13/09/11

Bienvenidos a la Mancha!




Siamo saliti scivolando fianco a fianco con il mare, fermandoci solo per ammirare gli splendidi villaggi che punteggiano la costa vermiglia. Chiusa tra deux géants, il Mediterraneo e i Pirenei, Collieure incantò Matisse e   rapito  noi, coinvolgendoci in una divertentissima caccia ai quadri.
E poi più su, ancora qualche chilometro per incontrare  un vecchio amore.



"Mamma mi sono innamorato di questa città" ha detto Aj sul tetto di Palau Guell a Barcellona.
Una passeggiata sulle ramblas, il fascino del mercato, una panchina davanti al mare e tante tapas dopo eravamo pronti a ripartire per la nostra meta.
La Mancha è sorprendente.
Viaggi per chilometri e chilometri attraverso un paesaggio surreale fatto terra rossa e migliaia di girasoli bruciati dal sole e poi dietro ad una curva ti ritrovi cose come queste:
Cuenca

Alcala de Jucar
In questo momento siamo alloggiati in un affascinante ex convento tra le sorprendenti rocce di Cuenca e ci sono tante di quelle cose vorrei raccontarvi, ma non ora.
Adesso ho due bambini emozionati che mi aspettano per andare a caccia di mulini a vento...

3 commenti:

  1. Bellooooooooo!!!!!! salutatemi tanto la Spagna!!! come vorrei essere li...invece che perennemente su questo treno che rimanda sempre lo stesso panorama!! :-(
    un saluto anche ai mulini a vento ;-)
    a presto
    Raffaella

    RispondiElimina
  2. Fantastica! Complementi per l'articolo è interessantissimo.

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin