20/11/12

Libri di Natale per bambini. Terza Parte




Se leggere con i bambini è sempre  un incantesimo che fa viaggiare ovunque nel mondo, insinuarsi insieme tra le pagine di un libro di Natale è come aprire una finestra incontro ad un  universo magico, popolato di gnomi e folletti, di renne volanti e di castelli di ghiaccio. E' un vivere e rivivere quell'atmosfera unica e scintillante, colorando la realtà di luci sfavillanti, mescolando il vero alla fantasia, immaginando lo scalpitio degli zoccoli su un tetto o una nevicata di zucchero per le vie di Dublino.

Perchè non è forse il Natale con i bambini  qualcosa di ancora più straordinario? Non vi pare di sentire di nuovo tintinnare   quel campanellino che da tempo vi sembrava di non udire più?
E allora tiriamo fuori i libri dagli scaffali, circondiamoci di favole e fantasia, sgranocchiamo biscotti insieme allo Schiaccianoci o gustiamo una fetta di torta accompagnando i fratelli Mack nelle loro fantastiche avventure.
Facciamo che il Natale sia anche questo.
Un soffice gomitolo  di momenti straordinari da srotolare tutti insieme, aprendo le pagine di un libro e  il cuore  alla magia dei sogni...


Rover salva il Natale

Rover tenne gli occhi chiusi. Quando vengono a trovarti un gruppo di ragazzini e un elfo in giubbotto di pelle dall'aria eccitata e preoccupata, i casi sono due: problemi o lavoro.E Rover non era dell'umore giusto per nessuno dei due. Era un cane che lavorava sodo, ma quel giorno si era lasciato prendere dalla pigrizia. Aveva smesso perfino di grattarsi.(...)
Capitolo Sei

Da adolescente

Io non voglio essere il Capitolo Sei. Non l'ho mica chiesto io di fare il Capitolo Sei. Io questo schifo non lo mangio. E poi tanto la mia musica non la capite. Voglio la macchina. Chi ti ha dato il permesso di mettere in soffitta il mio orsacchiotto?

Rudolph è in sciopero (in realtà non vuole ammetterlo ma ha l'influenza!)e Babbo Natale è disperato. Chi lo accompagnerà in giro per il mondo nella notte più impegnativa dell'anno? Chi saprà orientarsi tra le stelle per trovare la strada, chi riuscirà a parcheggiare sulle tegole senza fare il minimo rumore e soprattutto senza sfondare i tetti di paglia?
Il vecchietto più generoso del mondo ha solo una speranza. Quella di convincere il cane con il cervello grande come l'Africa ficcato dentro ad una testa grossa come una patata lessa a lavorare gratis per una notte intera. 
Rover riuscirà a salvare il Natale? 
Un incredibile viaggio insieme ai mitici personaggi della famiglia Mack, una corsa contro il tempo tra allucinanti intervalli pubblicitari ( lo sapevate che dovete lavarvi i denti con il dentifricio Dentofesh?) capitoli che fanno i capricci ed imprevisti di ogni genere. Esilarante, unico, geniale come sa essere solo Doyle.Se anche a voi lo stile di questo genio irlandese fa morire dal ridere dovete per forza leggere quest'ultimo capitolo della più esilarante trilogia degli ultimi tempi.

Età consigliata: io direi dai 6-7 anni. Aj che ne ha 6 adora tutta la serie perciò se pensate che per il Natale sia ancora troppo presto cominciate dal primo!
Link affiliato:
Rover salva il Natale



Lettere di Babbo Natale di J.R.R Tolkien


Polo Nord
Vigilia di Natale 1923
Mio caro John, 

oggi fa molto freddo e la mia mano trema tanto... Compio millenovecentoventiquattro anni, no! sette!proprio il Giorno di Natale...Sono assai più vecchio del tuo bisnonno ed è per questo che non riesco a tenere ferma la penna che traballa; ma siccome ho saputo che tu stai diventando bravissimo a leggere, sono certo che riuscirai a raccapezzarti con la mia lettera. (...) 

Menomale che gli orologi non segnano sempre la stessa ora in tutti i luoghi del mondo, altrimenti non ce la farei mai; anche se quando la mia magia è più forte che mai-cioè a Natale- riesco a riempire mille calze al minuto avendo prima programmato tutto per benino. Non avete idea dei giganteschi cumuli di liste che devo compilare. (...)

Si, stiamo parlando di quel Tolkien. proprio lui, l'autore del Signore degli anelli e Lo Hobbit annotato. Ecco ora pensate che quel grande uomo ogni anno spediva una o più lettere ai propri figli sotto le mentite spoglie di Babbo Natale.
Raccontava loro della sua vita al Polo Nord, dei suoi amici, della sua casa, degli elfi e dei Goblin. Scriveva con mano tremolante, proprio come farebbe il vecchio Babbo Natale e aggiungeva straordinari disegni per raccontare anche con le immagini l'incredibile vita di quel mondo magico e lontano.
Tolkien scrisse la prima lettera nel 1920 quando John il suo primo figlio aveva solo tre anni e andò avanti per più di vent'anni nel corso dei quali ebbe altri tre bambini.
Questo straordinario libro che mi ha consigliato Pollon lo scorso anno è una straordinaria raccolta di quelle lettere e  ci ha fatto compagnia per tante sere d'inverno, trasportandoci in luoghi magici ma anche reali, mostrandoci quelli che erano i regali negli anni '30 e le diverse abitudini di un luogo ma anche un tempo a noi lontano. Il testo è in italiano ma accanto ad ogni lettera trovate l'immagine della lettera originale di Tolkien.
Incredibilmente straordinario.
Qui anche la recensione di Pollon.
Link affiliato:


Avete mai sentito parlare della grande foresta di Burzee? Quando ero bambino, la balia mi raccontava spesso di quel luogo. Diceva che c'erano grandi tronchi d'albero, uno in fila all'altro, con radici che si intrecciavano sotto la terra e rami che s'intrecciavano verso il cielo.(...)
Claus pensava che nessuno dei bambini avrebbe mai indovinato da dove venivano i giocattoli che avrebbero trovato nei letti al loro risveglio. Ma le azioni gentili portano sempre fama, e la fama ha molte ali per recapitare le proprie novelle anche nei paesi più lontani. Così per migli e miglia i ogni direzione, la gente cominciò a parlare di Claus e dei suoi magnifici doni.(...)
Frank Baum era un sognatore e chi come me ama immensamente il suo meraviglioso mago di Oz lo sa bene. E quel suo immaginario fantastico lo si ritrova un po' anche in questo libro senza immagini che racconta l'interessantissima storia di come un bambino di nome Claus abbandonato nella magica foresta di Burzee sia diventato da grande l'amatissimo Santa Claus.
Una storia bellissima, commovente, magica che risponde in maniera geniale anche ai tantissimi dubbi che colgono i bambini come il perchè si appendono le calze alla finestra o Babbo Natale scende giù dal cammino.
Un libro per bambini ma anche per grandi.
Incantevole.
Età consigliata: Anche in questo caso direi dai 5/6+.
Link affiliato:



Mancavano pochi giorni a Natale e tutta Baulandia era in fermento. Nei negozi si incartavano regali, si riempivano sacchetti di dolci, si portavano a casa alberi e decorazioni. E poi si sentivano canzoni, auguri, e c'era tanto buon umore. (...)
Il Signor Musone era ricco e non badava mai a spese, specialmente se si trattava del suo unico figlio, Felice. A Felice non doveva mancare mai nulla. Felice doveva possedere tutto, e in grandi quantità.

Nonostante ciò, felice era spesso triste. Non rideva mai, nemmeno sorrideva, e non c'era niente che lo interessasse.(...)
E' sempre Kunnas, lo stesso illustrautore finlandese di cui lo scorso anno vi consigliavo due bellissimi libri.
Questa volta siamo a Baulandia, una città proprio come le nostre ma abitata da coccodrilli, ippopotami, porcellini e, ovvio, cani.


Una storia che parla del Natale, di sorprese e della vera felicità.
Dolcissimo!
Età consigliata: 4+

Link affiliato

Oggi mi fermo qui ma il cesto dei nostri libri di Natale trabocca di tanti altri titoli straordinari, perciò se anche voi amate immergervi nella magia delle pagine insieme ai vostri bambini mi raccomando, non perdetevi i prossimi post.
Intanto, ancora una volta, attendo con piacere anche i vostri consigli.
Altri libri di Natale:

13 commenti:

  1. Che bei libri!!! E che bellissime idee per fare un regalo al mio nipotino che ha quasi 6 anni ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima, un libro è un tesoro dal valore inestimabile!

      Elimina
  2. Splendido post come sempre e ricco di spunti. Noi amiamo Pippi Calzelunghe per cui, oltre allo Schiaccianoci e alla Regina delle Nevi, in questo periodo stiamo divorando "Il Natale di Pippi". E poi, che non c'entra niente con il Natale, ma i libri di Chen Jiang Hong si stanno rivelando una vera scoperta, mio figlio li adora. Insomma credo di aver già speso 100 euro di libri per Natale... Ma tutti i soldi spesi in libri, come quelli spesi in viaggi, non sono mai e poi mai sprecati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh ma tu pensa che lo abbiamo visto proprio ieri in libreria! Eravamo di fretta (cominciava la lezione di teatro) ma ora che me lo dici tu vado a guardarmelo meglio. Anche qui Pippi è molto amata!:-)Di Chen Jiang abbiamo letto solo Lian ma ho dato un'occhiata alla bibliografia e mi sembrano tutti favolosi! Caspita ho già di nuovo il carrello pieno!:-) Concordo pienamente sulle ultime parole!!

      Elimina
    2. Ah Leti dimenticavo... ieri sera ne ho letti un paio che so adorerai (ancora Aj non l'ha visti perchè fanno parte delle sorprese del calendario dell'avvento ma la prossima settimana posto comunque foto e titoli) Vedrai, vedrai... :-)
      P.S Ho aggiunto il tuo consiglio in fondo al post!

      Elimina
  3. Non è mai troppo presto per leggere libri che parlano di renne, folletti, orsi polari e Babbo Natale! Stavo leggendo il tuo post quando sono arrivata al libro di Tolkien e mi sono detta: "...stupendo! Anche mammagiramondo conosce questo libro" :-) e poi ho visto il link. Grazie mille! Sono davvero contenta che questo libro vi sia piaciuto e ancor di più che tu lo abbia proposto qui perchè penso che non sia molto conosciuto. Io ho una vecchia edizione che conservo con cura e penso che quest'anno leggerò tutte le lettere la mio Topastro perchè le trovo bellissime! Piene di amore, (di un papà per i suoi figli), e della magia del Natale. Mi segno gli altri libri e vado a leggere i tuoi precedenti post sui libri natalizi. Ciao!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per avercelo consigliato!!Sai che anche io da un paio d'anni mando delle lettere a Aj da parte di Rudolph la sua renna adorata! A volte mi chiedo se non sia troppo quello che faccio, nel senso che prima o poi purtroppo capirà la verità, ma poi lo guardo mentre apre la busta, tremante di emozione e con gli occhi illuminati di splendore e dico che c'è tempo per non credere più ella magia.

      Elimina
    2. Secondo me fai benissimo. E' bello che Aj possa vivere al 100% la magia del Natale! Penso che quando scoprirà la verità capirà il motivo che ti ha spinto a scrivere e ti ringrazierà :-)

      Elimina
  4. Il libro di Tolkien me lo sono segnato nella mia (kilometrica) wish list.
    Grazie a Mamma Claudia e soprattutto a Daniela, perché è anche merito suo se io e Bambino abbiamo scoperto che viaggiare insieme è bellissimo e viaggiare con la fantasia tra le pagine scritte e illustrate di un bel libro è ancora più bello.
    Un abbraccio,
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa tanto piacere Monica! Un carissimo saluto!

      Elimina
  5. Da una idea trovata su pinterest, noi quest'anno leggeremo un libro di Natale per ogni giorno dell'avvento! I classici, qualche novità e il piu' bello di tutti.. una storia scritta dal nonno con protagonisti i miei figli. Non vedo l'ora di cominciare.
    Ci è piaciuto anche tanto Lettera da Babbo Natale di Bizzocchi Andrea, dove Babbo Natale, al passo con i tempi si fa green e da un sacco di consigli per un Natale ecosostenibile!
    Ciao! A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di aver capito a quale ti riferisci. Parli di quei meravigliosi pacchetti avvolti con carta da pacchi?:-) Meraviglia, meraviglia, la storia scritta dal Nonno sarà un dono davvero speciale. Interessantissimo il tuo suggerimento, l'ho aggiunto subito in fondo al post e inserito nel carrello... :-) Un abbraccio grande!

      Elimina
  6. GRAZIE PER LE INFO SU Chen Jiang Hong
    VIVIANA

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin