Miniguida alle Cotswolds: Informazioni Pratiche


Snowshill

Vi capita mai di guardarvi da fuori? Voglio dire, dall'esterno, come se aveste una telecamera puntata addosso e voi siete quelli sullo schermo.
 A me succede spesso. 
L'ultima volta  è accaduto  una settimana fa, mentre dentro ad un Astra rossa fiammante scivolavamo dentro alla quintessenza della campagna inglese.
Insomma, io mi vedevo. Con il cappello  di lana grigio tirato sulla fronte  e le punte dei capelli sciolti  rosa, seduta insieme alle persone che  più amo al mondo con un sorriso stupido stampato sulla faccia. Un misto tra estasi e beatitudine.


Sopra, un cielo perfetto né azzurro né grigio, inondato da quella luce del Nord che  disegna il mondo come  una tela e poi dà forma alle nuvole.

Broadway Tower

Intorno  i prati, ancora verdissimi e  pecore a decine, a brucare ad ogni angolo. 
Ricordo che una volta ho obbligato Babbogiramondo a fermarsi ogni dieci metri per fotografarle tutte. Devo avere anche un video da qualche parte, con lui che mi prende in giro mentre sono   tête-à-tête con un gigantesco montone irlandese.
Ma torniamo alla strada. Le pecore,  dicevo , e poi di tanto in tanto piccoli gruppi di case. Cottage color miele  in fila come stormi pronti a levarsi in volo.
Solo che il meraviglioso mondo di  Oz è già qui  tra queste colline distese tra sei contee. 

Un' Area di eccezionale bellezza naturale. Così l'hanno dichiarata, ma non basta.
Le Cotswolds sono  un sorriso stupido, uno stato d'animo, una musica che ti travolge, una storia che non vorresti finire.


La campagna inglese e  i romanzi che saltano fuori ad ogni angolo, l'odore del legno antico di certi pub e l'afternoon tea. Le cattedrali immense e  i villaggi fatti di case e tetti di pietra che si riflettono sul fiume. I manieri e le torri isolate e quell'intrico di rami che in inverno si spoglia fino a sembrare un abbraccio di braccia nodose che ricamano il cielo.


Ma per oggi basta così, è tempo di lasciare da parte il romanticismo e parlare di cose serie.

Avete la sensazione che questo straordinario angolo d'Inghilterra sia fatto  per voi? Siete in cerca di un'idea per trascorrere un weekend o una vacanza in una terra che è un po' Jane Eyre, un po' Agatha Christie e un po' Harry Potter?
Bene. Allora andate avanti. Qui sotto trovate le risposte a molte delle domande che mi avete fatto su instagram e alcune informazioni che potrebbero esservi utili per organizzare il vostro viaggio. Non sono un'esperta di Cotswolds, tutt'altro. Ma le ho amate terribilmente e questo  a volte fa la differenza.


COME ORGANIZZARE UN VIAGGIO NELLE COTSWOLDS
INFORMAZIONI UTILI
1. Dove dormire
2 .Dove mangiare
3.Il rito dell'afternoon tea
4. Quando andare
5. Come muoversi.
6. Le librerie
7. Come arrivare



1. DOVE DORMIRE NELLE COTSWOLDS
Cottage a Lower Slaughter

La scelta di dove dormire  è una faccenda seria. Quello che intendo dire è che fa parte del viaggio e segna la differenza. Ci sono, secondo me, principalmente due tipologie di alloggio (esclusi i classici alberghi o bb) tra cui scegliere: 
essere "coccolati" in una fascinosa Manor House o scivolare  dentro alla storia entrando a far parte dell'english country living affittando un cottage.

Per ovvie ragioni ritengo che la prima opzione sia più adatta a chi viaggia in coppia e la seconda alle famiglie con bambini ma questo non toglie che sia vero anche il contrario. In viaggio, sapete ormai come la penso,  tutto diventa soggettivo.

Come molti già sanno, noi abbiamo scelto l'opzione cottage. 
La splendida Snowshll e sullo sfondo , il nostro cottage. Il primo dei tre sulla sinistra.

