15/03/11

Mille gru per il Giappone

Quel terribile 6 agosto del 1945 Sadako si trovava a meno di due chilometri dal luogo dell'impatto. Aveva appena due anni e ne uscì apparentemente illesa.
Poi la guerra finì, il padre di Sadako ricostruì il negozio distrutto e la vita a Hiroshima sembrò tornare alla normalità.

Nove anni dopo i medici diagnosticarono alla bambina una grave forma di leucemia causata delle radiazioni a cui era stata esposta.
Fu allora che l'amica Chizuko le raccontò la leggenda.

Chiunque avesse piegato mille gru di carta, avrebbe visto realizzato il suo desiderio più grande.
C'è ci dice che Sadako arrivò a piegare soltanto 644 gru, per altri ne realizzò oltre mille ma è certo che tutti suoi amici l'aiutarono a realizzare un sogno. E l'anno seguente tanti colorati capolavori di carta colmi di sepranza e di amore furono seppelliti con lei.
Aveva solo dodici anni.

Oggi Sadako riposa su un piedistallo di granito nel Parco della Pace di Hiroshima. Le mani tese a sorreggere una gru .
Ogni anno bambini di tutto il mondo piegano origami per lei e per tutti i bambini scomparsi, ogni anno migliaia di piccole gru volano sul cielo di Hiroshima.

Oggi questa storia simbolo delle brutture dell'umanità mi sembra  più che mai attuale.
Oggi noi cominciamo a piegare le nostre gru. Per Sadako, per i bambini del mondo, per il Giappone.

Scriverò pace sulle tue ali
intorno al mondo volerai
perché i bambini non muoiano più così
Iscrizione sulla base della Statua

15 commenti:

  1. Questa storia è commovente, e vorrei raccontarla al mio bimbo, iniziando a piegare un origami, il nostro primo.
    Grazie infinite!

    Cia

    RispondiElimina
  2. che bella storia grazie per averla condivisa..

    RispondiElimina
  3. UNA STORIA BELLISSIMA!LA CONDIVIDO SE POSSO

    RispondiElimina
  4. @Cia:Ne sono davvero felice. Trovo gli origami davvero straordinari, rilassanti e allo stesso tempo così pieni di energia e di magia. Sono perfetti per raccontare storie. Anzi a questo proposito ci sono gli storygami..
    Si comincia a piegare la carta e ogni passo diventa un momento della storia. In questo modo i bambini ricordano più facilmente il procedimento per arrivare alla creazione finale. E' davvero magico.Ti consiglio di cominciare le prime pieghe con qualcosa di molto facile, come semplici pinguini o le casine. ne farò comunque presto un post.Un abbraccio
    @Twins(bi)mamma:Si è davvero commovente, la storia e tutto quello che c'è stato dopo...

    RispondiElimina
  5. questa volta hai superato te stessa...mi hai fatto scendere i brividi dalla testa ai piedi. Grazie per averci raccontato questa triste e bella storia.

    RispondiElimina
  6. Ho scoperto la storia di sedako molti anni fa durante un viaggio in Giappone. hissà perchè l'avevo completamente dimenticata. E poi sei arrivata tu a ricordarmela , a ricordarcela. grazie, una storia triste ma davvero emozionante.
    Non sapevo nulla però sugli storygami che mi incuriosiscono moltissimo. Io ho provato un po' di tempo fa con gli origami e devo ammettere che mi sono divertita tantissimo!Tu che sai tutto puoi dirci qualcosa di più?

    RispondiElimina
  7. Mi sono emozionata tantissimo leggendo questo post... scriverò la parola pace sulle tue ali...

    RispondiElimina
  8. ho pensato questo post tutta la notte e mi sono permessa di fare share su facebook povere persone e poveri bambini, spero che andremo a votare nel modo giusto il 12 giugno

    RispondiElimina
  9. avevo sentito di questa leggenda, ma non così dettagliata. Grazie. A breve si inizieranno a costruire le gru, armati di fiducia :)

    RispondiElimina
  10. Una storia triste e bellissima allo stesso tempo. Il fatto che sia attuale mi mette i brividi!
    Che tristezza!
    Prego per tutti i bambini e tutte le mamme e tutte le famiglie!

    RispondiElimina
  11. Grazie per averci raccontato questa storia!

    RispondiElimina
  12. Buongiorno, ho letto con molta attenzione questa storia che mi era fuggita via dalla memoria. Vorrei segnalare che il 21 marzo (equinozio di primavera) in Giappone cade una festa molto sentita: Shunbun no hi, ovvero giorno dell'Equinozio di primavera.

    Essendo una giornata di festa, le famiglie giapponesi in genere si recano nei cimiteri a trovare i propri cari, e a portar loro qualche fiore.
    E sempre in questo giorno, le famiglie si riuniscono per stare insieme e magari rievocare piacevoli ricordi che vedono come protagonisti coloro che non ci sono piu'.
    viviana

    RispondiElimina
  13. @Debbie: Si, bellissima e tristissima...
    @Sara: So tutto? Noooo, qui non si finisce mai d'imparare! u Origami e storygame farò un post prestissimo"
    @Donnette: Quella frase è da brividi...
    @MammaMoglieDonna: E' davvero terribile...
    @Viviana: Ti ringrazio tantissimo per questo commento Viviana. Conosco l'Hanami ma non sapevo del Shunbun no hi. Ho diverse amiche giapponesi che vivono in Italia. mi informerò bene, mi interessa moltissimo. Ancora grazie.

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin