Abruzzo: la costa dei trabocchi


"Proteso dagli scogli, simile a un mostro in agguato, con i suoi cento arti il trabocco aveva un aspetto formidabile".
Il trionfo della morte,   G. D'Annunzio
E' già tardo pomeriggio quando lasciamo Roccascalegna per scivolare incontro al mare. Quello scintillante e turchino dell'Abruzzo, che si stende verso cale e calette,  e sotto a scogliere e promontori che compaiono e scompaiono mano a mano che si viaggia da un paese all'altro, da Ortona fino a  San Salvo.
La chiamano la Costa dei Trabocchi a causa di quelle antiche macchine da pesca.
Affascinanti  ragni di legno che da lontano paiono gettar fuori le zampe e le tele, in cerca di cibo verso le profondità del mare.





Inventate da uomini ingegnosi e audaci queste palafitte protese sull'Adriatico permettevano ai traboccanti di pescare senza  dover andar per mare e  quindi liberi  dai capricci del tempo.
Una rete a trama fitta veniva calata nell'acqua  e attraverso un sistema di argani , era prontamente rialzata non appena il flusso di pesci  vi rimaneva intrappolato.



Oggi non si pesca quasi più, ci hanno pensato le reti ultramoderne, quelle che arrivano fin dentro gli abissi più segreti del mare a portarlo via. E gli immensi tubi a vuoto delle fabbriche galleggianti che aspirano in un'ora più di quanto un traboccante poteva pescare in una vita intera.
Ma i trabocchi sono rimasti.



 Emblema di antiche tradizioni ma anche di un rapporto magico tra terra e mare fatto di equilibri, cure e attenzioni  che  portavano gli uomini a correre durante le notti di burrasca e star lì, con l'orecchio teso ad ascoltare le voci, i sussurri, i lamenti del legno che indicava loro dove intervenire per aggiustare una trave o sostenere un cavo.
Insomma c'è tutta una storia distesa su questa costa incantata.


Così procediamo, lentamente tra vallate e colli  lungo la SS16.
Scoprendo ogni manciata di chilometri  una qualche insegna di legno che è un invito a rallentare.

Per un colpo di fortuna , scendiamo a Punta Cavalluccio dove Orlandino,  gentile e disponibile come tutti gli abruzzesi (è proprio vero che, come mi scriveva Francesca F. su facebook, quando possono gli abruzzesi ti donano il cuore) ci apre le porte del suo trabocco mostrandoci come funziona e funzionava e  raccontandoci storie vecchie quasi trecento anni. 



Oggi come molte di queste antiche macchine da pesca, il trabocco è stato trasformato in un affascinante ristorante galleggiante che apre quando le temperature si fanno più miti fino alla fine dell'estate.

Un luogo d'incanto dove mangiare pesce freschissimo avvolti dalla magia.
Del mare e dei suoi profumi, della musica che echeggia dalle onde, dei racconti  che scivolano fuori dalle maglie delle reti, di quell'incantesimo che ti pizzica quando sali a bordo.


Delle storie che ti incantano e ti rimangono appiccicate, insieme all'amore per queste meravigliose terre d'abruzzo, lì  tra le nuvole e il mare. 
INFORMAZIONI PRATICHE:
La costa dei trabocchi è quel tratto d'abruzzo lungo una sessantina di chilometri che va da Ortona a San Salvo.
Ciascuna delle cittadine merita una sosta, sul sito ufficiale trovate le cose principali da vedere.
Lasciatevi ispirare viaggiando sulla statale lungomare e fermatevi ogni volta che qualche particolare vi cattura.
Ovviamente scendete a vedere i trabocchi da vicino, da quelli quasi in rovina ai ristotrabocchi, le palafitte trasformate in ristoranti.
I ristotrabocchi aprono a Pasqua , in genere fino alla fine dell'estate.
Su Visiterredeittrabocchi ne trovate un utilissimo elenco con tante utili informazioni ma la cosa più bella, penso sia andar a scegliere di persona.
Io non ho dubbi, la prossima volta che torniamo (e sì che ci torneremo!) ceneremo a Punta Cavalluccio.
Non ho idea di come si mangi, ma mi è bastato salire e ascoltare Orlandino per farmelo entrare nel cuore.
IN VIAGGIO CON GROUPON 10/12
Il nostro fine settimana in Abruzzo è il decimo viaggio frutto della collaborazione con groupon.
Nei prossimi giorni vi parlerò delle altre straordinarie tappe abruzzesi.
Intanto il coupon che abbiamo utilizzato (due, uno per ogni giorno) è questo.
59 euro per una notte con cena di quattro portate presso la Country House il Ponte, una nuovissima struttura a due passi dalla pista ciclabile di Alba Adriatica.
L'hotel composto da due edifici collegati da un ponte trasparente è immerso un bel parco con piscina. Il gestore è simpaticissimo (ci ha dato tantissimi consigli utili) e la cena luculliana (ma questa, ho notato  è una costante dei pasti in Abruzzo) varrebbe da sola il prezzo pagato. Per i bambini è richiesto un supplemento di 20 euro (compreso colazione e cena) mentre i cani, ammessi, soggiornano gratuitamente.
Insomma, un'offerta probabilmente tra le più vantaggiose di tutti i coupon finora provati.
La costa dei trabocchi dista un'oretta di auto da Alba Adriatica.
E a proposito di groupon vi segnalo un'altra bellissima iniziativa seguita da una persona che stimo tantissimo e che è al 100% a sostegno del progetto Indifesa di Terre des Hommes . 
********

Infine ci tengo a ringraziare tutte le ragazze che su facebook (ho messo la discussione in evidenza) mi hanno offerto decine di meravigliosi consigli su cosa visitare in Abruzzo e soprattutto mi hanno  fatto innamorare di queste terre ancora prima di partire. 
Grazie di cuore!

CONTINUA S ESPLORARE L'ABRUZZO CON:
ROCCA CALASCIO

-->

Commenti

  1. Mio Dio le foto! Scatti sempre foto fantastiche ma questa volta hai superato te stessa. Solo guardandole viene già voglia di far le valige a partire!!!!!

    RispondiElimina
  2. E io che lì vicino ci vivo, non ho mai apprezzato abbastanza. Le tue foto, le tue parole, sai appassionare... Complimenti. Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia capita lo stesso a me con i luoghi più vicini... bisognerebbe calarsi più spesso nei panni di turisti per casa! :-)
      Grazie di cuore!

      Elimina
  3. Io ti LOVVO ogni viaggio di piu!!!! E grazie della citazione!!! Francesca F

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te cara! Un abbraccio grande!

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. bellissime foto...ho dato una occhiata veloce a pinterest per caso perchè non frequento...ma ci parlerai anche di rocca calascio?! e magari del Rifugio della Rocca dove sono stata :) .. tanto tempo fa ...non ho facebook ma ti metto il link anche se mi pare che tu ci sia già passata....http://bimamma.blogspot.it/2010/09/rocca-calascio-un-posto-incantevole.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, sì ci sarà un post anche su Rocca Calascio, una autentica meraviglia, ci siamo stati domenica e ci abbiamo lasciato il cuore! L'albergo diffuso siamo andati a vederlo a Santo Stefano Sessanio, non sapevo ci fossero appartamenti anche a Calascio. Segnalerò il tuo link molto volentieri sul post dedicato alla Rocca. Grazie ancora e un abbraccio grande!

      Elimina
    2. è vecchio il post ma anche io ci ho lasciato il cuore....e non vedo l'ora di vedere le tue stupende foto

      Elimina
  6. MERAVIGLIA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. Le foto sono incredibili! Complimenti per questa esperienza accattivante. Hai scelto un posto meraviglioso.

    RispondiElimina

Posta un commento