17/05/11

Pierino e il lupo.


Nel 1936 la direttrice del Teatro dei bambini di Mosca commissionò a Sergej Prokof'ev la stesura di un'opera che avvicinasse i più piccoli alla musica.
Perchè la musica  permette di esprimere emozioni, gratifica, diverte, insegna ad ascoltare il cuore; la musica  fa bene ed è indiscutibilmente una delle forme della felicità.
E per la prima volta nella storia, il grande compositore sovietico scrisse una fiaba in cui i protagonsiti sono gli strumenti musicali.


Orchestra jazz del Conservatorio di musica di Firenze mentre esegue Pierino e il lupo in versione jazz
C'è il flauto che fa l'uccellino, l'oboe l'anatra, il clarinetto il gatto, gli archi Pierino, ogni personaggio ha una voce che insieme al narratore racconta questa straordinaria favola musicale.

 Pierino e il lupo.
Una graziosa casetta di legno tra i boschi, un bambino, un Nonno, degli animali e naturalmente un "cattivo", il Lupo, rappresentato dal timbro  profondo e inquietante dei corni.
E  ascoltando la favola, ogni personaggio prende magicamente via, diviene reale attraverso la voce, il miracolo della musica che lo rende assolutamente reale e indimenticabile agli occhi dei bambini (e dei grandi).
 
Dopo aver visto ogni sorta di rappresentazione, dalla più classica al Jazz e letto infinite volte il libro abbiamo pensato di inventare un gioco da portare con noi in auto durante il viaggio, mentre lo stereo suona le note del grande musicista russo.
Per divertirci ad accompagnare la storia semplicemente muovendo due dita, o magari inventarne di nuove.

Ecco dunque nascere questi divertenti burattini da dito, di carta, semplicissimi da realizzare e divertenti da colorare.
E' sufficiente disegnare i sette personaggi su un cartoncino lasciando alla base un semicerchio in cui ritagliare i due fori per le dita.
Per portarli facilmente con voi senza correre il rischio di sciuparli potete incollare diversi cartoncini tra loro fino creare una lunga striscia di carta.

Piegatela a fisarmonica, decoratela e con un trincetto  praticate una fessura per ogni pagina per potervi inserire la base dei personaggi.
Due fori, una nastro ed ecco un pratico porta burattini da viaggio.


E' proprio una bella giornata,
con un bel sole giallo giallo
su nel cielo e con tanti bei fiori
gialli gialli giù nel prato.
Pierino apre il cancello del suo giardino.
Esce.
Dall'alto di un albero il suo amico Uccellino
 gli cinguetta un bel ciao... (...)

7 commenti:

  1. Adoro Pierino e il lupo...quando ero piccola...circa 30 fà...per un Natale mio zio mi regalò un album dove aveva disegnato tutta la storia e mia zia mi fece una cassetta dove lei raccontava la storia tra il violino e l'oboe!Era bellissimo, ora sembra quasi ridicolo ma erano i tempi del cantastorie e dei cartoni al cinema della WD!
    ciao Elisa

    RispondiElimina
  2. Tutt'altro che ridicolo Elisa piuttosto assolutamente straordinario! Che zii fantastici! Ah i cantastoria... quanti meravigliosi ricordi! Ma lo sai che ho la valigetta rossa con tutte le cassette e i due album rilegati? E adesso rivivo quelle emozioni con Aj... Grazie per aver condiviso questa cosa bellissima!

    RispondiElimina
  3. bella la tua proposta! anche a noi piace molto Pierino e il Lupo. Se ti interessa questo è un piccolo percorso che avevamo fatto insieme l'anno scorso.
    http://vogliounamelablu.blogspot.com/2010/02/pierino-e-il-lupo.html

    RispondiElimina
  4. che bella idea, oltretutto mi ero scordata di pierino eil lupo..mi hai fatto fare un salto indietro di tantissimi anni!:-)

    RispondiElimina
  5. Idea interessante con i burattini da dito! Provo a fare con mia figlia che ha già conoscito quest'opera alla lezione di musica a scuola russa (mi ha raccontato lei)

    RispondiElimina
  6. Bella idea.. il libro della Lamarque lo avevo adocchiato da un po', ma vorrei prima che assistesse all'Opera, spero al più presto..

    Mi ha fatto piacere sapere di non esser la sola fan di Jeffers ;)

    RispondiElimina
  7. @vogliounamelablu: vengo subito a vedere!
    @riciclattoli: Mi fa chepiacere!
    @Tatiana Serok: Immagino che nella scuola russa sia davvero un must. Fortuna che nononostante in Italia su certe cose si sia sempre indietro Pierino e il lupo è una di quella favole che si continua a fare nelle scuole da anni (anche se non in tutte). Un abbraccio.
    @Laura:Le ilustrazioni mi piacciono moltio anche se mi dispiace dirlo non amo molto la voce di Poli. Qui da noi c'è stato la settimana scorsa al Comunale ma spessimo nei piccoli teatri o come eventi singoli per famiglie. Ottima l'idea di portarla a vedere l'opera. e se poi c'è anche un bravo narratore...
    Per quanto riguarda Jeffers il problema penso sia che sono stati traditti giusto due tre libri peraltro quasi introvabili in libreria e non tutti hanno la possibilità di leggere in inglese o fare un ordine online. Ma quanti meravigliosi autori (non tradotti) ci sono! Purtroppo ancora in Italia siamo indietro indietro.)-: Indovina cosa abbiamo letto stasera? ;-) un abbraccio

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin