30/09/11

Tesori di viaggio: El Azafran de la Mancha.




Il viaggio non finisce mai. 
Lo scriveva Saramago in uno dei suoi libri  riferendosi all'infinità di cammini insiti in ogni meta.
E si, quanto è vero un viaggio non finisce mai.
Rimane impresso nei ricordi e nella memoria, riaffiora dopo giorni, mesi, anni per riaccendere quell'attimo, quel momento vissuto con intensità, oggi come ieri.
Si insinua attraverso la pelle riempiendola di echi, suggestioni, insegnamenti, fotografie, sorrisi mentre basta una sciocchezza a far da madeleine  e a riportarlo in vita.

E continuare a viaggiare quando si ha un figlio è ancora più bello.

29/09/11

Torre San Niccolò. Un viaggio nella storia di Firenze


Se giocando a viaggiare la geografia può risultare assai più divertente che in un aula scolastica, anche la narrazione degli eventi più importanti del passato, la storia, diviene senza dubbio più affascinante se ascoltata sul campo.
Piazze, monumenti, statue, vicoli e strade della propria città nascondono storie di  impetuose battaglie, freddi complotti , corse al potere ma anche frammenti di vite, amori, talenti, passioni.

27/09/11

La strada di Don Chisciotte



Viveva, non ha molto, in una terra della Mancia, che non voglio ricordare come si chiami,
un idalgo di quelli che tengono lance nella rastrelliera, targhe antiche, magro ronzino e cane da caccia Miguel de Cervantes Saavedra , Don Chisciotte della Mancia

Comincia così il celebre romanzo che racconta le incredibili avventure di Alonso Chisciana. Uno strampalato hidalgo spagnolo che a furia di leggere romanzi cavallereschi si convinse di essere diventato un cavaliere errante.  Una mattina di Luglio sellò un povero ronzino, si trovò un nome importante e munito di lancia e celata partì per vendicare ingiurie, raddrizzare torti,correggere abusi e soddisfare debiti. 
Ma se la follia di Don Chisciotte lo portava a immaginare castelli al posto di locande, dame in luogo di contadine e giganti anzichè  mulini , reali sono invece i luoghi attraverso i quali è passato.
La strada di Don Chisciotte è dunque un itinerario favoloso dove si fondono letteratura, cultura, e naturalmente fantasia. Un viaggio straordinario per vivere un paese in modo intenso vedendolo uscir fuori, quasi per magia, dalle pagine di un libro..

In attesa di ripercorrere insieme ogni tappa di questa leggendaria strada vi lascio con un piccolo video-riassunto...

26/09/11

Organizing

Chi mi conosce lo sa, non sono tipo da stare ferma in spiaggia.
Questo non significa però che non ami il mare, specie quando come in questo periodo, la spiagge sono quasi deserte e l'unica voce che si sente è quella che scivola fuori dalle onde.

23/09/11

Castilla-La Mancha da non perdere. Top Ten




Una domenica pomeriggio, per caso, tra particuliers, vecchie poltrone e cavalli a dondolo. Quel giorno nel Dorset tra immensi campi coltivati,  a cogliere fragole in uno straordinario supermercato en plein air. E poi seduti sull'erba a vedere Pollicina che attraversa il fiume, pedalando sull'argine battuto dal vento insieme a gabbiani e flamants roses o scivolando lungo una strada deserta mentre la radio suona proprio quella canzone...

L'ho già detto sono esperienze che non si dimenticano.
Attimi, minuti, ore in cui si sente un paese scivolarci dentro, il cuore  batte forte e noi siamo davvero lì, senza altro pensiero che vivere quel momento con tutta l'intensità che merita. 

E allora oggi partiamo proprio da qui, un attimo prima di cominciare a raccontare la nostra Mancha. Da questa personalissima hit delle dieci cose da non perdere, che farà poi anche un po' da di indice del nostro straordinario ultimo  viaggio nel cuore della Spagna...

21/09/11

Echi d'autunno, giveaway e sconti


Oggi comincia la mia stagione preferita. 
Non mi stanco mai di ripeterlo, j'adore l'autoumne et toutes ces coulers... 
Nell'aria ancora gli ultimi sussulti di una  estate lunghissima ma già il profumo che si respira è diverso.
E' quello delle foglie che danzano giù  dalle chiome, del fumo che scivola fuori dai camini, delle noci che crocchiano, dei libri che esaltano la magia delle stagioni, da leggere il pomeriggio davanti ad un tè fumante o stretti la sera sotto le coperte.

20/09/11

Imparare l'arte giocando. Le chemin du Fauvisme


“La meraviglia è il seme della conoscenza.”
Così diceva Francis Bacon, perchè per conoscere davvero, con la testa e con il cuore, occorre sapersi meravigliare del mondo che ci circonda.
E lo stupore, il mistero, il gioco sono veicoli straordinari che permettono, quasi senza accorgersene di appropriarsi di nuove conoscenze e di avvicinarsi in modo divertente a materie che talvolta risultano un po’ strette rinchiuse dentro ad un’aula di scuola.
Come l’arte...


Questo è l'inizio del post. Il resto del reportage lo trovate qui, sulla nuovissima Piccolini Tv!

19/09/11

Strange days

Spagna on the road
Dopo sedici giorni e emozioni lunghe  migliaia di chilometri è sempre strano tornare.
Ritrovare gli amici cari e la quotidianità che si mescola alle cose nuove.
La  colazione con le amiche, il viso adorabilmente emozionato del primo giorno di scuola, progetti entusiasmanti che prendono forma , le valige da svuotare, le mail da rispondere, il telefono che non smette di squillare.
Eppure adoro questo momento.
Questo giorno in cui la mente è un po' a casa un po' ancora in giro da qualche parte.
Persa in quelle interminabili strade deserte capaci di rivelare sorprese inaspettate o lungo quel fiume che è stato per un po' la nostra casa.

16/09/11

Mazapán de Toledo


Tra i tanti  motivi per visitare la sorprendente città di Toledo quello più dolce è sicuramente il marzapane.
Sebbene pare abbastanza certo che sia stato inventato dagli Arabi, gli spagnoli  attribuiscono il merito alle suore di San Clemente che durante una delle tante carestie che colpivano la Mancha, mescolarono gli unici ingredienti che avevano in dispensa:
mandorle e zucchero...

14/09/11

Caccia ai giganti

Mota del Cuervo
 Un d,ì lungo la via, i due s'imbatterono nei mulini a vento. "Guarda Sancio, là...davanti... scorgo dei feroci giganti!"Dal "Don Chisciotte della Mancia" di J.Reviejo e J Zabala.

Compaiono quasi d'improvviso a ingentilire l'orizzonte.

13/09/11

Bienvenidos a la Mancha!




Siamo saliti scivolando fianco a fianco con il mare, fermandoci solo per ammirare gli splendidi villaggi che punteggiano la costa vermiglia. Chiusa tra deux géants, il Mediterraneo e i Pirenei, Collieure incantò Matisse e   rapito  noi, coinvolgendoci in una divertentissima caccia ai quadri.
E poi più su, ancora qualche chilometro per incontrare  un vecchio amore.

09/09/11

Itaca

bDSC_0471
Venerdì ore 7:30
Siamo andati a dormire che non era ancora mezzanotte. Due partite a Tier Yahtzee dopo una giornata densa di emozioni, mille risate, una storia della Aiken e  siamo crollati tutti.
Sono sveglia  da un’ora, non sono abituata a dormire così tanto. Il letto a bordo è comodissimo,  non si riesce  a sfogliare più di cinque pagine che già Morfeo ti avvolge rapidamente con un abbraccio dolce.
 O forse sono solo le troppe emozioni: l’affascinante scivolare, le corse in bici accanto all’acqua, i colori di una natura dai toni quasi autunnali, le città e i villaggi, i ponti e le chiuse.
Sono  sul tetto e  mi godo la luce che si insinua lentamente nel canale, il cielo che da grigio chiaro diviene di un azzurro intenso e illumina  le barche ormeggiate ai lati del canale.
Lentamente, si svegliano,parlano tedesco, inglese, francese, nascondono vite, sogni segreti.

08/09/11

Giveaway Kidorable, allegri anche quando piove

bpage3
Dalle bianche scogliere di Mon fino ai villaggi più remoti della Cornovaglia.
Ripiegato in valigia insieme agli stivalini ha atteso il momento giusto per venir indossato, un  vento dispettoso o quella sottile pioggerellina che avvolge sovente questa meravigliosa parte di Inghilterra.
E ci credete se vi dico che con il colore  e i piccoli dettagli a forma di rana fa subito venire voglia di ridere?
Un impermeabile così tinge di allegria anche le giornate più grigie…

07/09/11

Insolito navigare

bDSC_0226
Navigando lungo l’affascinante Canal du Midi si scoprono dietro ogni ansa inaspettate sorprese.  
Mentre minuscoli villaggi apparentemente privi di ogni attrattiva  si rivelano pieni di charme e ottima cucina, le cittadine più grandi nascondono esperienze totalmente insolite.

06/09/11

Una vacanza in houseboat è....

aDSC_0013

Un lento navigare in mezzo alla natura che ti strega, il vento gentile che ti accarezza la pelle mentre si scivola lungo un canale che è patrimonio dell’umanità, le ombre della sera che si gettano nell’acqua e danno vita a riflessi affascinanti.

02/09/11

Da ballerina a inviata speciale.


Quando ero piccola volevo fare la ballerina. Poi il pilota di aerei, il chirurgo, il diplomatico.  Ho cominciato a studiare pianoforte al Conservatorio di musica e volevo diventare pianista,  mi sono diplomata all'accademia teatrale e volevo fare l'attrice. E poi un senso profondo di giustizia mi ha spinto a desiderare di fare il magistrato. 
Quest'ultima passione è durata per degli anni tra un libro di procedura, un corso di criminologia a New York e una tesi in diritto penale comparato. Nel frattempo, galeotta una telefonata al numero sbagliato, ho conosciuto Lui, ed è stato un colpo di fulmine.

Il tempo insieme non ci sembrava mai abbastanza ed ogni minuto libero era dedicato a coltivare il nostro amore e una grande passione comune. 
Viaggiare.

01/09/11

Libri in valigia, letture consigliate per bambini (e adulti) in viaggio a ...Parigi



No, questa volta non ho deciso di cambiare destinazione all'ultimo minuto. Sabato mattina saliremo sulla nostra houseboat con cui navigheremo una settimana lungo il canal du midi e poi toccherà alla Mancha.

E' solo che, ve l'ho detto, ho già voglia di autunno e  avete presente quant'è magica Parigi in quello straordinario periodo dell'anno?
I giardini e i parchi si colorano di marrone, giallo, arancio e il sole sembra nascere dalle foglie.  Persino la torre Eiffel sembra diversa, nascosta dietro ai rami  degli alberi del Jardin des Tuileries.
Già mi vedo a sorseggiare un tè in uno di quei luoghi di raro fascino  che si celano negli angoli di strade insospettabili. E poi quando le ombre della sera si allungano a guardare gli uomini di casa mentre spingono una di quelle barchette di legno giocattolo che si possono affittare al laghetto.
Sedere la mattina su una di quelle panchine in ferro dei giardini di Lussemburgo e chiacchierare, ridere, assaporare l'atmosfera che ti strega, quella  di una città semplicemente incantevole. 
Naturalmente, sfogliando le pagine di un libro. Da veri parigini.
Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin