24/03/14

Abruzzo:Rocca Calascio


Mi piacciono maledettamente quei posti dove si arriva lentamente.
Insomma voglio dire, ma che gusto c'è ad arrivare subito. Un'uscita sull'autostrada e SBAM, la meta che ti piomba davanti agli occhi.
Invece penso che la parte più bella sia proprio  il viaggio. Quell'incedere lento attraverso strade che prima ti abbracciano e solo dopo che  sei  innamorato  ti portano  fino all'arrivo.



E in Abruzzo è così. I chilometri rotolano via adagio mentre il paesaggio ti conquista a tal punto che ogni slargo appena più ampio pare un invito alla sosta; per vedere meglio quell'albero traboccante di fiori, il profilo dolce di una montagna, quel grappolo di case strette sulla collina e poi tutto insieme, come in un dipinto. La strada e noi nel mezzo, al centro di un tutto che incanta e fa venire la pelle d'oca.




Siamo dentro al Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga.
Centocinquantamila ettari di meraviglie naturali su cui si incrociano mulattiere e praterie brulle come steppe, canyon e gole che paiono il set di un film di John Ford o di Sergio Leone.
La nostra meta è Rocca Calascio, il più alto insediamento permanente dell'Appennino e per arrivarci da Alba si deve scendere di nuovo lungo la Costa, passare la provincia di Chieti e seguire la lunga e bella statale che costeggia Capestrano dove si imbocca la Contrada Colonia Frasca.
Da qui alla fine di  un interminabile serie di incantevoli (ma anche inquietanti) curve si giunge  a Calascio dove poco più in alto si lascia l'auto e comincia l'avventura.


Su, attraverso un minuscolo borgo sospeso tra realtà e fantasia.



E poi dentro a  quei paesaggi che ci avevano  incantato nel   film di Annaud  e che adesso a viverli, paiono echeggiare delle ultime commoventi frasi  dello straordinario monologo finale.
O dell'amore struggente di quell'affascinante fiaba medioevale (entrambi i film sono stati girati in parte proprio qui) .
Ma in mezzo a quelle pellicole si insinuano ora le nostre  emozioni. Quelle che ti stringono strettamente davanti a luoghi immensi dentro al quale ovunque posi lo sguardo ti incanti: sopra sconfinate distese  e suggestive  rovine.


 




Tutto  parla di libertà, magia, incanto e  ispira storie di esplorazione e di avventure.







C'è ancora la neve, dimenticata qua e là insieme alle torri dove giocare a nascondersi, il ponte levatoio e quelle finestre oltre le quali tutto sembra possibile.
Un universo straordinario e magico dove lasciare ancora un pezzetto di cuore, che rimanga aggrappato come un aquila, alla fiera roccia abruzzese.

Da non perdere oltre alla Rocca:
  • Lo splendido Santo Stefano di Sessanio a circa un quarto d'ora di auto. Un borgo incredibilmente suggestivo che oggi quasi interamente un albergo diffuso.Se come noi vi fermate a pranzo, è d'obbligo ordinare la favolosa zuppa di lenticchie (le lenticchie sono il prodotto tradizionale della zona) con volarelle, pasta fatta in casa tagliata a quadretti (vedi foto in basso).
  • L'altopiano di Navelli. Specie ad Ottobre e Novembre, nel periodo di fioritura dei bulbi di zafferano.
  • Campo Imperatore. Pare un villaggio di frontiera, un set da film western (e in effetti ce li hanno girati davvero). Da Aprile in poi (prima trovate chiuso) d'obbligo il pranzo alla Macelleria Giuliani o Mucciante dove si compra la carne da cuocere da soli sui barbecue. Esperienza davvero imperdibile!

S. Stefano di Sessanio

Zuppa di lenticchie con le volarelle
Grazie di cuore a Giada e  Barbara per i preziosi consigli su Rocca Calascio e dintorni.
Per tutte le informazioni sulla storia, le curiosità sui film girati e ogni altra informazioni vi rimando al sito di Rocca Calascio.
Vi segnalo inoltre per chi vuole dormire proprio sotto al castello il rifugio di Rocca Calascio che dispone di diverse sistemazioni all'interno del borgo. Qui trovate il post di Barbara Twinsbimamma che ci ha soggiornato qualche anno fa.

Dove dormire:
Come vi avevo già detto qui  e qui questo  weekend in Abruzzo è il decimo appuntamento in viaggio con groupon.
il coupon che abbiamo utilizzato (due, uno per ogni giorno) è questo.
59 euro per una notte con cena di quattro portate presso la Country House il Ponte, una nuovissima struttura a due passi dalla pista ciclabile di Alba Adriatica.
L'hotel composto da due edifici collegati da un ponte trasparente è immerso un bel parco con piscina. Il gestore è simpaticissimo (ci ha dato tantissimi consigli utili) e la cena luculliana (ma questa, ho notato  è una costante dei pasti in Abruzzo) varrebbe da sola il prezzo pagato. Per i bambini è richiesto un supplemento di 20 euro (compreso colazione e cena) mentre i cani, ammessi, soggiornano gratuitamente.
Insomma, un'offerta probabilmente tra le più vantaggiose di tutti i coupon finora provati.
Il Castello di Rocca Calascio dista 126 chilometri da Alba Adriatica.
Data la distanza e la relativa vicinanza alla A1 può essere un'ideale ultima tappa prima di ritornare verso casa per chi procede verso Roma o come noi in direzione Nord.

CONTINUA AD ESPLORARE L' ABRUZZO CON:
OPPURE:
-->

7 commenti:

  1. Avete visto a Santo Stefano di Sessanio la buscella? Quella minuscola strettoia ispirazione di romantiche leggende?? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooo! Non lo sapevo mannaggia! Abbiamo fatto una passeggiata tra i vicoli e ci siamo anche fermati al'ufficio turistico dove una ragazza ci ha raccontato del crollo della torre a causa del terremoto ma non sapevo della buscella. Me ne racconti una? :-)

      Elimina
    2. La Buscella significa "piccola buca", congiunge due strade ed è così stretta che spesso si riesce a passare solo di lato!! Si narra che fosse un espediente per le giovani coppie, che un tempo potevano incontrarsi solo di nascosto, per scambiarsi un bacio.. Si incontravano alla buscella, uno proveniente da un lato, uno dall'altro e si scambiavano un bacio.. Per le altre leggende e per altre curiosità ti aspetto di nuovo a Santo Stefano di Sessanio ;) Giulia

      Elimina
  2. Scusa ho dimenticato la firma! Giulia

    RispondiElimina
  3. quasi quasi ci ritorno....i miei bimbi sono cresciuti e adesso lo apprezzerebbero con occhi diversi....foto stupende come sempre e gentilissima ad aver citato il mio vecchio post....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma figurati, grazie a te cara! Un abbraccio e sì, bello tornare nei posti a distanza di anni e vivere e rivivere tutto in modo uguale e diverso.Per loro e per noi! :-) Un abbraccio grande!

      Elimina
  4. Ciao volevo farti i complimenti per le foto postate. Il mio fidanzato ha una casa a Calascio e adoro la magia di questo piccolo borgo. L'Abruzzo del resto è una regione tutta da scoprire: io da romana lo sto facendo. Su questo sito http://www.paesionline.it/idee_di_viaggio.asp ho trovato itinerari che neppure il mio fidanzato conosceva della sua regione. Buon treking a tutti :)

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin