10/10/14

Storia d'Autunno


Abitava con la sua famiglia in quella terra un po' magica a nord di Londra. Un'immensa distesa di faggi imponenti ed enormi querce secolari, piccoli stagni abitati da cigni e anatre e invitanti ruscelli, dove giocare a spingere improvvisate barchette di sughero o di legnetti intrecciati con  fili d'erba.
Viveva lì, nella straordinaria foresta di Epping e nel tempo libero si beava dei suoni  e dell'incanto della natura e osservava i ragni impegnati a costruire invisibili capolavori cullati dal vento.
Le piaceva osservare quel paradiso per poi provare a riprodurlo su un foglio. Fiori, rami nodosi, raggi di luce e quella nebbiolina che scende la mattina presto nel bosco.
Ma fu solo dopo che un brutto distacco della retina a soli tredici anni le impedì di svolgere le attività sportive a scuola che quel suo piccolo hobby si tramutò in una grande passione.



Trascorreva i pomeriggi nell'aula d'arte, consultando libri e disegnando.
E quando anni dopo fu il momento di scegliere il college decise di studiare alla St Martin's School of Art a Londra.
Ogni giorno percorreva in metro il tratto che la separava dalla scuola sulla Central Line, la linea più trafficata della capitale inglese, odiando intensamente quel caos così lontano dalla quiete del bosco.
E allora mentre i sotterranei di Londra rotolavano fuori dal vetro del rumoroso vagone lei si rifugiava in un mondo immaginario e idilliaco, abitato da piccole graziose  creature impegnate ad essere felici.



E così nacque  l'universo incantato di Boscodirovo. 



Un microcosmo morbido e rassicurante fatto di topolini che festeggiano il passare delle stagioni, tostano noci, scaldano il vino, vivono avventure ma soprattutto ridono, gioiscono e qualche volta hanno paura.





Un mondo semplice ma mai banale, da cui emerge sopra ogni cosa l'amore per la vita, per la famiglia, gli amici, la natura.

E così nacquero le incantevoli storie di Jill Barklem, racconti che fanno bene al cuore.
Da leggere ad ogni età, insieme, perdendosi nelle illustrazioni che spiccano come capolavori dipinti sulle pagine, fatti di infiniti precisissimi dettagli e di una bellezza semplice eppure travolgente.





Che ti si appiccicano addosso per non lasciarti  più.
Da guardare e riguardare per non dimenticare di ricordarsi l'importanza delle cose piccole e semplici.



Una bevanda calda, il fuoco che crepita nel cammino, il frusciare delle fronde al vento, l'autunno, una ninna nanna, l'abbraccio di un bambino.




********
Le illustrazioni che compaiono nelle foto di questo post sono quelle di Storia d'Autunno in cui la piccola Primulina si perde ritornando a casa dopo aver raccolto more nel bosco.







La trovate da sola,  o nel volume che raccoglie le quattro stagioni.
Splendido anche Il mondo di  Boscodirovo con la mia storia preferita in cui mentre tutti sono impegnati nei preparativi per la Festa di Mezzinverno, Peverino e Primulina trovano in soffitta una scala segreta che conduce in un luogo  segreto.
Links:
Storia d'autunno
Un anno a  Boscodirovo
Il mondo di Boscodirovo

8 commenti:

  1. Avevano regalato al mio ometto mangialibri un piccolo libro di boscodirovo parlava di una festa di compleanno a sorpresa per Peverino...è vero le illustrazioni sono semplicemente belle, da perdersi ore e ore a guardare ogni piccoolo dettaglio. Appena finiamo di leggere Stagioni di Blex Bolex il nostro pentolone magico regalerà sicuramente un anno a Boscodirovo per la mia bimba...e finite le avventure do orso blu il mio ometto troverà il secondo volume di Harry Potter...ma ci vorrà ancora un po' di tempo è lunghissimo! Noctambulotti ha detto a Orso blu che la scuola per lui è finita...finalmente vedremo anche noi un Po' di luce? Tutto quel buio sotto terra mi angosciava un pochino...:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, ma lo sai che ogni tanto ancora Aj mi dice che gli manca Orso blu? Noctambulotti... che mito, dunque adesso siete nella grande foresta! :-)
      Noi stiamo leggendo La città dei libri sognanti e devo dire che il livello sale di parecchio, ci sono tante parti piuttosto macabre e le descrizioni a volte sono estenuanti ma è davvero un capolavoro.
      Boscodirovo è incantevole, la piccolina lo adorerà!
      Un abbraccio grande!

      Elimina
    2. Siamo ancora nel labirinto…vuoi vedere che l'uscita era il buco dimensionale di Qwert? Domani sera lo scopriremo sicuramente.
      Forse sono in ritardo ma ti faccio i miei auguri di Buon Compleanno!

      Elimina
  2. Ma sai che non li conoscevo???? Qui si impazzisce per TopoTip e Sandrino, ma corro subito a prenderli! Mi hanno conquistata immediatamente!
    Le cose semplici e mai banali <3 questa me l'appiccico davanti al monitor e me la ripeto come un mantra!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima, Ale, vedrai come gli piacerà!
      Un abbraccio grande!.

      Elimina
  3. Con il compleanno del piccolo che si avvicina, S. Lucia e tutte le feste che arriveranno (evviva!) c'è solo l'imbarazzo della scelta su quando regalarlo! Ma sicuramente arriverà anche in casa nostra, mi sembra proprio bellissimo! Grazie per i millemila consigli, idee e spunti che sempre ci offri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Chiara, sei un tesoro. Poi fammi sapere se vi è piaciuto!

      Elimina
  4. ... che combinazione anche noi lo stiamo leggendo in queste sere..... :D

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin