04/01/10

Fiabesque 2010, tra realtà e fantasia...

03.01.10
Spingo un pulsante e le porte si chiudono.
Solo pochi secondi in cui tutto pare fermarsi mentre si attraversa lentamente quel sottile confine tra due mondi.  Sospesi così tra realtà e fantasia.
Uno dei tanti scorci di Peccioli
L'ascensore di vetro si ferma proiettandoci su un'altura che domina la valle  e che avvolge il borgo con il  frizzante profumo dei pini selvatici. Mattoni e pietre a far da cornice alle strade strette dove risuona cupo l'eco dei passi.

image
Bastano due curve per arrivare alla Piazza di Peccioli, l'antico borgo in provincia di Pisa dove oggi l'illusione diventa realtà e la realtà diviene magia.
E' l'incanto di Fiabesque che accoglie in questo angolo di Toscana tutti coloro che hanno voglia di vivere un sogno, di giocare con la musica, con la danza, con le favole, quasi a ricordarci che non bisogna mai smettere di sognare.
Il modo perfetto per inaugurare il nuovo anno, ideale per chi come noi viaggia sempre con una valigia piena di storie e una di fantasia.
Il tema della giornata è dedicato ai giochi, quelli di legno, quelli fatti a mano, quelli semplici da fare all'aperto, in cortile, quelli di quando giocare per strada era ancora normale.
Aj prova uno dei tanti giochi a Fiabesque

Piazza del popolo è gremita di bambini di tute le età.
Fiabesque
Ci sono quelli con gli occhi che brillano di emozione e le guance arrossate dal freddo, quelli in fila ansiosi di giocare, quelli che si lasciano incantare per ore da un mondo di pezzetti di legno, quelli con la barba, con le rughe vicino algi occhi, quelli che per un giorno hanno deciso di abbandonare il loro ruolo da grandi e perdersi insieme ai figli osservando il mondo con i loro occhi, quelli che hanno attraversato il confine con un brivido che li accarezza dolcemente la schiena.

Si dice che attraverso il gioco il bambino cominci a comprendere come funzionano le cose. Io immagino che per un adulto sia importante dimenticarlo. Qualche volta.

Fiabesque

Imboccando i vicoli intorno alla Piazza si può decidere di camminare sui trampoli, giocare a twister, a campana, all'elastico e sorprendersi piacevolmente osservando i nostri bambini che riecono a divertirsi ancora con i giochi di una volta, che dopo tutto  il Nulla di Ende si può ancora sconfiggere.
image
Fiabesque

Ai margini della strada buche e botteghe celano laboratori, musei, mostre e piccole librerie.
Ci lasciamo attirare da una stanza coperta da tavoli e sedie, fogli, colori e il fascino di una fiaba.
Kam ma kam...
Non lo sapete? E' una formula magica, c'era eppure non c'era, così si aprono le fiabe arabe.
L'ascoltatore viene proiettato in un mondo magico a cui si può accedere solo percorrendo la strada della fantasia, del sogno, dell'immaginazione.

Kam ma kam... un re ed un visir che erano amici da lunga data.
Le loro o mogli aspettavano un bambino e decisero che se fossero nati un maschio e una femmina li avrebbero poi fidanzati e fatti sposare.
Ma quando nacquero, la moglie del re ebbe un serpente, mentre la moglie del visir una bellissima bambina... (da una favola di origine persiana)

Dal Cile alla Nigeria, dal Perù alla Russia si ascolta e si legge rapiti, una braccio tra i popoli e tra culture diverse.
E poi pennarelli, tempere, acquerelli, matite e pastelli per rovesciare su un foglio bianco qualcosa di quel piccolo grande universo, per fermarlo per sempre, quasi a non volerlo perdere.

Tra un laboratorio e una mostra, l'incontro con strani personaggi e il sapore dolce di un bombolone scende la sera e ci si ritrova di nuovo in piazza dove un prodigioso pennello comincia a  dipingere di magia le pareti delle case, la torre, la chiesa.
La piazza di Peccioli illuminata durante Fiabesque 

Fiabesque

Fiabesque 
Finchè la notte cala su Peccioli e avvolge la piazza di una poesia di luce e prodigi.

image 
peccioli illuminata dalla magia di Fiabesque
image
Il tappeto di lana si trasforma in un lago incantato  dove insieme agli altri pesci nuota il pesciolino d'oro, C'era una volta...
Aj pesca a Fiabesque

I cubi di legno divengono mattoni per costruire un maestoso castello, la piccola catapulta un'arma per difenderesi dai nemici,

i giochi di Fiabesque
Giochi a Fiabesque 
Giochi a Fiabesque
giochi a Fiabesque

Giochi a Fiabesque

la kapla, una torre altissima dove salire fino al cielo per staccare una stella... per te mamma.
giochi a Fiabesque
Giochi a Fiabesque

E' l'incantesimo dell'amore, la magia della fantasia...

Allora mi domando: Che cosa sarà successo sul suo pianeta? Forse la pecora ha mangiato il fiore...
Tal altra mi dico: certamente no! Il piccolo principe mette il suo fiore tutte le notti sotto la campana di vetro, e sorveglia bene la sua pecora.
Allora sono felice, e tutte le stelle ridono dolcemente!
Tal altre ancora mi dico: una volta o l'altra si distrae e questo basta! Ha dimenticato una sera la campana di vetro, oppure la pecora è uscita senza far rumore durante la notte...
Allora i sonagli si cambiano tutti in lacrime! E tutto un grande mistero! Per voi che pure volete bene al piccolo principe, come per me, tutto cambia nell'universo se in qualche luogo, non si sa dove, una pecora che non conosciamo ha, si o no, mangiato una rosa. Guardate il cielo e domandatevi: la pecora ha mangiato o no il fiore? E vedrete che tutto cambia...
Ma i grandi non capiranno mai che questo abbia tanta imporanza.
Tutti i grandi sono stati piccoli, ma pochi di essi se ne ricordano.
(Il piccolo principe, Antoine de Saint-Exupéry) 

Informazioni pratiche:
Peccioli (Pi) ospita in questo periodo la sesta edizione di Fiabesque.
L'ultimo giornata dedicata alle fiabe è prevista per questo 6 gennaio 2010.
Come anticipato nella newsletter di mercoledì scorso, Qui trovate il programma.

Fiabesque si svolgerà dalle 15:00 alle 19:00 nella parte alta di Peccioli raggiungibile dalle scale o più facilmente dall'ascensore che si trova all'interno del grande parcheggio a pagamento lungo la strada. (Seguire le indicazioni per Peccioli centro).
Se il parcheggio è completo proseguendo pochi metri in discesa trovate diversi posti delimitati da strisce bianche subito dopo la prima curva.
Il mio consiglio è quello di cercare di arrivare un po' prima delle 15:00 perchè le persone sono tante e anche se l'ascensore è piuttosto grande la fila si allunga facilmente.
Potete naturalmente portare su il passeggino.
Copritevi bene perchè quando cala la sera scende molto umidità ma in compenso la magia delle luci scalda il cuore.
Armatevi di un po' di pazienza, sempre necessaria quando ci sono molte persone e lascitevi trasportare dalla magia del luogo, dagli spettacoli, dalle fiabe, il 6 Gennaio sarà infatti dedicato a questo.
Per avere una piccola idea di come si svolgerà l'evento potete leggere il nostro Fiabesque, il 6 gennaio dell'anno scorso.

Come arrivare a Peccioli:
Imboccare la Superstrada Pisa-Firenze, uscita Pontedera -Ponsacco, proseguire sulla SS439 in direzione Volterra, quindi deviazione per Peccioli dopo la località Selvatelle.
Seguire le indicazioni per Peccioli centro e Fiabesque.

8 commenti:

  1. alla fine c'eravamo anche noi e forse ci siamo intraviste tra un pennello e un acquerello..ma la timidezza ha prevalso e ho preferito lasciare il mondo reale per incontrarci di nuovo in quello virtuale..per ora...complimenti comunque sei riuscita a rendere pienamente la magia di quel luogo e di quei momenti..

    RispondiElimina
  2. che dire... sono meravigliata! metto l'evento in agenda per l'anno prossimo! sperando sia un po' più caldo (!) e di non essere convalescenti da qualche malattia!!
    un abbraccio e un bacione

    RispondiElimina
  3. Ehi Mamma, ma sai che ignoravo completamente questa bella manifestazione?! E sì che si svolge a tre passi da casa nostra! Ormai per quest'anno è andata, che siamo indieeeeeeetro con i compiti, ma me ne ricorderò per l'anno prox. E' adatta anche a bimbi un pò più grandini, tipo la mia sui 12?
    Vedo che c'era L'Ingegneria del Buon Sollazzo, io lo adoro, ogni volta che capitiamo in un posto dove c'è lui praticamente non facciamo altro.
    A presto, e mi saluti tanto la Famiglia Lo Zozzo!
    Dani

    RispondiElimina
  4. Wow, le foto che hai messo raccontano moltissimi momenti belli, particolari, é sempre un piacere visitare il tuo blog.
    Infatti, ti ho appena assegnato un premio.
    Grazie per i tuoi racconti e a presto!

    RispondiElimina
  5. @Patrizia: ma... ma tu ci hai visto? Pensa che io ho cercavo con lo sguardo una famiglia con un cane pronta a "provare" a vedere se eri tu ma c'era così tanta gente!
    Ci sentiamo per mail, così mi racconti ok?
    Un caro saluto!
    @Smile:Eh si per essere freddino lo era. Più che altro la sera scende molta unmidità ma dopo i -12 di Bruxelles non ci facciamo più caso!:)
    Un abbraccio grandissimo e sentiamoci presto!
    @Verdesalvia:Ma certo!! 12, 24, 36,48... dovevi vedere il ventinovenne BG come si divertiva!
    La giornata di domani sarà invece dedicata allo spettacolo, alle fiabe, agli attori di strada. Affascinante per tutte le età. Il gioco dell'ingegneria del buon sollazzo era mitico!!
    Uffi però i compiti!!
    Sybille:E io ti ringrazio moltissimo e ne sono davvero lusingata.

    RispondiElimina
  6. Buon anno famiglia giramondo!devo comprare la griglia per le gauffres e poi provo la tua ricetta..ho già l'acquolina in bocca!buona befana eh ehe :-)
    ciauuuuuu

    RispondiElimina
  7. @Daniela: Buon anno anche a te e... buona befana :)
    Poi mi raccomando voglio sapere come sono venute.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Quest'anno mi ero ripromessa di portare Matteo a Fiabesque ma poi il brutto tempo e il viaggio ci hanno fatto desistere ,dovremmo rimandare al prossimo anno peccato perchè le foto sono molto belle e la voglia di vedere questa manifestazione è rimasta!!!

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin