24/03/09

Vamos a tapear

Un Viaggio in Spagna di tutto rispetto non può assolutamente prescindere dal piacevole rito delle tapas.

Collage di Picnik4534

L'origine delle tapas che possiamo in italiano storpiare in assaggini piuttosto che stuzzichini (ma è orribile e continuerò a chiamarle tapas) si perde nella notte dei tempi.

E' certo che siano nate in Andalusia ma sul come e quando si è assisitito alla nascita di decine di leggende.

tapas a Barcellona e a Siviglia

Una delle più ricorrenti e direi anche carine è quella che ne attribuisce l'involontaria invenzione a Filippo IV, sovrano della dinastia degli Asburgo, nel lontano XVII secolo.

Sembra che il "Sabio" sovrano, stufo della dilagante ubriachezza molesta dei suoi sudditi, abbia infatti ordinato ai gestori delle taverne di coprire ogni bicchiere di vino (e da qui il nome tapa= copechio) con una fetta di pane e di accompagnarlo con insaccati o formaggi per mitigare gli effetti dannosi dell'alcool.

Le tapas preferite di Aj

Altri attribuiscono l''origine all'abitudine degli albergatori di coprire il bicchiere di vino con un piattino onde evitare lo spiacevole annegamento di mosche o zanzare.

Il piattino vuoto per ragioni misteriose è stato poi riempito con pezzettini di prosciutto, formaggio o altro.

Gazpacho, pescado e altre tapas in andalusia

Ma al di là di queste leggende , la vera origina della tapas sembrerebbe trovarsi nelle campagne dell'Andalusia. Qui i contadini avevano l'usanza di mangiare piccole razioni di cibo, con il fine di riuscire a lavorare tutto il giorno sin ad arrivare all'ora del pranzo.

E questo continua ancora oggi ad essere il significato delle tapas, uno spuntino per arrivare all'ora di cena, anche se ormai in Spagna si è diffusa l'abitudine , soprattutto nel fine settimana di cenare con tapas e vino.

Il prezzo dele Tapas può variare da 1 euro a circa 10 euro a seconda ovviamente di che cosa si ordina e dove.

meravigliosa tapas a Siviglia

Le tapas si possono gustare fuori o dentro il locale, in ambienti di lusso o in veri e proprio tapas bar.

Storico locale di tapas a Sivigia

Vamos a tapear a... sSviglia

Se posso darvi un suggerimento vale la regola che più il locale è malfamato e più le tapas sono buone. Se vi trovate in giro per tapas non lasciatevi ingannare dal localino bello, pulito e soprattutto vuoto (ebbene si ci siamo cascati anche noi a Siviglia) perchè vi troverete a mangiare delle microporzioni di tapas a prezzi non dico elevati ma molto superiori alla media.

Buttatevi invece allegramente nel locale superaffollato, peno di gente che canta ride e scherza, perc hè in fondo lo spirito delle tapas è proprio questo, non ve ne pentirete.

DSCF4520

Spesso questi locali usano la famosa lavagna dei nomi che assomiglia moltissimo a quella che si usava a scuola per dividere i buoni dai cattivi, con relativo voto, tanto che leggervi

mammagiramondo 3 mi mette un po' di ansia.

Superata l'angoscia da insufficienza non temete di dover stare sull'uscio della porta (come in punizione) con l'orecchio teso, quando sarà il vostro turno, lo saprà tutta la città!!

A questo punto se vi è venuta voglia di tapas, due sono le cose che potete fare:

approfittare delle offerte Ryanair e andare a mangiare delle vere tapas spagnole, o mettere su qualche bel cd di Montoya e realizzare delle tapas casalinghe.

Provare per credere!!

Una semplicissima (e che adoro):

TORTILLA DE PATATAS

Per 4 persone :

  • olio d'oliva

  • 1 cipolla media

  • 5 uova

  • 4 patate medie

Pelate, lavate e asciugate le patate.Tagliatele a fettine molto sottili (o grattuggiatele). Tagliate la cipolla non troppo sottile. Scaldate in una teglia abbastanza larga (circa 30cm di diametro) dell'olio e poi unitevi la cipolla. Lasciatela appena imbiondire ed aggiungete le patate. Lasciate cuocere a fuoco lento fino a quando non si ammorbidiscono ed inizino a dorare. In una terrina sbattete le uova con un po' di sale e poi unitevi le patate e cipolle ben scolate dall'olio (lasciandone però un po' sul fondo della teglia) e mescolate bene. Rimettete la teglia sul fuoco con il composto di uova e patate e lasciate cuocere coperto per circa 5-10 minuti, lasciando dorare bene. Girate la tortilla con l'aiuto del coperchio, e cuocere dall'altro lato sempre a fuoco lento, per farla dorare. Servite calda.

Ma ce ne sono tantissime qui

Che ne pensate? Se siete stati in Spagna, qual'è la vostra preferita? E se non ci siete stati, quale vi ispira di più?

Chi non ha un account puù lasciare un commento semplicemente cliccando su commenti in fondo al post e poi su "anonimo".

Buone tapas!!!!

2 commenti:

  1. Mi permetto di segnalarti che in spagnolo, si dice "VAMONOS DE TAPAS!" (imperativo)o NOS VAMOS DE TAPAS? (se vuoi invitare qualcuno)".Si vede che sei molto colta, so che non prenderai a male questa mia piccola osservazione per migliorare la tua conoscenza della lingua spagnola :)

    RispondiElimina
  2. A Granada (e in pochissime altre città) le tapas sono gratuite con ogni bicchiere che si ordina!

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin