30/11/11

Natale in Australia.



Nonostante la mia giornata sia cominciata alle 5.30 di questa mattina non credo che le prossime ore saranno sufficienti per fare ancora tutto quello che devo, prima della partenza. 
Ma va bene così, ormai lo sapete che sono  quella che si riduce sempre all'ultimo minuto, che ama riempire questo giorno sensibile fino a che non trabocca di mille suoni, impegni, sensazioni,  adrenalina e corse pazze.
La sua valigia è piena di soffici maglioncini invernali, camice a quadretti, pantaloni di velluto,  sciarpe di lana e  cappelli  che sfiorano due libri nuovi (questo e questo) da leggere in auto attraverso le grandi autostrade tedesche.
E poi la sera in Hotel per continuare a vivere  quell'atmosfera così magica avvolti dentro ad un piumone caldo
E a proposito di atmosfere da sogno mentre continuo con i preparativi per il viaggio vi lascio con un racconto favoloso, il secondo di questa  sezione tutta nuova che parla di  emozioni e scoperte, consigli e suggerimenti, piccoli e grandi viaggi. I vostri, quelli che sono troppo belli per non essere raccontati...

Natale Down Under 

Protagonisti: Tommaso, Emma
Età: 6 anni , 10 mesi
Destinazione: Australia
In viaggio con: Mamma e Papà
Consiglieresti questo viaggio?: Si
Punti chiave: uno straordinario viaggio che dimostra come viaggiare con i più piccoli sia possibile anche dall'altra parte del globo e un favoloso tuffo nelle insolite tradizioni natalizie australiane.

Scritto da Raffaella C.


Siamo ormai vicini al periodo più magico dell’anno…..e mi è tornato in mente il nostro “strano”
Natale 2009 passato letteralmente in un altro continente….ma che dico…EMISFERO!!!! Eravamo già stati in Australia nel 2007, Tommaso non aveva ancora 4 anni, ma con il suo spirito da viaggiatore nato il lunghissimo viaggio (più di 24 ore!!) è stato più facile per lui che per me e mio marito!
Poi nel 2009 la decisione di passare le feste di Natale a Sydney, dove da molti anni vive mia sorella con suo figlio, e di godere della sensazione di andare al mare in Dicembre ed aspettare Santa Claus in costume ed infradito!

A Tommaso si era aggiunta Emma, nata 10 mesi prima, per cui ci aspettava questa volta un lungo viaggio molto diverso dal primo, per organizzazione ed impegno!!! La piccola infatti non aveva mai manifestato particolare apprezzamento per gli spostamenti, anche 20 minuti in macchina ci spaventavano!! ed aveva esigenze di allattamento/svezzamento/ cambio frequente che in genere sono impegnativi anche a casa propria! ci abbiamo pensato un pò…..ma in fondo sarebbe stato un giorno di viaggio, 2 con il ritorno, su 3 settimane di vacanza e non volevamo farci condizionare dalla piccola nana, che doveva a tutti i costi diventare una viaggiatrice come il fratello!

Il viaggio è stato sicuramente faticoso, ma non impossibile!! Abbiamo scelto come compagnia la Emirates Airline (Venezia-Dubai-Sydney) e ci siamo trovati molto bene. I servizi in volo sono stati eccellenti! Per il cibo di Emma mi ero organizzata con latte e qualche vasetto di frutta, potevo andare in cabina a scaldare il biberon ogni volta che ne avevo bisogno, bastava un cenno alle hostess e mi portavano cracker e formaggini, e come set per i più piccoli c’era un utilissimo astuccio con giochini, bavaglini, salviettine e cremine per il cambio. Tommaso, all’epoca 6 anni, si è gestito da solo! Televisione, giornalini, carte da gioco, nanna e cibo (ve l’ho detto….viaggiatore nato!!!).

Lo scalo tecnico a Dubai è stato tranquillo, l’enorme aeroporto è super attrezzato per qualsiasi evenienza. La cosa che mi ha colpito di più sono stati i passeggini a disposizione (visto che il nostro era stato imbarcato ed arrivava direttamente a Sydney!): McLaren ultimo modello nuovi fiammanti!!! Forse li cambiano ogni settimana!?!?!

Arrivati a Sydney per noi è diventato tutto più facile, ci aspettava una parte di famiglia ed un paese molto attento ai bambini e talmente ricco di natura che è stato facilissimo trovare attività per soddisfare grandi e piccini! Spiagge selvagge e libere, dove trovarti faccia a faccia con i canguri, ma anche quelle super trendy con i surfisti che sfrecciano sulle onde; ovunque zone attrezzate per pic nic, parchi giochi in mezzo al verde, animali mai visti, ponti spettacolari e viste mozzafiato!

E poi era Natale, ed è stato veramente un Natale diverso, dove abbiamo condiviso e mescolato le tradizioni. A quelle italiane abbiamo pensato noi, portando le statuine per il presepe per mio nipote, e preparando la cena della vigilia a base di pesce. Ma il 25 abbiamo aperto i Christmas crackers e i regali li ha portati Santa Claus con la slitta guidata….dai canguri!!! So funny!!! E che dire del capodanno?? E quando ci ricapiterà di passare l’ultimo giorno dell’anno appostati in un parco con la tenda, insieme a tante altre famiglie, per un pic nic ad oltranza: dal pranzo alla cena e oltre appunto, in attesa dello spettacolo più bello….i
fuochi di mezzanotte dall’Harbour Bridge!?!?


A questo punto c’eravamo già dimenticati delle difficoltà del viaggio (e delle 10 ore di fuso!).
Le tre settimane sono trascorse serenamente, la piccola ha completato lo svezzamento grazie alla frutta e alla verdura “estiva” che da noi avrebbe conosciuto solo 6 mesi più tardi, ha imparato a camminare giocando liberamente sulle enormi spiagge, il più grande ha potuto imprimere meglio nei ricordi immagini di natura e soprattutto di una fauna che non si trova in nessun altro posto al mondo…e ovviamente giocare tantissimo con il cugino!

Potrei continuare per altre 10 pagine a raccontare del nostro lungo viaggio e del nostro amore per questo Paese, ma questo vuole essere solo un assaggio e una testimonianza di come sia possibile organizzare un viaggio lungo e molto lontano con bimbi al seguito!
Per qualsiasi curiosità o informazione potete contattarci!
Un caro saluto
Raffaella Gabriele Tommaso ed Emma

11 commenti:

  1. Fantastico viaggio e fantastica esperienza. Sono molto favorevole al far viaggiare i bambini sin dalla tenera età. E' importante far vedere che esistono altri mondi e che è possibile scegliere.

    RispondiElimina
  2. Complimenti a Mammagiramondo per questa bellissima idea di accogliere anche i nostri racconti e a Raffaella per il suo viaggio in Australia. Deve essere davvero stranissimo festeggiare il Natale con il caldo!!!!!

    RispondiElimina
  3. Ah dimenticavo, buon viaggio Daniela, non vedo l'ora di scoprire quali luoghi meravigliosi avete visitato!!!

    RispondiElimina
  4. Favoloso! Chissà se un giorno anche noi riusciremo a fare un viaggio così lontano. Intanto grazie a Raffaella per i consigli e un superbuonviaggio alla nostra mitica Mammagiramondo! Attendo con ansia il resoconto!
    Monica

    RispondiElimina
  5. Mi piace tantissimo l'idea della slitta trainata dai canguri! :)

    RispondiElimina
  6. L'australia è bellissima, noi ci siamo stati in viaggio di nozze 4 settimane e ne serbiamo un bellissimo ricordo....la nostra bimba ;-)

    Maria

    RispondiElimina
  7. Fantastico viaggio! E' la prima volta che passo di qui e volevo farti i complimenti per il tuo blog, purtroppo sono arrivata tardi per la tua raccolta sui biscotti, ma alle prossime non mancherò. Buona giornata, babi

    RispondiElimina
  8. Ciao, manco da un pò, ma ho recuperato leggendo tutto e... che invidia

    RispondiElimina
  9. Ancora un GRAZIE a Mammagiramondo per avere ospitato il mio racconto!
    E grazie anche a voi che avete letto e commentato!!!
    @EligR@pHix: la slitta di Santa Claus è trainata da 6 canguri bianchi! la storia è raccontata in una canzone tipica del Natale Australiano, "Six white boomers"
    http://www.youtube.com/watch?v=hlSsffF2xhA.
    Ciao

    RispondiElimina
  10. raggiungere l'australia è sicuramente "stressante" e immagino ancor di più con due bimbi piccoli ma da quanto leggo non ho dubbio ne sia valsa la pena. noi ci siamo stati per 3 mesi e abbiamo solo bellissimi ricordi e rileggendo questo post mi emoziono ancora.

    RispondiElimina
  11. Auguri..che bella famiglia!!
    Grazie per le foto
    Sono bellissime!
    Tanti auguri e Buon 2012!

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin