Giochi in feltro e magie d'autunno per viaggiare con bambini felici.

Ci siamo. La partenza è imminente e tra un fine settimana e l'altro ( vi racconterò in questi giorni le nostre recenti avventure) passiamo le nostre giornate in città il più possibile all'aperto, per godere dei colori che questo splendido autunno ci sta regalando e per raccogliere tesori per i nostri "lavoretti".

Fuori gli alberi cominciano lentamente a cambiar colore e già i prati verdi si colorano di foglie secche che è un piacere sentir scricchiolare sotto i piedi.

Le anatre che popolano il laghetto si godono il tepore ancora intenso dei raggi del sole ma la natura mostra già i toni caldi di questa affascinante stagione.

Aj al parco vicino  casa

Aj raccoglie tesori nel parco

le foglie scricchiolano...

dar da mangiare ai piccoli abitanti del lago è un vero divertimento

Dentro è un fremere di attività creative che ci tengono impegnati a leggere, giocare, raccontare storie lontane che preparano a questa nuova avventura, ma anche creare, cucire, ritagliare per inventare giochi per viaggiare e per sognare...

Aj e le fiabe di Mandela

Perciò ecco che il profumo della cera d'api utilizzata per cerare le foglie mi riporta indietro nel tempo mostrandondomi immagini di bellissimi ricordi di bambina; Cera d'api

Aj che immerge le foglie nella cera

pastelli e foglie

dal forno escono deliziosi muffins al cioccolato impastati da due piccole manine (questa volta ho usata alla lettera questa ricetta), mentre si canta una canzone a squarciagola e pronunciando davanti al forno le parole magiche che fanno gonfiare i muffins, una merenda preziosa gustata ieri durante il fine settimana all'HalLEOween di Leolandia.

Muffins al cioccolato

I pastelli colorati si trasformano in un piccolo suncatcher a forma di foglia, con la tecnica utilizzata l'ultima volta, per incantarsi davanti al colore che si scioglie sotto il ferro caldo immaginando quali sfumature rivelerà e acchiappare i raggi di sole che passano attraverso il vetro.

suncatcher autunnale

E poi naturalmente il mio amato pannolenci.

In questi giorni mi sono messa a pensare, a progettare, avevo voglia di creare qualcosa di nuovo per questo nuova avventura in Marocco.

Ed ecco cosa è nato:

Una simpatica etichetta bagaglio per l'adorato zainetto di Felix giramondo di Aj, realizzata su un disegno che avevo visto su Etsy e che racchiude all'interno il nome scritto con un 3d liner.

cucendo l'etichetta bagaglio a forma di scimmietta

etichetta bagaglio a forma di scimmietta

L'etichetta di feltro sopra lo zainetto di felix

SDC13191

Un playmat per cuocere, lavare, affettare con il cibo di feltro da viaggio tra un cous cous e una gamila o mentre ci godiamo la vista sulla Piazza che si trasforma da un caffè sopra Djemaa el Fna.

Kitchen playmat - tovaglietta di feltro per giocare alla cucina

tovaglietta di feltro

ritagliando i fornelli...

E' stato davvero divertente immaginare una cucina di feltro, i fornelli, i bottoni, il tagliere e l'acquaio dove appoggiare i piatti "sporchi" o lavare le verdure. Naturalmente è stata un successo e non ho fatto in tempo a finirla che già il piccolo cuoco di bordo se ne è impossessato per preparare i suoi manicaretti.

L'idea è quella di farne un'altra uguale ma a tema diversa ovvero fatta di strade e binari del treno per giocare con le amate auto di Cars e i trenini di Thomas. Ho pensato di cucirla sul dietro in modo da creare una tovaglietta double face da arrotolare e legare con un nastro e che occupa pochissimo spazio in valigia. Vi terrò aggiornati.

Continuo a rimanere incantata ogni volta che realizzo qualcosa in pannolenci per la facilità con cui si possono creare giochi meravigliosi e fatti con le nostre mani.

La fantasia non ha limiti e si possono ottenere risultati bellissimi anche da chi come me ha preso per la prima volta un ago in mano da pochi mesi.

Ho moltissime idee in questo periodo, il tavolo degli hobby è completamente invaso da pannolenci di ogni forma e colore, aghi e fili colorati ma tra un pezzo di feltro e un paio di forbici spuntano appunti di viaggio e guide turistiche, libri e riviste, mentre allo stereo suona una musica marocchina e io con la testa ed il cuore sono già là. In fondo come ho detto anche qui, Viaggiare è il mio peccato no?

Commenti

  1. Come sempre rimango incantata dai tuoi post ... letteralmente a bocca aperta e "sbavo" tutta... bellissimi i lavori in feltro ma ... possiamo approfondire la ceratura delle foglie, che questa mi è nuova? ... e poi, quando partite? Bacioni, felice settimana creativa.

    RispondiElimina
  2. Che bello leggere i tuoi post !!A dire il vero oggi stavo rileggendo quello su cawboylandia perchè pensavo di portarci il piccolino tra qualche giorno .Stamattina ho trovato per la strada i poster del loro rodeo con le varie date e subito ho pensato a te e alle bellissime foto/video di Aj sulla canoa e sul toro e vedendo il tuo così felice ho pensato che potrebbe piacere molto anche a Matteo ,che ne dici?

    RispondiElimina
  3. @Beta:Sei un tesoro!:)
    Dunque la ceratura delle foglie è una attività bellissima che facevo sempre insieme alle signorine della scuola tedesca che ho frequentato per un certo periodo alle elementari.
    In pratica si prende la cera d'api (la vendono in tanti, dai negozio di hobby più forniti ad alcune erboristerie) e si scioglie con la tecnica del doppio pentolino.
    Poi ci si immerge le foglie non secche dopo averle lasciate per un po' dentro ad un libro per appiattirle.
    Ci si immergono giusto un attimo e poi si lasciano asciugrae su carta da forno. Questo è come le faccio io.
    Si ottengono foglie rivestite di cere trasparente e lucidissime!! Naturalmente più i colori delle foglie sono autunnali e intensi più il risultato è grandioso!
    Noi partiamo sabato, un bacione!!

    RispondiElimina
  4. @Chiara71: dico che è una bellissima idea!Stasera ti mando una mail!

    RispondiElimina
  5. ma che peccato!!! non sai quanto mi spiace.... anche noi eravamo a quello spettacolo, e marta si è divertita tanto tanto
    la prossima volta che mi muovo ti avviso, perchè... voi siete ovunque! penso che vestita com'eri ti avrei notata, anche se non ti avrei riconosciuta... prima o poi ci si incontrerà!!!
    ah, complimenti per le vostre creazioni... stpende, sorpattutto l'etichetta bagaglio
    però però... non è giusto!!!

    RispondiElimina
  6. carissima, bellissima l'intervista, bellissimi i lavori in feltro (che è una delle cose che vorrei fare a breve!), bellissimo tutto!!! notte, baci!!!! :)

    RispondiElimina
  7. Mamma mia sei bravissima!!non sapevo che sapessi usare così bene la stoffa..la piastra per cucinare mi sarebbe piaciuta da matti quando ero piccola (ed anche ora mi piace,in effetti..!!)
    buon viaggio,ci dovrai fare un bel reportage qaundo tornate..anche io ho già di nuovo voglia di partire e andare da qualche parte!!
    baci
    Daniela

    RispondiElimina
  8. non ho parole! quante belle attività tutte in un unico post!tanti tanti complimenti e buon viaggio! Debora

    RispondiElimina
  9. @Silvia: lascia perdere sono davvero dispiaciuta. pensare di essere lì a distanza di pochi metri e non incontrarsi. Addirittura nella leoarena insieme!
    strano però che non hai notato una pazza con un pipistrello in testa!! :) controlla le tue foto, sarebbe il colo se dietro a qualche angolo sbucassimo noi!:)
    @Smile: Grazie cara, sono contenta ti piaccia. Un bacione e sogni d'oro!
    @Daniela B: no no non so assolutamente usare bene la stoffa ne cucire. con il feltro è davvero facile basta ritagliare tutti i pezzi che servono e semplicemnte "legarli" insieme con il filo!:)
    Grazie per il buon viaggio, c'è ancora qualche giorno, partiamo Sabato! Comunque non vedo l'ora di scrivere sulò marocco anche se sono in arretratissimo con tutti gli ultimi viaggi compreso finire berlino e Praga.Buona serata!
    @Debora: Forse in effetti ho concentrato un po' troppe cose insieme! Grazie per i complimenti e per il buon viaggio ma manca ancora qualche giorno, partiamo sabato! Un grande saluto!

    RispondiElimina
  10. Ciao Daniela
    dopo questo post sono andata a rileggere la tua intervista e come non condividere, i bambini sono dei grandi viaggiatori ... e come dici tu anche Federico non fa fatica ad aspettare al chek in o stare seduto 10 ore sull'aereo ... purtroppo noi per impegni di lavoro non possiamo partire ogni volta che vogliamo perchè altrimenti saremmo come voi sempre con la valigia in mano!!! due anni fa dopo due settimane di vacanze in Thailandia e Cambogia con cambi di hotel diciamo a Federico che è ora di partire e lui tranquillamente ci chiede se cambiamo hotel!!! Grazie per i post che ci fai leggere, buone vacanze e aspetto un resoconto del viaggio in Marocco
    Patrizia

    RispondiElimina
  11. complimenti per la fantasia!
    Maria

    RispondiElimina
  12. @Patrizia: Mi fa molto piacere che tu condivida.
    E hai proprio ragione i bambini sono incredibili!
    Aj ogni volta che cambiamo albergo mi chiede quanti notti rimaniamo, il suo ideale è tre! Adesso non vede l'ora di partire per il Marocco e sono curiosa di vedere la sua faccia quando si vedrà spuntare i Nonnigiramondo e la Zia.
    Partiamo Sabato. Un carissimo saluto e a presto.
    @Maria:Grazie cara. Un bacio grande, mi mancavi...

    RispondiElimina
  13. Ma sei bravissima: La cucina in pannolenci e semplicemente meravigliosa!!
    La ceratura delle foglie non l'ho mai provata, ma mi stuzzica parecchio, quindi la sperimenteremo senz'altro. Grzie per l'idea :-)
    Cavolo... manca davvero poco alla vostra partenza!! Quanto state via?? Mi mancate di già!
    Un bacione e buon viaggioto
    Paola

    RispondiElimina
  14. @Paola sei un tesoro.
    Saremo di nuovo qui il 19.

    RispondiElimina
  15. ciao !!! finalmente trovo il tempo per scriverti, e mi leggo un pò di post arretrati. Sai che ho trovato un libro giapponese per fare frutta e verdura in feltro ? è bellissimo, se ti interessa ti mando il link. Invece volevo anche scriverti di Stanley; come sai, lo stavo inviando credo già 10 gg fa o giù di lì, e l'ho dato a un'amica perchè lei mi facesse il favore visto che abita vicino alla posta; visto che volevo assicurarmi che fosse partito e avvisarti, ieri l'ho chiamata e lei mi ha detto che Stanley ce l'ha a casa sua perchè in posta a parte il fatto che l'invio costa 10 euro e io le avevo dato meno (non pensavo costasse così cara una busta da 1 etto....), le hanno detto che dovevo mandarla aperta perchè devono controllare che non ci sia droga... come vedi per piccole cose qui ci si blocca, quindi ora ripreparo la busta aperta, do alla mia amica i soldi che le mancavano e faccio ripartire il tutto....uff, che fatica, per questo preferisco non usare le poste peruviane

    RispondiElimina
  16. That little backpack 'buddy' is so awesome! And the felt food adorable!
    : )
    jackie

    RispondiElimina
  17. Interesting post... I can see that you put a lot of hard work on your blog. I'm sure I'd visit here more often.
    George,
    magie.

    RispondiElimina

Posta un commento