Nel bosco della Baba Jaga

Una leggenda Jacuti, un popolo della Siberia Nord orientale, racconta la storia di un grande uccello a tre teste dagli occhi che sembrano stelle e il canto simile al rimbombare di un tuono.
Questo formidabile animale chiamato Eksekju, scende talvolta sulla terra per combattere tre grandi terribili mali:
la perdita dei ricordi, la mancanza di gratitudine e l'incapacità di commuoversi, tre tristi disgrazie di cui spesso soffrono gli uomini.


Eksekjue arriva volando, si posa sulla roccia arrossata dal tramonto e racconta le antiche fiabe. E così l'antica parola risuona. Così gli animi di coloro che sono pronti ad ascoltare e a ricordare tornano a vivere.
Da Il bosco della Baba Jaga, fiabe dalla russia di Luigi dal Cin

Racconti popolari, leggende, antiche tradizioni, storie di paesi e popoli che ci fanno viaggiare insieme ai nostri bambini. Dentro a mondi lontani e straordinari, uguali e diversi, reali o irreali. Per ridere, piangere, sospirare e incantarsi e tremare, emozionarsi, stringersi forte fino alle ultime righe per vivere unitamente  la gioia del lieto fine.
E' il miracolo delle fiabe tradizionali, quelle che ci aprono le porte di terre lontane e fantastiche dove vivono strane creature, principi coraggiosi, animali parlanti, e personaggi dalla storia millenaria.
Come la Baba Jaga...
La conoscete?
Nel folklore russo è una vecchia strega che vola in groppa ad un mortaio e cancella i sentieri dei boschi con una magica scopa d'argento.
Vive in una capanna sopraelevata, sorretta da  zampe di gallina e a volte è crudele e spietata altre aiuta le persone nelle loro ricerche.
Chi s'intende di musica ricorderà uno dei dieci movimenti della straordinaria opera di Mussorgsky  ispirata ai disegni di Hartmann e riarrangiata in seguito da Ravel.
Se non la conoscete, ascoltatela, non vi sembra di veder camminare tra gli alberi di un bosco buio la inquietante capanna della Baba Jaga?

Questa lunga premessa per presentarvi una splendida raccolta di fiabe popolari russe.
Storie della tradizione, interpretate da nove straordinari illustratori che hanno fatto di questo volume un autentico capolavoro artistico.
Quadri montati tra le pagine di un libro e in cui, come nella suite del celebre compositore russo, scivolare  per vivere favolose avventure insieme ai protagonisti.

Pesciolini d'oro e principesse ranocchio, streghe, mamme lupo e galli magici.

E insieme a loro abbracciare la saggezza e l'umanità insita nella cultura popolare, affacciandosi, come si fa in un viaggio, in mondi nuovi, da conoscere e far conoscere ai nostri bambini.
Link e Informazioni Pratiche:
Nel bosco della Baba Jaga è una raccolta di nove fiabe tradizionali russe rielaborate da Luigi Dal Cin e illustrate da nove straordinari artisti.
Il volume è stato realizzato in collaborazione con la Mostra Internazionale d'illustrazione per l'infanzia di Sarmede.
Nel bosco della Baba Jaga età consigliata. dai 6 anni.



Commenti

  1. Quale profonda magia nasce dalle righe di una favola, quali vivaci colori, quali brividi di paura e sorrisi e fantasiosi orizzonti...non vedo l'ora che il mio ometto sia più grande per poterlo ubriacare di racconti, per insegnargli che l'immaginazione ci aiuta a vedere la vita a tinte più forti, ci fa sentire fortunati di esserci, ci spinge oltre il presente, oltre il materiale e ci aiuta a conoscere di più e meglio. Fa nascere in noi la voglia di non fermarsi mai...
    Con l'affetto di sempre
    Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina mi immergo nelle tue sempre suggestive parole che evocano mille volte meglio di quanto possa fare io, esattamente quelli che sono i miei pensieri! Grazie!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Si, è bellissimo! uno di quei libri da tirare e ritirare fuori dalla libreria per immergersi in quelle pagine da incanto!

      Elimina
  3. Conosco La mitica Baba Jaga! Che bello questo post.. troppo interessante...! La fiabe hanno il potere di insegnarci l'essenza primordiale della vita e di guidarci in essa come una luce.. Amica mia.. quasi quasi mi siedo e resto ancora ad ascoltarti.. fa nulla se devo aspettare il prossimo post! Ho tempo e pazienza :)) Grazie.. un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me questa vecchia strega che vive in una capanna appoggiata sulle zampe di gallina mi piace proprio da matti!! ;-)
      Sei sempre un tesoro... Un bacio grande!

      Elimina
  4. Far conoscere ai nostri figli il mondo attraverso le fiabe popolari. Bellissimo !!!!
    Serena e Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è un modo anche questo! :-)
      Un caro saluto!

      Elimina
  5. Pianista appassionata22 febbraio 2013 19:28

    Ciao, sono arrivata qui cercando informazioni su Mussorgsky e il tuo sito mi ha incuriosita! Ho divorato decine di articoli e sono incantata dal tuo modo di scrivere, da quello che fai con tuo figlio, dai vostri viaggi! Io sono una studentessa del Conservatorio ma tu come fai a conoscere Mussorgsky?
    Complimenti davvero, mi sono iscritta alla newsletter e ti seguirò con passione!!!!
    P.S Devo prendere il libro, farò un figurone con il maestro di storia della musica!D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai? Quale conservatorio? Io ho studiato al Cherubini!
      Grazie! Trovo Mussorsky e i suoi quadri di un esposizione davvero geniale. Mi piace tantissimo l'idea di immaginare l'osservatore che si muove tra i quadri e che la musica evochi ogni dipinto e il passaggio tra uno e l'altro. Beh fammi sapere come è andata! :-)

      Elimina
  6. Stupendo articolo come sempre, in questo momento ai miei bambini sto leggendo le leggende delle Dolomiti. un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissime Monica, mi comprò il libro mia mamma da bambina e la mia preferita era quella dell'Enrosadira. Le abbiamo rilette anche quest'anno a sciare in val d'Ega e le trovo davvero incantevoli!

      Elimina
  7. Le illustrazioni di questo libro mi attraggono molto, sembra veramente interessante grazie come al solito della segnalazione.

    RispondiElimina

Posta un commento