24/07/13

Il selciato del gigante . Giant's Causeway


Tante sono le voci che circolano sul conto del leggendario Finn Mc Cool ma quel che è  certo è che fosse il gigante più forte e coraggioso di tutta l'Irlanda.
Viveva felicemente insieme alla moglie Oonagh sulla splendida costa irlandese di Antrim, fino a che, un giorno scoprì di avere un rivale che lo scherniva dall'altra parte del mare, là dove le acque lambiscono selvaggiamente la costa scozzese.

Arrabbiatissimo Finn raccolse una zolla di terra e la scagliò violentemente verso l'avversario ma l'enorme masso arrivò soltanto in mezzo al mare (ed oggi è l'isola di Man). 
Il gigante cominciò allora a costruire un lungo sentiero fatto di enormi e pesanti pietre esagonali ( e lo stesso fece Benandonner dall'altra parte) che gli permettessero di arrivare in Scozia senza doversi bagnare i piedi, ma non appena scorse il nemico dall'altra parte, rimase a tal punto sorpreso delle sue enormi dimensioni che spaventato, decise di tornare immediatamente indietro.


Sulla strada del ritorno Finn perse uno stivale. Oggi si dice che chi ci si siede sopra ed esprime un desiderio vedrà realizzati i propri sogni...
Raccontò tutto alla moglie che subito lo invitò a spogliarsi per vestire i panni di un (insolito ) bambino aiutandolo a sdraiarsi dentro ad un enorme culla.
Quando Benandonner arrivò e lo vide immaginò si trattasse del gigantesco figlio di Finn. 
"Ma se il piccolo era così terribilmente grosso allora come doveva essere il padre?"
Lo scozzese trovò che la cosa migliore da fare era andarsene velocemente e mentre calpestava il selciato che lo avrebbe riportato a casa si preoccupò di farne sparire almeno una parte  per essere sicuro che il terribile irlandese non lo inseguisse.
Da allora i giganti rimasero ognuno nella propria casa ma qualcosa di loro è rimasto e ,credetemi se vi dico che è così incredibilmente perfetto e straordinario che è molto più facile credere a questa storia piuttosto che immaginare che sia  semplicemente opera della natura.


Cominciate la visita dallo splendido Centro Visitatori dove vi aspetta una splendida mostra interattiva in cui realtà e fantasia si mescolano sapientemente. Giochi, pannelli ed enormi schermi spiegheranno ai bambini come si è formata questa incredibile costa ma anche la leggenda di Finn e le molte  altre nascoste tra le pietre di questo mondo straordinario.

Ritirate quindi l'audioguida (anche in italiano e mi raccomando anche per i bambini), che vi racconterà storie e leggende di ciò che incontrerete durante il cammino lungo il sentiero blu del causeway.

Il blue trail è il sentiero principale, quello che abbraccia la costa dal basso dandovi la possibilità di vedere da vicino il selciato e naturalmente salirvi sopra.
Lungo il percorso l'audioguida vi inviterà a cercare gli indizi lasciati da Finn lungo la strada e incisi sulle belle panche di legno.
 I bambini si divertiranno tantissimo a scoprire lo stivale di Finn,  la nonna, le cipolle, l'enorme cancello, i camini e persino un gigantesco cammello.

cipolle

L'organo
Il cammello

Il cammello
Si racconta che una sera Finn si trovasse a Cork con gli amici e a causa del troppo bere si fosse dimenticato si aver promesso alla moglie di tornare a casa presto per dar da mangiare al figlio. A piedi avrebbe impiegato troppo tempo e così qualcuno ebbe la bella idea di prestargli un cammello per far prima.
Il gigante riuscì quindi a  tornare a casa senza che Oona andasse su tutte le furie.
Prendetevi tutto il tempo per assaporare ogni centimetro del sentiero. Arrampicatevi con i vostri figli, giocate, cercate prove e indizi, ascoltate insieme le storie. Sedetevi sulle pietre ed esprimete desideri.

Dopo poco meno di un chilometro e mezzo dal centro visitatori il blue trail termina a metà di Port Noffer. Potete ripassare da dove siete venuti, proseguire il percorso rosso (altri 3 km+1, 2 per ritornare) o infine ritornare indietro percorrendo l'ultima parte del rosso che abbraccia nuovamente il causeway ma questa volta dall'alto (ed è quello che vi consiglio di fare).
Per farlo dovrete risalire la scala del pastore. Sono quasi duecento ripidi scalini ma la vista che godrete dall'alto vi ripagherà senza dubbio dallo sforzo. 



Pronto per affrontare la scala!





 
E poi da lassù, sarà ancora più facile immaginare Finn che solca le acque, avanzando sopra le pietre che punteggiano il mare e  e che dall'alto così perfettamente accostate una accanto all'altro paiono davvero un lungo e straordinario selciato di giganti...


LINKS E INFORMAZIONI PRATICHE:


View Larger Map

Il Giant's Causeway si trova sulla costa nord irlandese ad un paio di chilometri da Bushmills.
Se volete raggiungere il Centro Visitatori in modo insolito a Bushmills avrete la possibilità di salire su un treno a vapore che collega in pochi minuti la cittadina con il Giant's Causeway. Maggiori Informazioni le trovate sul sito.
In questo caso, così come se arrivate,. in autobus, in bicicletta, a piedi, in treno avrete uno sconto verde sui biglietti per il centro.
Se arrivate in auto c'è un grande parcheggio  di fianco al nuovissimo Centro Visitatori. In questo caso dovrete obbligatoriamente acquistare i biglietti per la visita al Centro Visitatori (che comunque vi consiglio specie se avete bambini). I biglietti comprendono infatti il costo del parcheggio, la visita alla mostra interattiva e le audioguide. I sentieri sono invece ad accesso gratuito.

PREZZI:
  • Adulti: £8.50
  • Bambini: £4.25
  • Famiglia: £21.00
I SENTIERI:
I sentieri sono quattro. Come ho detto sopra se avete bambini  l'ideale è fare il blu e (se non sono troppo piccoli per le scale)tornare con il rosso.
Ecco comunque la breve descrizione che troverete anche sulla mappa che vi sarà consegnata al centro:
Percordo verde- facile:
Per vedere il selciato del gigante da un punto di vista diverso. 15 minuti dal Causeway Hotel all'area picnic e al punto panoramico. 700 metri

Percorso blu - medio:
Il cammello, la nonna del gigante, il Selciato e lo stivale del gigante, c'è così tanto da vedere.
25 minuti dal centro visitatori al selciato del gigante (aggiungete il tempo da dedicare al selciato) 1, 2 km



 Percorso rosso-difficile
Una vista panoramica del selciato e uno sguardo più ampio sul sito Patrimonio dell'umanità.
35 minuti dall'inizio del sentiero fino alla scala del pastore. 1, 2 km
90 minuti di un sentiero circolare che si riallaccia al percorso blu. 3km



Percorso giallo: - per i più esperti
Un sentiero impegnativo per i camminatori più esperti. Questo percorso si riallaccia alla strada costiera del Selciato e all'Ulster Way, snodadno attraverso diversi tragitti segnalati per portarvi oltre i confini del sito del National Trust.(E fino al Carrick a Rede Rope bridge)

DOVE MANGIARE:
Presso il Centro Visitatori c'è una bella caffetteria con wifi gratuito e diversi piatti comprese alcune specialità irlandesi.
In alternativa fuori trovate un caratteristico pub, The Nook.
BAMBINI:
Mi pare piuttosto inutile dirvi che i bambini si divertiranno un mondo. Ci sono massi su cui arrampicarsi, storie da ascoltare, giochi e affascinanti filmati da vedere al centro. E' vero, c'è da camminare, ma Finn renderà il tragitto meno faticoso!
TURISTI A QUATTRO ZAMPE
I cani sono ammessi ai sentieri!
Non possono invece accedere al centro visitatori ma fuori troveranno ciotole con l'acqua. L'accesso ai sentieri è ovviamente possibile anche dall'esterno. La caffetteria dispone anche di tavolini all'aperto dove potete pranzare tutti insieme.
DOVE DORMIRE:
Come vi ho già detto noi abbiamo avuto come base il Pinetrees Bed and breakfast a Ballymoney.
In posizione ideale per visitare la costa nord irlandese.
Incantevole, dotato di tutti i comfort e con una proprietaria incredibilmente simpatica e gentile.
Per non dire della colazione, che da sola, fidatevi,  meriterebbe il viaggio!
Cani ammessi
In alternativa potete dormire proprio davanti al Giant's Causeway soggiornando nello storico Causeway Hotel.
LIBRI DA LEGGERE:

Tantissime le edizioni che raccontano la storia di Finn (in inglese) e le altre leggende irlandesi. Prossimamente l'elenco dei nostri preferiti in un post libri in valigia.
ALTRE METE NELLE VICINANZE:
In pochi minuti di auto lo straordinario Ponte di corda carrick a rede in alternativa arrivarci a piedi attraverso uno scenografico percorso di circa 17 chilometri.
E ancora il Dunluce Castle, il favoloso Mussenden temple, , Dark Hedges e molto altro ma come vi ho già detto vedremo nei dettagli ogni singolo post nelle prossime settimane.

E adesso ditemi, vi è piaciuta la storia del gigante Finn Mc Cool?
CONTINUA A LEGGERE L'IRLANDA DEL NORD CON DARK HEDGES

-->

11 commenti:

  1. Leggendo l'articolo mi chiedevo come avessi fatto a perdermelo... poi alla fine ho capito, io l'Irlanda del Nord non l'ho proprio fatta durante il mio fly & drive in Irlanda... me lo segno e quando deciderò di fare il nord non me lo lascerò scappare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilaria anche noi la prima volta in Irlanda facemmo un fly and drive con giro ad anello Dublino-Dublino. Questa volta invece dopo il viaggio in caravan volevo proprio scoprire il Nord e sebbene avessi grandi aspettative mi ha comunque sorpresa!

      Elimina
    2. Anche per noi giro ad "anello" da Dublino a Dublino, con tappe intermedie a Galway, da cui siamo partiti sia per il Connemara che per le Isole Aran, poi Killerny, il Ring of Kerry, Cork e i dintorni, Kilkenny e poi di nuovo Dublino... uno spettacolo incredibile!!!

      Elimina
    3. Fu più o meno anche il nostro giro e sono d'accordo, uno spettacolo incredibile!
      Ma l'Irlanda è davvero bella tutta!! <3

      Elimina
    4. Spero di vedere presto il resto allora...

      Elimina
  2. Vorrei sedermi anche io sullo stivale di Finn.. e vorrei camminare tra questi paesaggi stupendi e monumentali. Un sogno davvero, di verde e di azzurro.. di vento e di mare... e di occhietti dolci del tuo piccino, che è veramente un amore <3 <3 TVB

    RispondiElimina
  3. bellissimo tutto. pargolo compreso, ovvio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah grazie mille! Riferisco al pargolo! :-)

      Elimina
  4. questo viaggio in irlanda mi piace sempre di piuù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa tanto piacere Teresa e ancora ce ne sono di cose che vi devo raccontare!

      Elimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin