10/09/14

Polonia on the road: Wroclaw


Sono rosa i tramonti di Wroclaw. Un rosa caldo e avvolgente che scivola sopra le facciate della Rynek sfumando in arancio e rosso e  quel giallo oro   che mi ricorda tanto l'autunno.
Le fanno risplendere e brillare, loro che sono già così belle.
La mattina presto invece la luce si insinua delicatamente tra le pietre scalzate che le circondano mentre la pioggia non fa che renderle ancora più romantiche come in una poetica Parigi del'Est.








E queste case un po' gotiche e un po' rinascimentali hanno nomi come  Hansel e Gretel e  Sole  d'oro e I Grifoni  e hanno insegne e stemmi e frontoni fiabeschi che invitano a provare a indovinarne la storia immaginando le famiglie che ci abitavano e cosa facevano e se anche loro come noi amavano passeggiarci davanti ad ogni ora del giorno, tra statue di gnomi e di orsi, vecchie locande seminterrate e sinuose fontane dai vetri ondulati come flutti.




Ma Wroclaw è molto di più.
Tramonti rosa e interminabili passeggiate lungo il Vistola, insoliti  trompe-l'œil , talmente veri da desiderare di gettarsi dentro e  cento e più ponti di ferro e  isole punteggiata di campanili che svettano fin oltre il cielo.





Profumi inebrianti, sapori pungenti come quelli delle bancarelle del mercato, del cibo di strada e dei cafè on the go e soffitti talmente belli da far girare la testa.
E sì ovviamente gli gnomi, almeno trecento da cercare insieme ai bambini in giro per la città.
E allora  se state cercando  una città dove trascorrere un break autunnale fate un pensiero su Wroclaw e senza dubbio includetela in un itinerario della Polonia on the road.
Oggi su Piccolini trovate un piccolo elenco di cose da vedere e fare  insieme ai vostri piccoli  grandi esploratori con le  informazioni, al solito, su dove dormire e mangiare .


PRIMA DI WROCLAW
DOPO WROCLAW
INDICE POLONIA ON THE ROAD



-->

5 commenti:

  1. Come sempre immagini stupende che fanno venir voglia di partire!
    Tra l'altro Wroclaw è una metà che da un po' mi incuriosiva: aggiudicata!
    Cercherò sicuramente uno scambio lí!!! È un po' che non commento i tuoi post, ma sempre ti leggo. Sto firmando con altro accoun, ma sono "lacasainscambio" (www.lacasainscambio.blogspot.it). È tanto che non aggiorno il blog con i nuovi scambi, molti, ma lo farò al più presto...Già, sono stata un po' presa da un nuovo progetto!
    Se ti va di darci un'occhiata: retroanddesign.blogspot.it
    Tratta del mio lavoro: architettura, arredamento, vintage, riuso, modernariato...curiosità!
    Preferisci viaggiare, si sa, ma magari leggi anche di "cose di casa"... ;-). Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh ma dai molto molto volentieri! Cose di casa? Insieme a home e casa facile è tra le riviste che compro ogni mese. L'arredamento, il riuso e il modernariato mi interessano da quando a poco più di 20 comprai con l'aiuyo dei miei la mia prima casina. Passavo le giornate tra i libri universitari e le riviste di arredamento e per risparmiare buttai giù i muri e imparai a fare le tracce! :-) E tante case dopo, non è che sia cambiata poi tanto. :-)

      Elimina
    2. Allora sei assoldata! Sai già buttare giù muri e fare tracce...sei l'uomo giusto! ;-)
      In effetti "cose di casa" é una rivista davvero carina, difficile non divorarla. Non che le altre siano da meno!
      Avevo scritto "cose di casa" senza pensare alla rivista, riferendomi ad arredi&co.; però dal mio subconscio è uscito un modo di dire riferito proprio a una delle letture che più mi piacciono :-)

      Elimina
  2. sai che sono stata a Wroclaw due volte (e si pronuncia Wrozwaf). la prima volta era l'inverno del 1989. il Muro era appena caduto e io ci andai per un incontro della comunità di Taizè. La volta dopo era già il '95 e il cambiamento era già in atto, non molto ma qualcosa sì. E ora, quant'è bella? non ci sono mai tornata, ma lo farò. mi rimane un'amica che abita lì, la figlia della famiglia che mi ospitò per una settimana nell'89 (parlavamo allora un po' in tedesco e un po' in inglese, successivamente in italiano - lei studiava italianistica all'università. io avevo portato glio spaghetti e a colazione proponevano the e aringhe del baltico. vedi tu.). siamo ancora in contatto. bello no? e intanto l'europa è cambiata. ciao!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara mi interessano sempre tanto le tue vecchie e affascinanti avventure di viaggio! :-)
      Non bello, meraviglioso! Cosa c'è di più prezioso che ricordi come questi?
      Sì devi tornare, per ritrovarla cambiata eppure in qualche modo la stessa. Mi è successa una cosa simile con Praga. Ti abbraccio forte forte.

      Elimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin