04/02/14

Visitare Ulm con i bambini: Il volo del sarto


"Il Sarto di Ulm
tentò di volare
Ma il diavolo lo acchiappò
e nel Danubio lo fece cascare"

Come dicevamo ieri, le storie di Ulm non sono finite. C'è un altro racconto che  vi porterà in giro per la città; a fare domande, cercare indizi e ripercorrere fatti avvenuti tanto tempo fa...


2.DER SCHNEIDER VON ULM
IL SARTO DI ULM

Albrecht Ludwig Berlinger faceva il sarto ma la sua vera passione era la meccanica con tutte le sue affascinanti   possibilità.
Quando il soldato Elias perse una gamba nella battaglia di Friedland il giovane ebbe modo di dimostrare il suo talento disegnando e costruendo un arto meccanico che  non solo era del tutto simile ad uno vero ma si poteva addirittura muovere.
La protesi progettata e costruita dal sarto
Purtroppo però, nonostante  quei tempi di guerra avrebbero reso utile l'invenzione e celebre Berblinger, il Re non ne autorizzò mai la diffusione. Altri dovevano essere i fatti che lo avrebbero reso famoso.
Il 28 Aprile 1811 sulla cronaca sveva comparve un insolito annuncio che diceva pressappoco così:

"Dopo mesi di ardui sforzi, sacrifici, fatiche e ingenti somme di denaro, il sottoscritto ha finalmente inventato una macchina volante che verrà collaudata per la prima volta nei prossimi giorni. Il successo è assicurato...
L'annuncio di Berblinger sul giornale

Quello che succedette poi, lo potete desumere dalla filastrocca in cima al post. Dopo un primo episodio in cui, davanti alla presenza del re, il sarto rimandò il volo a causa di un danno alla macchina pare che al secondo tentativo, mentre titubava, l'uomo venne spinto giù dal muro  da un poco paziente poliziotto. Comunque sia andata davvero, quel che è certo è che invece di volare incontro altra sponda del fiume, Berblinger cadde come un sasso, finì a mollo nel Danubio e dovette essere messo in salvo dai barcaioli.


Dopo il crollo fisico e sociale le cose andarono di male in peggio e anni più tardi il povero sarto sognatore finì in disgrazia.
Ma nonostante le barzellette, le beffe, le risate c'è da dire che in realtà l'invenzione di Berblinger era geniale e dopo averne riabilitato la figura Ulm ha addirittura istituito un premio per commemorarlo. Il Berblinger Award premia la creatività dei costruttori aerei che pongono particolare cura al design e ovviamente alla sicurezza e l'ecocompatibilità.

Ora che conoscete la storia potete raccontarla ai vostri bambini. E se andate ad Ulm, la cosa più divertente è farlo in due parti:

La prima dentro al meraviglioso Municipio.



Se avete già giocato a cacciare passeri allora probabilmente avete visitato la magnifica cattedrale e dalla Piazza del Duomo vi siete diretti nell'incantevole quartiere dei pescatori. Da lì sono pochi passi fino alla Markt Platz.
Ammirate il meraviglioso edificio trecentesco e l'orologio astronomico che a loro volta paiono raccontare infinite storie, poi spingete la porta ed entrate nel cortile. Alzate gli occhi e vi ritroverete sopra la testa la macchina volante di Berblinger.


Sulla sinistra trovate un espositore con diverse interessanti brochures in inglese e in tedesco riportanti la storia del sarto, la leggenda del passero e di A.Einstein che qui è nato.
C'è anche una porticina con un mini ufficio informazioni.

La seconda, sul camminamento in cima alle mura, lungo il fiume.

Dal Municipio tornate verso il Danubio, uscita dalla porta dentro alla torre e salite sulle mura.

Camminate tenendo il Danubio sulla destra , fino a che non si apre un piccolo slargo.


E' proprio qui che il sarto fece il suo volo, come ricorda la targa di bronzo sul pavimento.

Infine se volete continuare a giocare con la storia del sarto, potete acquistare una delle cartoline in vendita presso l'ufficio turistico  dentro alla moderna Stadthaus della Piazza del Duomo e ripetere la scena della caduta che, povero Berblinger, fa sempre tanto ridere i bambini...

Per oggi è tutto, ma non crediate che il divertimento a Ulm sia finito qui :-)
Continua... :-)

Leggi anche:

2 commenti:

  1. Ogni volta che leggo da te.. sogno, fantastico e gli occhi mi si riempiono di curiosità e gioia. <3 Che splendore viaggiare in vostra compagnia! Ulm è unica e non vedo l'ora di un altro post... :D Io preparo la valigia intanto... :D (magari...) Un bacione immenso tutto per te <3

    RispondiElimina
  2. Ho letto tutte e sue le prime storie su Ulm e mi sono piaciute moltissimo, non vedo l'ora di sentire anche gli altri motivi per visitare Ulm e grazie per tutti questi viaggi nei viaggi!!!:D

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin