06/11/14

Bruxelles: cosa non perdere con i bambini. (e aggiornamenti dalla Transilvania)


Un fine settimana  autunnale diviso  saltando tra fumetti e statue buffe, volando su gigantesche molecole  alte più di cento metri e imbarcandosi dentro a favolosi edifici a forma di nave.
Camminando con un cono traboccante di patate fritte in mano oppure una gaufre croccante del colore del legno della quercia fiamminga che oltre ad essere favolosa, si sa,  è anche di buon augurio e buona sorte.
Questa è Bruxelles, per dirla alla Sasek, Bruxelles in un weekend magico da trascorrere con i bambini.
Perchè questa bella città belga ha davvero tutti gli ingredienti giusti per essere vissuta come un gioco.
Vi ho già raccontato della strada dei fumetti e delle statue che fanno plin plin e oggi su piccolini trovate anche alcune delle tante altre cose da non perdere.
E poi tra poco è Natale e quest'anno il mercatino  Plaisir d'Hiver prevede 240 chalet tutti diversi, una pista per slittini, una da pattinaggio, la favolosa ruota panoramica e poi lo straordinario spettacolo di suoni e luci nella magnifica Grand Place. Dal 28.11 al 05 gennaio, Pensateci...


***Aggiornamenti on the road***

Ci sono così tante cose che vorrei raccontarvi.
Dell'incantevole Sibiu, delle sue affascinanti leggende e delle case con gli occhi che ti guardano e di quando arrivati quasi sulla cima della Transfagarasan ci siamo stretti forte, forte, mentre il paesaggio ci entrava negli occhi e ho pensato che quello che ho visto potrebbe bastarmi per tutta la vita.
Di quando attraversando i Carpazi gli alberi uscivano dalla cima delle montagne come pizzi di ricamo o  dopo aver salito 1480 scalini  fino alle rovine di Poenari, ci siamo ritrovati circondati dal foliage  più rosso e arancio e giallo che abbia mai visto.
Delle strade lente invase dai carretti e dalle pecore e  della gente più gentile e ospitale che abbia mai incontrato. Di quando ieri notte abbiamo dormito in una torre tutta per noi, soli, ad una manciata di chilometri dal vero castello di "Dracula" e ci siamo fatti scherzi e raccontate storie di paura e dormito con la stanza chiusa a chiave e le valigie addossate alla porta.
Dei castelli, uno più bello dell'altro, dei colori della natura e l'architettura dell case. Di stanotte che abbiamo dormito in uno chalet nel bosco sulle montagne di Poiana Brasov ed è così bello che abbiamo deciso di rimanere un'altra notte prima di spostarci verso nord.
Dei diari del mio bambino, che sta crescendo e mi dice che vorrebbe che questo viaggio non finisse mai.
Ma ora devo andare, fuori il cielo è già azzurro e ci attendono mille altre avventure.



6 commenti:

  1. che bello...buon proseguimento di avventura

    RispondiElimina
  2. Ah, Bruxelles è sempre una città sorprendente! E la Transilvania sembra tanto, tanto, tanto un bellissimo posto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un posto stupendo! E Bruxelles, sì, ci sorprende ogni volta!

      Elimina
  3. Ho ancora gli occhi pieni di meraviglie per le foto della Croazia che scrosciano di acqua e di foglie. Quando siamo sui nostri lunghi viaggi, l'audiolibro di Dracula è uno dei nostri preferiti, ma non siamo (ancora) mai stati in Transilvania, aspettiamo impazienti resoconto e foto di quest'altra parte del viaggio. E ridiamo con voi a vedere le vostre valigie accatastate dietro la porta... ma i racconti di fantasmi e vampiri hanno un fascino troppo incredibile per rinunciarci. Buon proseguimento :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore.
      Ahahaha sì continuiamo a riderci su anche noi! ;-)

      Elimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin