Itinerari: Danimarca on the road


 Il sole brillava sull'acqua e la rendeva dorata. Allora si tolse la cintura e legò la farfallina alla foglia: in questo modo la foglia viaggiava molto più in fretta e così lei, dato che stava sulla foglia. ( Mignolina, H.C. Andersen)
E 'un andare affascinante, spinti dal vento e tirati dalle ali di una farfalla. Che danza in un regno di isole , volteggia tra villaggi vichinghi, navi pirata, castelli ,  sirene e montagne di gesso; di quelle che mentre ci scivoli dentro non puoi resistere a  penetrarne l'essenza stropicciando le mani e  il viso e i vestiti per sentire addosso la profondità di tanta bellezza.
E' la Danimarca, che fa vedere ovunque  magia e incanto; che invita il viaggiatore ad assaporare ogni paese, città, fiordo, strada come una serie ininterrotta di miracoli, intrisi di  fiabe e racconti, leggende e misteri, natura e sogno.
Oggi torniamo ancora a parlare del paese delle fiabe, ma questa volta tenendo sott'occhio la mappa, controllando tappe, distanze, vecchi appunti di viaggio, utili per chi sta organizzando un itinerario on the road  con i bambini, nella nazione più meridionale dei paesi scandinavi.


DANIMARCA ON THE ROAD
A: Ribe- B: Vejle-C:Odense-D: Copenaghen-D:Borre (una settimana)
Ribe - Vejle: 80 chilometri
Vejle-Odense: 74 chilometri
Odense-Copenaghen:165 chilometri
Copenaghen- Borre:131 chilometri

Se come noi ci arrivate in auto, date un'occhiata all'itinerario on the road Italia- Danimarca. Un percorso che dopo aver attraversato la Germania fianco a fianco con la strada delle fiabe (neanche a farlo apposta, costante di questo viaggio) vi porta fino allo Jutland, l'unica regione non insulare della Danimarca.
da sinistra, Jutland , Fionia e Selandia
Noi abbiamo avuto solo una settimana a disposizione (8 notti compreso il viaggio in auto) per cui, come vedrete, l'itinerario che vi propongo comprende alcune mete imperdibili ma ahimè, nè salta molte altre che vi raccomando di includere nel vostro viaggio se avete più giorni a disposizione. In particolare mi riferisco allo Jutland settentrionale caratterizzato dalla natura più selvaggia, da due mari che si incontrano e dalle straordinarie dune mobili di Skagen (Aalborg mi sembra una una base per visitare la zona ma aspetto anche i vostri consigli).

1° TAPPA RIBE

Ribe è' la città più antica della Scandinavia, con un meraviglioso  centro medioevale che si snoda lungo un  vicolo pedonale  di selce  su cui si affacciano pittoresche case in legno.

Passeggiate accanto alle botteghe, fermatevi a bere qualcosa in un cafè per godere dell'atmosfera allegra e vivace, cenate in un uno dei ristorantini all'aperto e sedetevi infine sul meraviglioso porticciolo che al tramonto  (che è straordinariamente tardi, molto tardi) illumina le barche di una luce calda e romantica.
Ma Ribe non è solo una cittadina affascinante in cui perdersi alla ricerca dei mille dettagli nascosti tra le case. Sono tante infatti le attività da non perdere soprattutto se si viaggia con dei bambini.
Da non perdere:
Museet Ribes Vikinger:
Una passeggiata nel  passato grazie alle  meravigliose ricostruzioni che mostrano come si viveva all'epoca dei vichinghi e nel medioevo, come erano fatte le case, le barche, le strade, cosa la gente indossava,  mangiava e persino quali giochi erano diffusi tra i bambini. All'ingresso ritirate il foglio con gli indizi da cercare o la valigetta per bambini.

Il Museo è  raggiungibile in pochi minuti a piedi dalla strada principale seguendo le comode indicazioni.
Il Museo chiude il Lunedì e a seconda del mese è aperto fino alle 16:00 o alle 18:00 con orario continuato. 
All'interno anche un grazioso cafè con una affascinante vista.
Se alloggiate a Ribe con tutta probabilità avrete anche una RibePas, una brochure timbrata dal vostro Hotel grazie alla quale riceverete uno sconto all'ingresso. 
I cani sono ammessi  al bar ma non all'interno del Museo

Si tratta della straordinaria ricostruzione di una vera e propria città vichinga.
C'è la grande fattoria dove si possono scoprire i segreti dell'agricoltura di un tempo, ossservare donne e uomini al lavoro mentre  ricamano, cuciono, cucinano, coltivano circondati da cavalli, mucche, anatre e polli.
Nella grande Piazza del mercato si svolgono le attività commerciali e si possono ammirare gli artigiani al lavoro.Tutto talmente vero che ci si dimentica la realtà.
Si trova circa due chilometri a Sud di Ribe in Lustrupvej 4 DK-6760 Ribe.

Come per il Museo vichingo  è possibile usufruire dello sconto del 20% con la RibePas che vi verrà consegnata gratuitamente dall'Hotel (se alloggiate in una delle strutture convenzionate), o alla cassa in seguito al pagamento di un biglietto a prezzo pieno per una delle attrazioni. E' anche possibile acquistarla al centro informazioni di Ribe.
Una volta usciti all'aperto  dall'ingresso dove si trova lo shop e la biglietteria trovate sulla sinistra i simpatici carrelli porta zaini/borse/bambini. Una foto la potete vedere qui (nona foto).
I cani sono ammessi :-)

Vadehavscentret
Okholmvej 5 Vester Vedsted 6760 Ribe
All'interno del centro Vadehavet è possibile scoprire importanti informazioni sugli uccelli migratori che due volte l'anno raggiungono il mare di Wadden per nutrirsi e acquistare energia per il loro lungo viaggio.
E poi cicogne foche e fenomeni naturali legati al mare. 
Ci sono cose da toccare, giochi da fare, pannelli interattivi da osservare che permettono a grandi e e bambini di imparare divertendosi.
Oltre a questo il centro organizza ogni giorno visite straordinarie per andare a vedere foche, uccelli o catturare gamberetti e molluschi.
Contatte il Centro o recatevi presto al mattino per conoscere le eventuali gite in programma 
Una sorta di autobus con il sopra aperto che vi condurrà alla celebre isola di Mando attraverso... il mare. la gita è possibile soltanto con la bassa marea ma dal momento che anche se basso, il mare è pur sempre presente, l'autobus verrà a tratti trainato da un trattore. 
Mi raccomando controllate gli orari per non rischiare di perderla!
Cani ammessi

Ma queste sono solo alcune delle innumerevoli attrazioni tra Ribe e i suoi dintorni.

 Mappa di alcune delle attrazioni nei dintorni di Ribe
Dalla brochure del Ribe Byferie

Indipendentemente da dove deciderete di dormire vi consiglio di scaricare la brochure del Ribe Byferie dove trovate utili informazioni sugli eventi e le attività nei dintorni.

                                                                          DOVE DORMIRE

Noi abbiamo scelto il Ribe Byferie, un delizioso centro vacanze a pochi minuti dal centro e ideale per chi viaggia con i bambini. Esistono diverse tipologie abitative. Nel nostro caso avevamo un salotto/cucina, camera matrimoniale e bagno al piano di sotto e una camera con tre letti singoli in mansarda, raggiungibile da una scaletta ripida (con il cancellino per i piccolini)che è stata il divertimento di mio figlio.Ogni casetta è dotata di giardino con tavolo per mangiare all'aperto.
Informazioni pratiche:
Damvej, 34
DK 6760 Ribe 
cani ammessi su richiesta

Maggiori dettagli su Ribe nelle due parti della Miniguida

Salendo verso Nord, a soli 55 chilometri da Ribe c'è un'altra attrazione che i bambini (ma anche i grandi) non vorranno mai perdersi...
Ribe-Legoland:55 chilometri

LEGOLAND BILLUND

Map from PlanetWare.com


Fin dall'ingresso avrete l'impressione di essere improvvisamente finiti, rimpiccioliti, dentro ad una delle scatole Lego dei vostri figli.
E' un mondo costruito da oltre 59 milioni di mattoncini.
Dalle casse, alle fontane, le giostre,gli orologi, le decorazioni e persino le minifigures che in versione gigante abbelliscono ogni angolo di questo luogo straordinario. 

Come tutti i Parchi tematici anche Legoland è diviso in aree, La terra dei Pirati, quella dei vichinghi, dei cavalieri, dell'avventura, etc. C'è anche una DuploLand,l'area dedicata ai più piccoli costruiti con accessori e mattoncini della serie Duplo. Un Parco giochi, la fattoria, gli aerei, la stazione di polizia e naturalmente quella dei pompieri dove l'intera famiglia può divertirsi a guidare un vero camion dei vigli del fuoco e... spengere un incendio!
E' anche la zona del parco dove le mamme possono trovare il Babycare Center che contiene tutto quello che è necessario per prendersi cura dei piccolissimi. Fasciatoi, scaldabiberon, aree relax per allattare e una minicucina dove scaldare le pappe ai vostri bambini.

Legoland Billund si trova vicino all'aeroporto dove atterra la compagnia lowcost RyanairE' naturalmente raggiungibile da treni, autobus e se arrivate in auto c'è un enorme parcheggio a pagamento all'esterno.
Gli orari di apertura variano a seconda del mese. Controllate la tabella per avere informazioni dettagliate.
I cani sono ammessi al parco ma naturalmente non sulle attrazioni. 

Dove dormire:
Dopo aver lasciato il Ribe Byferie noi abbiamo proseguito per Vejle a 45 minuti circa da Legoland. Il Munkjberg Hotel è un luogo ideale per rilassarsi dopo una giornata frenetica al Parco. Completamente immerso nel verde offre una vista mozzafiato sul fiordo e poi una piscina, un angolo bambini, un casinò e ovunque sdraio per rilassarsi nella natura. Se vi interessa controllate i prezzi su booking, noi avevamo trovato davvero una buona offerta.

Se volete immergervi totalmente nell'atmosfera magica del lego potete dormire all'Hotel Legoland.
L'albergo si trova nel cuore del Parco e ci sono tre meravigliose stanza a tema, la camera delle Principesse, quella dei pirati e quella dei cavalieri, ma anche stanze più comuni e a prezzi relativamente più economici.
Se decidete di andare come noi  in alta stagione considerate di prenotare il pacchetto (soggiorno più ingressi al parco) con largo anticipo. Noi non abbiamo trovato posto nelle stanze tematiche.
Consigliati da voi:
Letizia ci consiglia il Lalandia Resort,  Graziose e confortveoli casette all'interno di un villaggio proprio accanto a Legoland. 
Maggio Informazioni nella

Dopo Legoland e Vejle il nostro itinerario è proseguito verso Est, incontro alla Fionia e alla città di Andersen, re delle favole.
Come ho detto sopra se avete più tempo di noi decidete di proseguire prima verso Nord, considerando almeno qualche giorno per il selvaggio Jutland settentrionale.
Tante utilissime informazioni sul bel sito Visit Denmark (che ospita anche la mia miniguida!)


ODENSE
E' la città di Andersen, il celebre scrittore danese che  vi nacque nel 1805 e tutto qui, dalle statue alle barche sembra parlare di lui.
La maggior parte delle attrazioni si trovano all'interno del centro in cui ci si muove piacevolmente a piedi.
Cominciate la giornata con una  passeggiata  camminando verso Nord lungo la Torvegade fino a raggiungere l'Andersen Museum.
Controllate bene l'ora e poi sedetevi sul prato accanto al piccolo fiume.Portate una coperta e magari anche degli snacks. In alternativa potete sempre comprare un gelato al caffè dietro di voi.
Arrivate qualche minuto prima dell'inizio dello spettacolo e godete insieme ai vostri figli dell'emozione dell'attesa.
Si, perchè qui, proprio davanti al suo museo, ogni giorno per tre volte si ripete una vera magia.

Venti minuti in cui vi scoprirete commossi davanti a Pollicina che attraversa il fiume, a ridere delle smorfie del buffo imperatore "nudo", a divertirvi insieme ai vostri bambini giocando a chi per primo indovina la favola.
Negli anni scorsi il musical aveva luogo alle 11.00 alle 13.00 e alle 15.00 ma controllate il sito in attesa degli aggiornamenti per il 2013.
Dopo aver visto lo spettacolo potete pranzare nell'adiacente Cafe Fyrtojet e dedicare il resto della giornata ad un museo davvero speciale.
FYRTOJET


Il Fyrtojet vi permette di vivere la magia di una favola come fosse vera. 
Una sorta di straordinario set  che ogni due anni allestisce la scenografia di una delle favole di Andersen. Un vero mondo tutto da scoprire.
Stanze da esplorare, oggetti da toccare, bauli da aprire, letti per dormire, strumenti da suonare e costumi da indossare. Per grandi e per bambini per sognare insieme ai vostri figli.
Anche questo 2013 la favola sarà quella della sirenetta.
Attenzione Il Fyrtojet è chiuso il Lunedì. E' aperto gli altri giorni dalle 10.00 alle 17.00 in estate e fino alle 16.00 tutto il resto dell'anno.
Per entrare potete passare dallo shop dell'Andersen Hus (il Museo di Andersen) oppure dall'esterno alla sua destra.
Una volta pagato il biglietto riceverete un braccialetto grazie al quale potete entrare e uscire tutte le volte che volete. Considerate di passarci praticamente una giornata intera alternando la parata e il pranzo. 
Oltre a giocare e travestirvi al piano superiore c'è una bravissima truccatrice, una sala per le attività artistiche e molto altro ancora.

Un altro luogo imperdibile a cui dedicare una giornata è il parco Munke Mose a cui si arriva tranquillamente a piedi camminando pochi minuti dal centro.
E' il luogo ideale per un picnic o una bella gita in barca, noleggiando un pedalò a forma di cigno o salendo a bordo del battello per una minicrociera.

Il battello effettua due soste presso due attrazioni che vi consiglio di visitare se avete tempo.
Il famoso Zoo di Odense e la seconda nel bellissimo parco giochi naturale di Fruens Boge.

Maggiori dettagli sulla Miniguida dedicata ad Odense.

Da Odense abbiamo lasciato la Fionia per inoltrarci nella Selandia Nord Occidentale, collegata a quest'ultima dal lungo e scenografico ponte sulla Storebaelt, poggiato su un'isoletta artificiale che serve da appoggio.
E' una regione che offre molto ai visitatori, belle spiagge sabbiose e vaste foreste ideali per gite in bicicletta o per fare dolci trekking insieme ai bambini.
E ancora laghi e villaggi vichinghi. Tra i tanti Roskilde con il suo Museo delle navi vichinghe e Frederikssund celebre per il festival estivo e per la ricostruzione di un villaggio vichingo visitabile tutto l'anno.
La nostra prima tappa è stata naturalmente Copenaghen.

COPENAGHEN


Per le informazioni su questa straordinaria città vi rimando al capitalo della miniguida dedicato a Copenghen da non perdere.

Dalla capitale ci siamo diretti verso Nord per una imperdibile gita di un giorno, quella al celebre castello di Kronborg, proprio quello dove Shakespeare ha ambientato una delle sue più celebri e straordinarie tragedie, l'Amleto.

HELSINGOR


Quello che ha di straordinario questo castello oltre alle tante cose da vedere e la particolare posizione, proprio davanti allo stretto che collega il mare del Nord al baltico.
Prima di visitare l'interno vi consiglio perciò di assaporare il panorama imboccando la galleria che vi troverete sulla sinistra prima della porta per accedere al castello.
Concedetevi l'intera giornata per pranzare nel tipico chiosco in mattoni rossi o fare un picnic nell'area dedicata vicino al bel parco giochi per bambini. E poi cominciate la visita dell'interno.

Ci sono gli affascinanti sotterranei abitati dal leggendario condottiero vichingo che qui attende il risveglio pronto a combattere ancora. E poi la Torre, le varie sale, gli appartamenti reali, i musei e un'infinità di altri luoghi affascinanti che potete visitare acquistando il biglietto completo. In biglietteria specificate l'intenzione di fare il percorso con i bambini così da ricevere la chiave per aprire le playboxes che si trovano in alcune stanze e che divertiranno i piccoli esploratori con giochi e divertimenti.

Maggiori dettagli sul castello nella miniguida sul castello di Elsinore

Per l'ultima tappa di questo viaggio tra le favole siamo scesi verso Sud, vero la Selandia meridionale e le sue affascinanti isole.
Insieme allo Jutland settentrionale che purtroppo abbiamo dovuto saltare, questa è una regione per cui avrei voluto avere più tempo e che ho trovato assolutamente affascinante, poco turistica, più economica costellate di incredibili scogliere a piccolo sul mare.
In realtà se i turisti italiani si contano sulle dita questa regione attrae al contrario numerose famiglie danesi proprio per la sua tranquillità ma anche le tante attrattive per famiglie come Lalandia, il Parco Safari di Knuthenbord sull'isola di Lolland, la riserva di coccodrilli a Falster e molte altre ancora.
Noi abbiamo dedicato il nostro ultimo giorno ad un luogo straordinario...

MONS KLINT
Un  isoletta a Sud della Selandia dove il verde dei boschi si confonde con l'azzurro del mare che  il bianco delle falesie di gesso  incanta ogni giorno i suoi  visitatori. Un gruppo di scogliere che si tuffano a picco nel Baltico e verso la quale scendere attraverso una lunga scala di legno immersa nella natura.

Per arrivarci da Copenaghen guidate verso Sud inseguendo una Margherita. Un'itinerario da scegliere se non si ha fretta ma piuttosto si desidera attraversare il paese insinuandosi tra la natura, villaggio dopo villaggio, lungo strade piccole e poche trafficate. 
Fino allo spettacolare Dronning Alexandrines Bro che collega la Selandia all'isola di Mon.
La prima cittadina che si incontra è Stege, graziosa e vivace conserva testimonianze di un passato medioevale. Se vi fermate dovete assolutamente provare le aringhe! E poi lunghi campi color oro dove ai lati della strada  si può acquistare frutta fresca prendendola direttamente dalle speciali bancarelle solitarie.I soldi si lasciano in cassetta, a testimonianza dell'estrema onestà degli abitanti.
Si lascia la macchina al parcheggio del meraviglioso GeoCenter avvolto dal verde della foresta di Klint dove non è raro imbattersi in giovani bambi e in alcune delle spettacolari  specie di  orchidee che fioriscono tra Maggio e Agosto.


E poi semplicemente scendete e passeggiate   e lasciate messaggi sui tronchi e sulle rocce e sporcatevi di bianco e di natura in attesa di godere di uno dei più tramonti che abbiate mai visto nella vostra vita.

Per maggiori Informazioni:
Per dormire trovate tanti caratteristici Bed and Breakfast.Noi abbiamo dormito al Klintholm Bed and Breakfast a Borre.
FERRY DANIMARCA_GERMANIA

Se siete arrivati in Danimarca in auto non vi resta che rientrare in Germania, questa volta utilizzando il traghetto che da Gedser arriva a Rostock.
La traveata dura 1 ora e 45 minuti e abordo trovate ristoranti, shop e aree giochi per bimbi.
I prezzi variano a seconda del giorno, dell'ora e di quanto prima fate la prenotazione (per darvi un'idea noi il 2 Luglio con Scandlines prenotato su directferries abbiamo speso 125 euro)
I cani sono ammessi a bordo.

Bene. Questo lunghissimo post termina qui ma anche questa volta vorrei che si arricchisse con tutti vostri consigli e suggerimenti su mete, itinerari, alloggi e tutto quanto avrete voglia di condividere che lo sapete, le esperienze dei viaggiatori sono sempre il tesoro più prezioso.
Leggi anche:
Altri itinerari on the road

Commenti

  1. Carissima che meraviglia, mi hai fatto soganre, appena torna mio figlio da scuola gli farò vedere Legoland. Grazie per questi tuoi post molto interessanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mariangela Legoland è davvero uno spettacolo!;-

      Elimina
  2. davvero meraviglioso, fai venire voglia di salire in macchina e partire! Non vedo lìora che i nanetti crescano il giusto per cominciare a far viaggi "veri"!ciao, vale

    RispondiElimina
  3. Il paese delle fiabe.. beh, è proprio il posto che fa per me.. che fotografie splendide e che luoghi incantevoli! La prima immagine mi ha subito rapita.. per non parlare del resto! :D Sei sempre un tesoro.. TVTB un abbraccio e un bacione, amica mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, si la prima piaceva tanto anche a me! Ricordo che quando durante il musical è salita sulla foglia mi sono commossa... Un bacione grande!

      Elimina
  4. Come al solito, come sempre, un report bellissimo! Corredato da foto splendide, anche se sarebbe difficile, non fare scatti belli, con la faccia simpatica e da vero e proprio monello, che si ritrova tuo figlio! ;-)

    Un caro saluto da Levico.

    Walter

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah grazie!!! Un carissimo saluto anche a tutti voi!!!

      Elimina
  5. Ciao, oltre alle meravigliose tappe da te narrate, io consiglierei lo Skandinavisk Dyrepark vicino a Ebeltoft, bioparco degli animali nordici, dove fra le altre cose i bambini possono nutrire ed accarezzare cerbiatti e renne. Ed inoltre imperdibile la passeggiata sulla lingua di sabbia a Grenen, alla punta estrema dello Jutland, dove si incontrano le opposte correnti di Mar Baltico e Mare del Nord.
    Link alle mie foto del parco: https://www.facebook.com/media/set/?set=a.4027806086952.2149530.1035552268&type=1&l=225652ad57

    RispondiElimina
    Risposte
    1. UH ho visto le foto!! Fantastico davvero! Adesso però mi hai fatto venire voglia di tornarci per vederlo dal vivo! :-)
      Grazie mille per l'ottimo consiglio!

      Elimina
  6. Superlativa come sempre Daniela!
    Post strabiliantemente meraviglios

    RispondiElimina
  7. ci sono stata pura meraviglia, sogno, incanto, favola senza fine.
    grazie mi ha illuminato la giornata.
    sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono felicissima!!! Un abbraccio grande!

      Elimina
  8. Noi siamo andati in Danimarca la scorsa estate e per le tappe ci siamo in parte ispirati al racconto che ne avevi già fatto tu. Sicuramente concordo anch'io sullo spingersi a Nord dello Jutland dove la natura è davvero meravigliosa, fino alla bellissima cittadina di Skagen. Per quanto riguarda gli alloggi consiglierei, per chi fa tappa a Legoland, il Legoland Hostel Village, una bella struttura ad appena 500 metri da Legoland, un misto fra un ostello e un residence. A pochi metri di distanza troverete un recinto con delle dolcissime caprette dove si può entrare per accarezzarle e dargli da mangiare e un acquapark al coperto con uno scivolo meraviglioso (mio figlio li ha adorati quasi più di Legoland!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Sara, davvero un ottimo consiglio!! Oggi sono un po' di fretta ma la prossima settimana voglio inserire nel post i vostri consigli con i links così che i lettori li trovino più facilmente!Grazie ancora!

      Elimina
  9. Torno per dire che Skagen fino alla punta di Grenen è immancabile,
    l'incontro tra i due mari è uno spettacolo straordinario. Aggiungo
    che la descrizione del luogo che ha ispirato questo mio viaggio (noi siamo andati in volo e affittato auto in DK) la si trova nel
    romanzo LA BANDA DEI BROCCHI di J. COE dove uno dei protagonisti rischia l'annegamento in quel punto e l'atmosfera è descritta con grande maestria.
    sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh Sandra, quanto ti capisco! Non sai quanto anche io mi lascio ispirare dai libri e leggo e poi dico, si dobbiamo andarci. E non è magnifico quando poi si ritrovano quelle stesse sensazioni e si fanno proprie e tutto è vissuto ancora più intensamente? Mi è capitato di fare anche il contrario. Fare un viaggio e leggere dopo pagine di un libro che ne parla. Ed è stato bello anche così, intenso ed emozionante, il confronto con l'autore, con la storia, con un vissuto diverso eppure uguale. Viaggi e libri. Quale straordinario binomio! Invece a proposito di Coe mi sono innamorata dei terribili segreti di Maxwell Sim. Mi è piaciuto tutto ma il finale, oh il finale è fantastico! Presa dall'entusiasmo ho letto La casa del sonno. a tratti agghiacciante ma ugualmente bellissimo. Poi è toccato alla Banda dei Brocchi ma ho letto una ventina di pagina e non ho ritrovato la stessa magia... odio interrompere un libro ma ne avevo un altro sottomano e così l'ho abbandonato momentaneamente. Adesso però mi incuriosisci e appena finisco Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve (fantastico) lo riprendo subito in mando!! Un bacione grande!

      Elimina
    2. J. Coe è il mio autore vivente preferito e l'atmosfera dei segreti di Maxwell Sim è molto intensa. Non hai bisogno di leggere l'intera banda se non ti va, il pezzo che parla di Skagen è separato, una sorta di racconto interno, LE FAUCI DEL DESTINO nella mia edizione a pag. 105, viene poi ripreso nel romanzo seguito CIRCOLO CHIUSO in una maniera stupenda.
      bacione Sandra

      Elimina
  10. Ho letto con interesse l'ultimo reportage sulla Danimarca e non sto più nella pelle, non vedo l'ora di scoprire tutte le meraviglie che offre questo paese! L'itinerario è quasi ultimato le nostre basi di partenza saranno: 4 gg. a Ribe, 5 gg. a Nord di Aarhus, 4 gg. vicino ad Faaborg ma ci manca da prenotare l'ultima parte del viaggio in Selandia stiamo vagliando un pò di cottage sul mare a Nord per essere più vicini a Copenaghen, ai castelli, a Roskilde o semplicemente per rilassarsi un pò sulla spiaggia con i bambini. Poi si scende a Mon per visitare le scogliere e rientrare in Germania con il traghetto come hai fatto tu. Interessante lo Skandinavisk Dyrepark vicino a Ebeltoft suggerito da Nico, l'ho aggiunto alle nostre mete! Grazie

    RispondiElimina
  11. Ma che incredibile viaggio...e poi fatto in macchina...tutto un altro sapore.
    Siete veramente sensazionali...per le splendide foto che raccontano così tanto, per tutti i chilometri che riuscite a macinare, per la capacità di scovare esperienze originali, attrazioni, luoghi, storie.
    Per quanto riguarda, poi, l'accoppiata viaggio-libro condivido in pieno: ho letto I Ragazzi della Via Pal durante un lungo week end a Budapest...e tra i vicoli di Buda, sotto il Bastione dei Pescatori mi sembrava di scorgere il piccolo eroico Nemecsek.
    Un abbraccio forte
    Cristina

    RispondiElimina
  12. Ho fatto questo viaggio grazie a te e mi è rimasto nel cuore. Ho scritto alcuni post appena tornati ma voglio farlo ancora ;-)

    RispondiElimina
  13. Ciao, Daniela!

    Ti giro il link del B&B a Vejle, dove siamo stati benissimo: un tipico cottage danese in mezzo al bosco (la prima sera, sul sentiero abbiamo incontrato un cerbiatto!)
    http://www.bedandbreakfast.dk/?country=358&state=67&city=2492&host=19519&language=5
    un bacio
    Giuly (ex Lizzie, ora mooolto civetta)

    RispondiElimina
  14. I tuoi viaggi sono sempre così carini. Foto fantastiche e scenari fantastici, poi io sono un sostenitore dell'on the road, non oso immaginare con la famiglia come sia piacevole. :)
    Un saluto da www.spezio.blogspot.com in trasferta londinese.

    RispondiElimina
  15. BELLISSIMO DAVVERO. noi siamo in partenza ... 3 agosto... verona danimarca in camper.... grazie per le info per i bimbi le seguirò ....

    RispondiElimina
  16. Ciao!
    Questo post è utilissimo e invitante! Noi stiamo pensando alla Danimarca per l'estate prossima, ma il piccolo di casa per allora avrà appena un anno e mezzo. Secondo te sarebbe troppo piccino per godersi il viaggio, oppure ci sarebbero attrazioni adatte anche a lui? E se no, quale potrebbe essere un'alternativa per un viaggiatore così in erba (noi siamo abituati ad andare in giro, la vacanza stanziale al mare non fa proprio per noi. E Davide è già venuto in Belgio e sulle Dolomiti, mentre a breve partiremo per l'Olanda).
    Grazie mille!

    RispondiElimina
  17. Buonasera, ho letto l'articolo. Sarei interessata al viaggio in Danimarca, purtroppo per via di una cardiopatia grave non mi è possibile prendere l'aereo, quindi l'unica soluzione rimane l'auto. Se posso lasciarle il mio indirizzo mail, perchè avrei o vorrei informazioni maggiori. La ringrazio tanto. SILVIA. email: silviacav@hotmail.it

    RispondiElimina

Posta un commento