Spagna del Nord: quarta tappa Santillana del Mar


A volte è quell'incrociarsi perfetto di situazioni. Circostanze, dettagli, momenti che si incastrano uno dopo l'altro perfettamente, come i pezzi di un puzzle.
Il suono suggestivo dei passi sui ciottoli di una strada deserta, le ombre calde e  colorate che precedono il tramonto, una bottega traboccante di fascinose cianfusaglie, un sorriso accogliente e luminoso e un mazzo di chiavi da infilare in una  serratura di ferro battuto. Di  quelle che ti riportano subito  indietro nel tempo.
E' andata così a Santillana,  un centinaio di metri a piedi, uno sguardo in camera ed eravamo già perdutamente innamorati; di questo villaggio incantato e bugiardo* che  fin dal principio ci ha stregati. 

Siamo in Cantabria, lasciata San Sebastian, Bilbao e lo splendido San  Juan, si arriva nel regno delle brujas, le streghe buone, una sorta di angeli custodi che riempiono gli scaffali delle botteghe dalle insegne dipinte sul legno  affacciate sui vicoli medioevali di questo piccolo borgo incantato.
La bruja porta fortuna di Aj
Perdetevi tra le strette stradine acciottolate, sbirciando i dettagli sulle pareti delle case in pietra come gli elaborati stemmi familiari, i balconi in ferro, le piccole finestre o  i suggestivi cortili che compaiono d'improvviso tra le facciate.
Fatelo prima del tramonto e la mattina presto quando le prime luci calde  illuminano ogni cosa di fascino e suggestione.

dal mio instagram
Museo della tortura di Santillana
Infilatevi nelle mille botteghe, quelle che profumano di quesos, sobao, salumi, miele e naturalmente il sidro che da ora in poi vi accompagnerà ovunque. Fatevi raccontare le storie e i racconti della mitologia cantabrica ricca di personaggi incredibili come l'uomo pesce, i nani e le belle fanciulle che abitano i boschi, frugate tra i productos artesanos e prima che si faccia buio gironzolate intorno alla suggestiva Collegiata.
Collegiata de Santa Juliana
Santillana è piccola e non c'è  molto da vedere ma vi consiglio di cuore di dedicarle più tempo di qualche ora rubata ad un viaggio on the road.
Fermatevi a cena e dormite in una delle Case affacciate dentro ai vicoli. Solo così otterrete tutti gli ingredienti per realizzare la magia.
Se volete trascorrere una serata divertente insieme ai bambini scegliete Casa Miguel.
 Oltre che deliziosi menù tipici (che includono la celebre fabada asturiana e il gustoso cocido montanes) qui il sidro, che normalmente nei ristoranti vieni spettacolarmente versato dall'alto dai camerieri così da renderlo leggermente frizzante, (prossimamente un post dedicato a questo tradizionale bevanda insieme ai dettagli sul bellissimo Museo di Nava) viene spruzzato direttamente fuori dalla bocca di un serpente, che esce dalle pareti a fianco di ogni tavolo (ok forse è u po' stupido e ci avranno preso in giro tutti ma non potete immaginare quanto ci siamo divertiti).

Per dormire vi suggerisco la Posada Ansorena, nel cuore di Santillana. E' una vecchia casona tradizionale Montanesa in cui ogni angolo racconta storie affascinanti.
La nostra camera aveva un grande camino e un terrazzino suggestivo dove rilassarsi giocando con vecchi giochi in legno che abbiamo trovato sul tavolino ma un po' ovunque in giro per la casa.
Serrature in ferro battuto e quell'atmosfera medioevale che vi farà giocare con la fantasia, immaginando di essere tornati davvero indietro nel tempo.
Links e Info Utili:
Santillana del Mar si trova in Cantabria, 121 chilometri da Bilbao e dieci minuti dalla costa.

Casa Miguel è in Calle del Rio 2 a soli centro metri dalla Posada Ansorena.
oltre ai menù tradizionali trovate paella, calamari fritti e  una  buona scelta di pinchos tra cui la classica tortilla di patate che piace sempre tanto ai bambini. 
Come prezzi considerate 12/15 euro a persona per una cena super abbondante incluso il sidro.

La Posada Ansorena si trova in Calle Canton 10. Se no avete valige troppo voluminose vi consiglio di lasciare l'auto nel comodo e grande parcheggio all'ingresso de paese, proprio accanto all'ufficio turistico. Santillana è chiusa al traffico ma nel caso abbiate necessità di entrare con l'auto potete controllare gli orari all'ingresso o citofonare indicando il nome dell'Hotel.
Noi abbiamo speso 49 euro per una tripla e il cane prenotando su booking.
Cani ammessi.
Spendida anche Casa del Marques (ma con altri prezzi e i cani non sono ammessi!), dimora gotica ed ex palazzo del marchese di Santillana.

Il cocido è uno dei piatti tradizionali della Cantabria. Si tratta di una sorta di stufato a base di fagioli bianchi, cavolo, salsiccia e pancetta nato nato nel XVII secolo per combattere i rigori del freddo in montagna.
La fabada è un piatto caldo a base di fagioli bianchi in umido e speck o spalla, comunemente servito con pane croccante e , ovviamente, sidro.

Il celebre sito rupestre  di Altamira si trova a soli 2 chilometri da Santillana. Purtroppo dal 2002 la grotta è chiusa per evitare il deterioramento delle pitture. E' possibile visitarne la ricostruzione all'interno del Museo annesso.



*Santillana del Mar viene chiamata la città dalle tre bugie poichè non è santa, non è llana (piatta), nè si trova sul mare. :-)
-->http://mammagiramondo.blogspot.it/2013/11/seconda-tappa-bilbao.html

Commenti

  1. wow che luoghi particolari e caratteristici!! forse il primo post che leggo sulla Spagna che non sia Barcellona, Madrid o le baleari XD

    RispondiElimina
  2. ricordi un un bellissimo viaggio in Cantabria

    RispondiElimina

Posta un commento