io e Valentina Cappio abbiamo lanciato l'anno scorso proprio sul tema del coinvolgimento dei figli nei viaggi, Impariamo viaggiando. La puoi trovare nel mio blog, cerca "la proffa" su google (il blog si chiama Learning is experience), a presto, magari lasciami un commento così ci ritroviamo là...

      Elimina
    2. Dolly cara non credo affatto che tu abbia sbagliato qualcosa.Hai fatto benissimo sfogarti e se vuoi sentiamoci per mail che ne parliamo più approfonditamente che questo è un argomento con cui mi sono scontrata proprio di recente andando in gita con mio figlio a scuola e osservando l'approccio ai viaggi degli altri bambini.
      Scrivimi una mail! Un carissimo abbraccio.

      Elimina
    3. Palmy ma figurati hai fatto benissimo! Un bacione

      Elimina
  4. Ogni volta che passo di qui trovo un angolino di paradiso! Baci!

    RispondiElimina
  5. Conoscevo questa città della regione del Lemosin ma negli immagini, ma veramente le tue foto sono fantastiche. Complimenti e saluti da Argentina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patzy, uh, che meraviglia l'Argentina!!! Un caro saluto anche a te!

      Elimina
  6. che incanto..io mi segno tutto ...

    RispondiElimina

Posta un commento