Perché  amiamo avere una casetta tutta nostra da qualche parte nel modo, perché viaggiando in quattro avere più spazio a disposizione è fondamentale, perché ci piace poter mangiare qualche volta a casa , perché trovo i cottages super affascinanti, perché mentre la sera Alex dorme in camera a noi piace rimanere svegli in salotto  a giocare e... potrei andare avanti per ore.
Se pensate che questa sia la scelta giusta anche per voi considerate che esistono un'infinità di siti inglesi dove poter affittare (è sufficiente googlare cottage+ Cotswolds)  ma  trovate ampia scelta anche su booking e airbnb, gli strumenti principali con cui prenotiamo tutti i nostri alloggi.

In genere per appartamenti e case utilizziamo di più il secondo ma in questo caso, abbiamo trovato il  cottage su booking*. Considerate che abbiamo fatto la prenotazione soltanto 3 giorni prima perché la nostra destinazione per gennaio doveva essere tutt'altra.
Eccolo qua:

Il nostro cottage a Snowshill

Il cottage si trova a Snowshill, un minuscolo villaggio composto da una chiesa, una tradizionalissima  cabina del telefono**  e un bel pub. Forse, chi ha visto il diario di Bridget Jones avrà presente la casa dei genitori di Bridget. Ecco, il cottage si trova proprio là.
Se avete un animo romantico potete capire cosa significa svegliarsi al mattino e affacciarsi alla finestra di un posto così.


Il cottage è composto da tre piani. Salottino  + cucina + giardino al piano terra. 


Camera matrimoniale e bagno al primo piano, camera con due letti singoli al secondo. La culla non è disponibile ma la signora che si occupa del cottage e  con cui dovrete sentirvi prima di partire, è riuscita a trovarci un lettino da campeggio per Alex. 
Snowshill si trova a Nord delle Cotswolds per cui valutate se non sia il caso, a seconda dei vostri programmi, di scegliere un luogo più centrale. 
Per quanto ci riguarda, abbiamo avuto solo 3 giorni a disposizione e a parte Lackock Abbey e Castle Combe, siamo rimasti nei dintorni per cui Snowshill si è rivelata un'ottima base per visitare i tanti meravigliosi villaggi della zona.
Vi linko anche un altro cottage più a Sud che era stata la nostra prima scelta ma che  si è rivelato non disponibile per quelle date.

Se non siete ancora iscritti a airbnb, utilizzando questo link riceverete 25 euro di sconto sul vostro primo viaggio.
*per quanto riguarda booking, prenotando attraverso questo link riceverete uno sconto di 15 euro sulla prenotazione successiva.
** Per chi come noi fa geocaching, una cache è nascosta proprio dentro alla cabina telefonica nella foto. 

2. DOVE MANGIARE:
The George Inn, Lackock

Lo scricchiolio dei pavimenti in legno, il calore di un camino acceso, i tabelloni per giocare a freccette chiusi negli armadietti appesi alla pareti. Il fascino delle vecchie public house inglesi è straordinario. Che sia per un Sunday Roast domenicale, a pranzo in un giorno qualunque o a cena, mangiare in una locanda inglese fa parte dei piaceri del viaggio.
Potete cominciare con gli starters come una zuppa o del camembert caramellato o passare direttamente ai main courses, i piatti principali che comprendono sempre anche uno o più contorni.

Tra i nostri preferiti, a parte l'onnipresente fish and chips ci sono sicuramente la steak and ale pie coperta dal classico yorkshire pudding  e il pollo arrotolato  nel bacon, ma lasciatevi tentare da abbinamenti nuovi e insoliti, in fondo uno dei piaceri del viaggio non è anche quello di provare cose nuove ?
Per quanto riguarda i bambini, seggiolone e fasciatoio sono quasi sempre a disposizione così come i kids menu con i classicissimi sausages e patatine (ma per fortuna anche piselli  e verdure) o il pollo fritto. 
Qui sotto vi lascio i nomi dei tre pub dove abbiamo fatto un buon pranzo  ma se avete altri suggerimenti vi prego di segnalarmeli nei commenti.

1° giorno
CASTLE COMBE
Personale gentilissimo, atmosfera calda e accogliente, Steak and ale pie buonissimo.
2° giorno
STOW IN TH WOLD
Vetrate sulla piazza, camino acceso, atmosfera accogliente e cibo ottimo.
3° giorno
Lackock
THE GEORGE INN

Si trova nel suggestivo villaggio di Lackock, set del primo film Di Harry Potter. Il pub è affascinante ma non tutto il personale è gentile. Non c'è un menù per bambini ma potete chiedere porzioni più piccole. Il roast beef era terribilmente duro ma il pollo avvolto nel bacon favoloso.


3. IL RITO DELL'AFTERNOON TEA

Quattro giorni prima di partire ho proposto a Babbogiramondo di cambiare meta e andare nelle Cotswolds.  Quando al telefono gli ho detto che  mi preoccupava un po' il tempo che avremmo trovato  lui mi ha risposto: " Se anche piove tutto il giorno non importa! Tanto ci sono le sale da tè "
Ecco. Il tè del pomeriggio è un rito necessario, un momento irrinunciabile che entrerà a pieno titolo a far parte della storia del vostro viaggio.
Scegliere insieme la tearoom, sedersi davanti ad un camino acceso mentre fuori  scende la notte e si accendono i primi lampioni,  il fumo bollente che scivola fuori dalla teiera, le chiacchiere, le risate, i racconti della giornata. Fatelo e capirete facilmente l'effetto benefico che può avere  a nice cup of tea. 
Siete stati in tantissimi a chiedermi i nomi delle sale da tè dove siamo andati. Ve li lascio qui sotto ma vi suggerisco di provare a trovare da soli la vostra. Lasciatevi ispirare e considerate che alcuni villaggi hanno più sale da tè che abitanti. ;-)

1° giorno
BOURTON ON THE WATER

Si trova nel delizioso villaggio di Bourton e ci ha attratto a causa delle millemila insolite teiere che circondano le vetrate e punteggiano il soffitto.
A parte ciò il posto non è niente di particolare, gli scones molto buoni (abbiamo preso un cream tea) ma il tè non un granchè.  Tra i tre, finisce all'ultimo post della nostra consueta hit  che facciamo ad ogni viaggio.

2° giorno
CIRENCESTER
Watersones è una catena di splendide librerie. Siamo venuti qui, solo per comprare l'introvabile Mago di Oz e i personaggi del Gruffalo per Alex. La libreria è bellissima e abbiamo fatto tardi così per non rischiare di trovare le sale da tè chiuse ci siamo fermati alla caffetteria  del negozio che si è rivelata un'ottima scelta. Le mini tortine di Victoria sponge si sono rivelate favolose, tè ottimo e atmosfera... beh è una libreria no?
Consigliata.

3° giorno
BROADWAY

Ecco la nostra preferita. Arrivati di corsa alle 16.30 dopo una giornata in giro, temevamo non ci facessero ordinare (le sale da tè chiudano quasi tutte alle 17.00) e invece siamo persino riusciti a goderci un meraviglioso afternoon tea.

Sandwiches a scelta, torta (Victoria sponge), scones con clotted cream e tradizionale marmellata di fragole e bicchiere di prosecco. Oltre a d un delizioso tè naturalmente.
Il posto è adorabile, traboccante di scatole di latta di ogni sorta e delizie da portare a casa come souvenir.
Consigliatissimo.

Il consiglio in più:
LOWER SLAUGHTER
Lower Slaughter.

All'interno del vecchio mulino si trova una sala da tè adorabile. Purtroppo rimane chiusa per tutto gennaio ma se ci andate in un altro periodo fateci un salto.


DA NON DIMENTICARE:
Le sale da tè chiudono quasi tutte alle 17.00. In molte tearoom è possibile anche fare un pranzo leggero.

E se adesso vi è venuta voglia di un cream tea, qui trovate la mia ricetta.


4. QUANDO ANDARE:

Inverno a Lower Slaughter
Non esiste un periodo migliore per visitare le Cotswolds, ogni stagione ha il suo fascino
L'inverno ad esempio, è stato per noi incredibilmente magico. Temperature inaspettatamente miti (il tempo inglese è più che mai imprevedibile) cieli straordinari e ovunque  tutti quei rami  come scheletri protagonisti del paesaggio. Un aspetto sinistro che ci ha affascinati terribilmente. Aggiungeteci la quasi totale assenza di turisti, i prezzi decisamente a buon mercato, i camini accesi e capirete perché non posso non consigliarvi  questa stagione. Se poi dovesse nevicare... beh, che volete di più?
La Primavera deve essere un tripudio di colore. Lo scorso Maggio siamo stati nel Northumberland  e , oh, le fioriture di parchi e giardini! Credo che le Cotswolds non siano assolutamente da meno.
L'autunno, che ve lo dico a fare, mi commuovo solo al pensiero di cosa deve essere il foliage .
L'estate è forse la stagione che mi attrae meno ma al di là della folla di turisti può risultare comunque  attraente pensando alle caffetterie all'aperto, le fiere di paese,  le terrazze sul fiume, i mercati.
Se scegliete di partire in estate state attenti al periodo che scegliete cercando, se possibile, di evitare le ferie scolastiche inglesi e la prima quindicina di agosto.

5. COME MUOVERSI:
In auto:
Il modo più comodo per muoversi nelle Cotswolds è senz'altro la macchina
Non lasciatevi spaventare dalla guida a sinistra. All'inizio sembrerà strano ma è davvero solo questione di abitudine e molto probabilmente troverete la stessa difficoltà al vostro  rientro in Italia.
Ci sono decine di agenzie di noleggio tra cui scegliere ma vi segnalo comunque il sito dove ha prenotato Babbogiramondo e con cui ci siamo trovati molto bene.
Hertz per l'aeroporto di Bristol e Budget a Gatwick tramite Autoeurope  .
Vi consiglio di fare l'assicurazione con copertura totale. Vale davvero la pena di spendere qualche euro in più, ve lo dico per esperienza.

Hiking e Mountain Bike:
Se non guidate non significa affatto che dovrete rinunciare alle Cotswolds. 
Moltissimi inglesi arrivano in treno e si muovono con autobus locali e percorsi a piedi. Se amate l'hiking la campagna inglese è perfetta per voi. Ci sono inoltre moltissime piste ciclabili.Se non vi spaventa l'eventualità del brutto tempo, una vacanza in bicicletta nelle Cotswolds potrebbe rivelarsi una bellissima idea.

6.LE LIBRERIE PIU' BELLE DELLE COTSWOLDS:
Jaffé and Neale, libreria e caffè a Stow on the Wold

Se anche voi subite il fascino delle  librerie, se le includete sempre nei vostri viaggi o qualche volta ne fate persino la meta principale allora continuate a leggere, altrimenti passate avanti  al punto successivo.
Le Cotswolds vantano librerie di ogni genere. Minuscoli antri traboccanti di vecchi volumi, moderne librerie  con  annesse  sale da tè e persino book exchange nascosti dentro alle  cabine del telefono.
In  quasi tutti i villaggi ne troverete una ma il primato va  probabilmente  alla deliziosa  Stow on the wold dove quasi ad ogni angolo troverete librerie moderne ma soprattutto bookshops di seconda mano. Quello dove andare a caccia di tesori o di una nuova edizione del vostro Mago di Oz *. Tra le millemila librerie in cui siamo entrati vi segnalo quelle che mi sono piaciute di più :

STOW ON THE WOLD
Libreria ricchissima di tesori, specie al primo piano dove si trovano i libri per bambini.
Super consigliata.

Libreria moderna in zona comoda anche per lasciare auto all'inizio del paese.
Molto carina e con caffetteria dove mangiare o sedersi a bere un tè mentre i bambini giocano.
CHIPPING CAMDEN
Libreria di seconda mano in una piccola traversa sulla strada principale di Chipping  Camden. Bellissimi volumi usati. Merita una visita se siete in cerca di qualcosa di particolare.
CIRENCESTER



Se vi trovate a Cirencester vale la pena venire qui anche solo per la vetrina di questa libreria indipendente.
Libri nuovi, tanta scelta anche per i bambini.
Splendida catena di librerie moderne, ampissima scelta di libri per bambini e fantastici giochi di società (per chi ha visto le stories su instagram è qui che Aj ha comprato avocado smash). C'è anche la caffetteria dove gustare un'ottimo cream o afternoon tea.

CORSTON

Un angolo per il book exchange nascosto dentro ad una tradizionale cabina telefonica. Semplicemente unico. Non dimenticate di mettere in valigia un  paio di libri da scambiare .Si trova sulla main road A429, sulla sinistra andando verso nord.
Imperdibile.

* per chi ancora non lo sapesse collezione edizioni del celebre romanzo di Baum che acquisto in ogni parte del mondo.


COME ARRIVARE NELLE COTSWOLDS:
In auto:
Se siete amanti dell'on the road date un'occhiata al nostro itinerario per raggiungere l'Inghilterra in auto.

In aereo:
L'aeroporto più vicino alle Cotswolds è quello di Bristol.
Tra le compagnie low cost, in questo momento Easy Jet vola su Bristol da Pisa, Genova, Napoli, Catania, Torino e  Roma.
Bristol si trova  a circa 50 chilometri dalla celebre Castle Combe e un centinaio da Snowshill.
In alternativa c'è  Londra circa 50 chilometri in più rispetto a Bristol.

Per quanto riguarda i tempi di sbarco tenete presente la fila per il controllo dei documenti. Infatti, a meno che non abbiate passaporti elettronici e TUTTI I BAMBINI MAGGIORI DI 12 ANNI dovrete entrare nel vortice degli infiniti tornelli che portano al controllo documenti.
L'attesa può durare di media 1 ora o più e può sembrare ancora più lunga con dei piccolini che dormono in braccio. Se non avete un marsupio cercate di procurarvi un passeggino. Ci sono quelli dell'aeroporto anche se ahimè non sempre disponibili .  (Vi ricordo che il vostro passeggino vi verrà restituito insieme all'eventuale bagaglio sopo DOPO il controllo dei documenti).


Per oggi direi che è abbastanza. Qui sotto trovate il link al prossimo post dove vi racconto  dei villaggi che abbiamo visitato inclusa la mappa interattiva dei luoghi menzionati.
Se ancora non mi seguite (che aspettate? ;)) vi ricordo che su instagram trovate il video dei nostri ultimi viaggi, compreso quello delle Cotswolds, in evidenza sul profilo.
Ma adesso ditemi. Siete pronti a partire?

LEGGI L'ITINERARIO DEL PRIMO GIORNO NELLE COTSWOLDS


-->

Commenti

  1. Ciao Daniela ho seguito tutto il vostro viaggio su Instagram e me ne sono innamorata! Ti ringrazio tantissimo per questo post che renderà più facile prenotare il viaggio per noi che non siamo tanto esperti. Aspetto com ansia la prossima parte e ti faccio tanti complimenti.
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Anna. La seconda parte sarà online questa settimana!

      Elimina
  2. Since September we live in Hampshire (we are French) so, this year we plan on visiting a lot of places in England! Of course the beautiful Cotswolds are on our list and not so far from our place ! Thank you for the good tips!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh you're so lucky to have the opportunity to live in Hants! You're surrounded by lot of beautiful places! We have loved the Jurassyc coast and The New Forest and there're so many things to see and do all around there! Cotswolds are such a magic. Counts on me if you need any others suggestion! Daniela

      Elimina
  3. Ciao Daniela, è sempre un piacere leggere i tuoi post... bellissima la foto di Alexander con il Gruffalò e il topolino!

    RispondiElimina
  4. Ciao, dalle fotografie a quanto descritto, tutto mi ha fatto dire: questa sarà la mia prossima meta. Ed infatti prenotato per fine febbraio!!! Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero contenta! Mi raccomando poi fammi sapere. :-) Intanto ieri ho pubblicato anche la prima parte del nostro itinerario. Magari può esserti utile. Un caro saluto e la prossima volta non dimenticare di dirmi come ti chiami! ;-)

      Elimina

Posta un commento