Dormire in un'opera d'arte

« Ero giunto a quel livello di emozione dove si incontrano le sensazioni celesti date dalle arti ed i sentimenti appassionati. Uscendo da Santa Croce, ebbi un battito del cuore, la vita per me si era inaridita, camminavo temendo di cadere. »  Henri-Marie Beyle detto Stendhal
Ci sono voluti quattro anni.
Mentre fuori, sulla spiaggia riparata dalle colline le stagioni seguivano il loro corso regalando quel tutto che a volte si può trovare nel mare, dentro,  ingegneri, architetti ma soprattutto un poliedrico gruppo di artisti lavorava  alla realizzazione di un sogno.

Vista dalla terrazza/solarium dell'Hotel
Una straordinaria performance permanente, un luogo capace di racchiudere le molteplici espressioni artistiche di chi ha il dono di rivelare attraverso l'incanto dell'arte.
Un'opera d'arte viva e da vivere.


La nostra camera. "Racconto" di Formenti

Perchè l'Alexander Museum non è solo Museo, laboratorio di sperimentazione di nuove forme espressive, installazione artistica. E' anche un geniale Hotel, dove i visitatori hanno la possibilità di dormire in una vera e propria sorprendente opera d'arte.
Non solo l'esterno è introdotto dalla stele del celebre Giò Pomodoro, l'ingresso arredato con le pregevoli opere di grandi artisti contemporanei, ogni sala, ogni dettaglio  persino il garage... ma le stesse camere, porte comprese portano la firma di un artista  che in quella stanza ci ha messo l'anima e il cuore.


E così ci si ritrova, grandi e bambini a camminare per i corridoi come fossero le sale di un Museo (e direi che lo sono) incantati da quella e quell'altra porta, con la fantasia che vola all'interno a provare ad immaginare cosa nascondano le pareti, quali segreti assorbiti nei colori, ascosi nelle sfumature, nelle scelte cromatiche così come nei dettagli.
Aj davanti alla porta di Roberto Pagliani. Solo per darvi un'idea della particolarità della stanza se aprite la porta vi ritrovate davanti la stessa scena che c'è sulla porta. Nel nostro caso, Roberto compreso!;-)

A figurarsi come doveva essere stare lì, mentre l'arte si incontrava dando vita a storie e aneddoti da ascoltare a bocca aperta e  le stanze bianche prendevano vita tra pennelli, pigmenti e olio di lino.
Sessantatré stanze, settantacinque artisti e un sogno.
Quello del Conte Alessandro Marcucci Pinoli detto  Nani, lui stesso artista e molto molto di più.
E come sempre mi ritrovo a stupirmi di quanto questo nostro viaggiare ci porti a conoscere luoghi ma soprattutto persone che pur in modi diversi sono riuscite a rendere straordinaria la loro vita.
E magari un giorno chissà,  mi deciderò a scrivere un libro che le racconti, quelle vite, sfiorate per un'ora, un giorno, un weekend ma così intensamente da sembrare un eternità.
La piscina a sfioro affacciata sulla spiaggia
Qualche giorno fa ho letto un interessante discussione su facebook che cominciava col domandare se l'albergo faccia o meno parte di un viaggio.

La nostra porta "Racconto" di Formenti
Ecco, in questo caso la mia risposta è si,  fosse anche  solo per trascorrere un weekend scivolando tra le porte come fossero armadi, pieni di soprabiti e pellicce appese in bell'ordine da scostare per raggiungere mondi incantati.



Links e Informazioni Pratiche:
L'Hotel Alexander Museum Palace si trova sul lungomare di Pesaro.
In una ventina di minuti a piedi (piacevolissimi sulla spiaggia) raggiungete la celebre palla di Pomodoro e poi a sinistra la strada che conduce al centro.
Una volta arrivati in Hotel troverete uno schermo con le sessantatrè porte, cliccando le quali potete vedere l'interno della stanza. Compatibilmente con la disponibilità potete quindi scegliere in quale opera d'arte dormire.
Lo stesso potete fare sul sito.
Oltre alle mie foto, nel post trovate i collages con le foto di alcune porte e stanze concesse da Roberto Pagliani (con cui abbiamo avuto il piacere di cenare), fotografo, artista e tra le altre cose creatore della bellissima Element, la stanza 210.
Un paio di stanze sono particolarmente adatte ai bambini che possano interagire con le fantasie sulle pareti. In ogni caso tutte le stanze affascineranno indiscutibilmente i piccoli viaggiatori.
Oltre ai bellissimi dintorni vi consiglio la visita di Borgo san Giuliano nella vicina Romagna per una vera e propria immersione a regola d'arte.
Da vedere nei dintorni anche:


-->

Commenti

  1. Wow. Ho fatto un giro sul sito e ammirato alcune camere, pazzesche! Ho dato un'occhiata anche ai prezzi, me li aspettavo più cari. Da tenere presente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco bravissima,avevo scordato di dirlo e invece è importantissimo! E anche la cena ha dei prezzi da non credere!

      Elimina
  2. Che meraviglia!! Pensa che io ho lavorato per anni ai musei vaticani e quando vedevo la scultura di Pomodoro nel cortile della pigna mi ricordavo sempre di una persona che abita a Pesaro e un giorno mi disse che dovevo andarlo a trovare per vedere la "sua" scultura (così la definiva)quel signore non si ricorderà più di me ma io oggi ho un motivo in più per andare li. Questo lo dobbiamo inserire nel documento del gruppo perchè ne vale la pena, anzi appena posso lo inserisco anche nelle "particolarità"...sai che ti ritengo un'esperta in materia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh ma che bella storia! Grazie Giorgia sei un tesoro! Io invece ho appena aggiornato il post linkando al gruppo perchè davvero stai facendo un ottimo lavoro!
      Un abbraccio!

      Elimina
    2. Figurati un gruppo funzione grazie ai partecipanti e ai loro contributi, soprattutto alla loro voglia di condividere il "bello". Sono contenta ti piaccia la mia idea e sono contenta che ti abbia coinvolto. Continua a farci scoprire questi gioiellini sparsi per il mondo... un abbraccio anche a te!

      Elimina
  3. L a discussione su FB l'ho postata io ed in effetti è un dubbio che mi sono sempre portata: spendere di più per un hotel particolare o preferire altri tipi di spesa? Finora, senza rinunciare alla pulizia e all'ambiente caratteristico (che prediligo più del lusso) ho preferito spendere in musei, visite, attività, cibo e souvenirs... ma rispetto all'hotel che descrivi esso è più una meta che l'alloggio! In Sicilia c'è un esempio simile, anche questo in riva al mare, Fiumara d'arte credo che si chiami... non so però se è ancora attivo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Palmy, era davvero un'ottima domanda!;-)

      Elimina
  4. Eccolo finalmente!!!!!!!!!
    Un POST meraviglioso su un POSTO magico!
    grazie (anche per aver goduto un pò del racconto in anteprima!!!!)
    un caro saluto a tutti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh è vero, in mezzo alle altre trecentosessantamila cose con cui ti ho stordita!! Un bacione!

      Elimina
  5. Fantastico! Ormai la lista dei posti da vedere si sta allungando incredibilmente e questo sicuramente anche grazie a te e ai tuoi sempre fantastici post!

    RispondiElimina
  6. Ma dovi li trovi questi posti???magnifico, sarà stata una belle esperienza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, Angelo in questo caso è stata pura coincidenza. Su facebook si parlava di idee weekend e qualcuno mi ha suggerito Pesaro. Ho dato un'occhiata agli Hotel su booking e appena ho visto l'Alexander, beh, è stato un coup de coeur... :-)

      Elimina
  7. Che meraviglia. Ci voglio andare!!

    RispondiElimina
  8. ...giugno 2010, ultima vacanza con pancione, due mesi ancora di tempo per dedicarci solo a noi due....avevamo la possibilità di soggiornare all'Alexander per una cifra comunque abbordabile...non lo abbiamo fatto, e ora non ricordo nemmeno il motivo, forse la lontananza dal centro, visto il mio pancione!! Ma ricordo la mia faccia davanti all'albergo, quello davanti alla loro spiaggia privata, quello ammirando di nascosto le opere della hall.....da amante e studiosa dell'arte lo avevo intuito che avrei dovuto cavalcare la sensazione....non mi ha mai tradito in nessun viaggio! Ora so che prima o poi dovremo ritornarci....

    RispondiElimina

Posta un commento