25/06/15

Solitari da viaggio: il mitico cracker barrel


Se mai vi foste  avventurati  in un viaggio on the road attraverso l'America in un qualche momento degli ultimi trent'anni o giù di lì, potrebbe esservi  capitato, come è successo a me , di fermarvi tra uno stato e l'altro a mangiare in un Cracker Barrel.
Questa vecchia catena di ristoranti attrae gli affamati viaggiatori per una infinita serie di cliché, lo stile old west, la deliziosa cucina del sud, la musica country, l'atmosfera old-fashioned, il porch con le sedie a dondolo, il camino, le mappe e i vecchi calendari e ovunque gli oggetti più curiosi legati alla storia locale.
Ogni cracker-barrel ha inoltre un irresistibile store traboccante di oggetti anni cinquanta, sessanta, adorabili barattoli di caramelle (le caramelle, si spera, non così vecchie) e  mappe e giocattoli eccetera eccetera.
Insomma, se non ci siete ancora stati e state girovagando negli Usa, fateci un salto.
Di tutte queste allettanti chincaglierie però, la prima cosa che  mi è  tornata in mente (a parte il profumo dei buttermilk biscuits)  qualche giorno fa parlando con mia sorella e mio cognato del loro prossimo viaggio negli States è un gioco.
Sopra ogni tavolo di tutti i  630  di Cracker Barrel distesi tra 43 Stati infatti c'è un solitario.


Un semplice triangolo di legno che  dopo  46 anni viene ancora fatto a mano dalla stessa famiglia di Lebanon nel Tennessee.
Sopra ci sono 15 fori in cui sono inseriti altrettanti tees; per chi non se ne intendesse di golf si tratta di quei pezzettini di plastica o di legno che si conficcano nel terreno in modo che la pallina rimanga sollevata da terra.

Kids menu and cracker barrel peg game

Le semplici istruzioni su come si gioca, insieme ai vari  simpatici aggettivi che vi dovrete attribuire a seconda di quanti tees rimarranno alla fine della partita, sono scritte sullo stesso triangolo:


"JUMP ALL BUT ONE GAMES"Jump each tee and remove it
Leave only one- you're genius
Leave two and you're purty smart
Leave three and you're just plain dumb
Leave four or mor'n you're just plain
EG-NOR.RA-MOOSECRACKER BARREL OLD COUNTRY STORE

Molto semplicemente, una volta eliminato uno qualunque dei tees si può cominciare a giocare.
Lo scopo è quello di eliminare più bastoncini possibile, nell'ipotesi migliore, lasciandone solo uno.
Come?
Facendo saltare un tee sull'altro e rimuovendo i tees  saltati come si fa con il solitario della bastiglia.
Questo formidabile solitario non solo è divertente ma una volta cominciato è difficilissimo smettere, tanto che risulta il gioco perfetto per intrattenere i bambini ( e i grandi, ve lo assicuro) al ristorante ma anche a casa e in viaggio.




dal mio instagram

Pentitissima di non averne acquistato uno a suo tempo, ho deciso di rifarmelo da sola.
Nonno Jones mi ha tagliato un bel triangolo di legno e  io ci ho fatto 15 fori con il trapano.




 


 Sebbene possiate tranquillamente utilizzare dei tasselli di legno da spinatura che si trovano  in qualunque negozio brico (questi qua, tanto per intendersi) ho voluto che il nostro cracker barrel fosse quanto di più simile all'originale.
Trovate i tees da decathlon ma anche a pochi euro  qui su amazon.


Provate anche voi a farlo, lasciatelo sempre sul tavolo e portatelo in viaggio.

Vi garantisco che sarà un successone con i bambini  ma anche con gli amici che verranno a cena.
E se lo fate , mi raccomando,  fatemi sapere l'amabile aggettivo che vi è toccato! :-)

INFORMAZIONI UTILI:
I Cracker Barrels si trovano in ben 43 stati americani. Se siete on the road o state progettando un viaggio negli States, qui trovate gli indirizzi.
Ovviamente, nello store trovate in vendita il solitario a soli $2.99.

-->

5 commenti:

  1. Super! Bravissima come sempre!

    RispondiElimina
  2. Lo preparerò sicuramente per il nostro prossimo viaggio. Grazie per la bellissima idea

    RispondiElimina
  3. carissima Daniela, ho realizzato la mia versione del gioco (molto più spartana della tua!). La trovi qua: http://r-atelier.blogspot.it/2015/07/solitario-da-viaggio.html
    Grazie ancora per l'ispirazione! Anna

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin