Vignola. E' tempo di ciliegie

 

L'ultima volta è stata colpa di un libro.
Poco più di un anno fa, a caccia di fiori , noccioli, Carabus e Bicornis sulle colline intorno a Vignola.
Ma questa volta a portarci nell'incantevole borgo emiliano è stata piuttosto  una Festa.
Un evento dedicato a quel piccolo frutto rosso che per i Greci era il simbolo del piacere assoluto.
Quello dal gusto zuccherino,  la polpa carnosa, la forma seducente.
E le ciliegie a Vignola sono una faccenda seria.
Dal Durone di Bigarreu alla celebre mora, il nero, l'Anella e il ciliegione.
Una tradizione secolare che ha portato il frutto del paradiso a far parte del  patrimonio delle tradizioni del territorio vignolese.
E grosse così non ne avevo mai viste...


Nelle insegne, sui barattoli, ancora appese ai rami e a migliaia sopra le bancarelle dei produttori agricoli locali. Camminando sopra un tappeto di noccioli in Viale Mazzini, insieme a grandi e piccolissimi impegnati ad assaggiare (qualcuno per la prima volta) e gustare il frutto succoso.
Ed è proprio vero, una tira l'altra...


Ma le ciliegie non sono state le uniche rosse ad essere ammirate.


E poi  ancora tigelle e torte, crescentine e gnocco fritto, aceto balsamico e parmigiano. Come nelle straordinarie degustazioni teatralizzate di Koinè.


Pochi minuti di magia in cui si gioca, si ascolta , si immagina, si assaggia, si ride e si gusta davanti ad una sorta di spettacolo del gusto che fa appello alle risorse emotive dello spettatore.
Un conto alla rovescia che guida la mano e un cucchiaino di miele, una seduta spiritica che cerca di risvegliare lo spirito del parmigiano reggiano, un dialogo tra due olive in una giornata ventosa: sono alcuni degli stratagemmi drammatici utilizzati in queste agili postazioni di degustazione. da Koinè

Un gioco e un viaggio entusiasmante intorno al cibo e alle tradizioni dei prodotti DOP modenesi. 
E tra una ciliegia e un esibizione anche la città che  si svela.

Adesso scusate ma scappo.
Ho qualcosa in cucina da preparare...


Aggiornamento 15:11
Sono incerta se osare con l'impegnativa Kirschtorte della foreste nera o per un ben  più semplice cheescake alla ciliegia. Voi che ne dite?

Informazioni Pratiche:
Il prossimo anno non perdetevi questa meravigliosa festa.
Un evento bellissimo e davvero ben organizzato, ricco di eventi e di scoperte assolutamente interessanti per grandi e bambini.
AGGIORNAMENTO 2015
Quest'anno l'evento si svolgerà il 30-31 maggio, l'1-2 e il 6-7 Giugno 2015.
Qui potete scaricare il programma della manifestazione.

Dove dormire: Non lontano da Vignola sulle colline a Corte D'aibo o alla Locanda del Feudo nel suggestivo centro di Castelvetro.

Commenti

  1. Che buone, è uno dei miei frutti preferiti.

    RispondiElimina
  2. anche noi nelle ultime settimane stiamo mangiando i duroni di Vignola... G. ci va spesso ultimamente (anche oggi peres.) e non manca mai di portarne a casa CASSETTE che poi distribuiamo ad amici.
    è vero, di così grandi non ne avevo mai viste! ne mangi 10 di queste e sei già sazio!

    buon dolce!!

    un bacione

    RispondiElimina
  3. che buone :) ed eri proprio nella città giusta! Io me ne sarei fatta una scorpacciata che avrei ancora adesso mal di pancia :)

    RispondiElimina
  4. Io non sono mai abbastanza sazia di ciliegie!!!!!!!!!!!!
    evviva Vignola! evviva le ciliegie di ogni parte d'Italia!
    Le ciliegie sono la fantasia della natura.
    Buone vacanze a tutti i bambini!

    RispondiElimina
  5. Se prepari la torta ricordati delle tue care amiche che ti vogliamo tanto bene e si sacrificano per la tua linea mangiando al tuo posto la torta.....

    Un abbraccio

    Simo

    RispondiElimina
  6. Io andrei col cheescake....
    Ho appena finito di mangiarmi una manciatina di duroni...ma per me "è facile"...vivo a Modena...;)))

    Un sorriso
    Tatti

    RispondiElimina
  7. Viva le ciliege di ogni tipo da quelle di Vignola alle amarene!

    RispondiElimina
  8. nonnagiramondo13 giugno 2011 21:37

    erano stupende!!, per il dolce....mi sacrifico!!!!

    RispondiElimina
  9. mi hai fatto venire una voglia matta di ciliegie.. e non ne ho neanche una in casa.. uffiii

    RispondiElimina
  10. Mammamiachemeravigliaaaaaaa!!!!!
    Caterina :)

    RispondiElimina
  11. @MammMoglieDonna:Buonissime!
    @Teresa: Allora il prossimo anno devi proprio andare a Vignola;-)
    @Smile: Fantastico! In effetti dieci di quelle valgono il triplo!;-)
    @Ideamamma: ecco proprio al mal di pancia bisogna stare attenti. E' l'unico difetto che hanno le ciliegie!;-)
    @Annamaria: Si, evviva la fantasia della natura! Bellissima frase.
    @Simo:;-) Se non era che mi mancava un ingrediente domani mattina ti facevo sacrificare. Ma per Mercoledì stai sicura!;-)
    @Tatti: Ahhhh ma cos' non vale! Ho deciso proprio per il cheescake ma mannaggia mi mancavano i fogli di gelatina e non ce l'ho fatta a farla oggi. ma domani non mi ferma nessuno!;-)
    @Kemate: Sai che non me le aspettavo così piccole e chiare le amarene? e' stata una scoperta! E comunque viva le viliegie!;-)
    @Nonnagiramondo: Meno male che ho una Mamma e delle amiche così buone da sacrificarsi per la mia linea!;-)certo che a te non farebbero male nemmeno due di fette!;-)
    @Mammadisera: uuhh mannaggia! Domani mattina di corsa a comprarle!;-)
    @Caterina: Se viene bene il cheescake posto la ricetta!;-) Fabio sarà contento!;-)

    RispondiElimina
  12. ora capisci cosa ho lasciato??? da ragazza ovviamente non c'erano tutte queste manifestazioni, si andava a vedere la fioritura e poi a fine maggio primi di giugno organizzavamo gite per" mangiare le ciliegie". Si partiva in bicicletta attrezzate anche di cestini per portarne a casa ...che bei ricordi! Mi sa che ora devo proprio portare le mie bimbe, tanto i nonni ci aspettano a braccia aperte!!! sono contenta che la mia terra ti abbia accolto così calorosamente, anche se in verità non avevo nessun dubbio! Ma la torta barozzi...l'hai assaggiata? baci

    RispondiElimina
  13. @Natalia: Si capisco perfettamente! Che meraviglia deve essere stato andare in giro in bicicletta con gli amici e tornare a casa con i cesti traboccanti e magari la maglietta sporca e il mal di pancia!;-)Facciamo così il prossimo anno ci si organizza e si va tutti insieme!;-) Aj si è divertito tantissimo! Dovevi vedere in che condizioni era!
    La torta Barozzi ce l'hanno servita a pezzettini piccoli con il cappuccino al bar. Una vera meraviglia!Non è che tu,mmmh, ecco, sul blog, potresti, eheh, postare la ricettina?;-) Un abbraccio!

    A proposito: qualcuno ha idea di come mandare via dai vestiti le macchie di ciliegia?;-)

    RispondiElimina
  14. Ciao cara,
    che meraviglia Modena, le ciliegie poi sono squisite, peccato abitare così lontani.

    Mi ha incuriosito il libro che citi all'inizio, è bello?

    Per la scelta, voto per il ceesecake, è facile e buonissimo, poi posti la ricettina?

    Per le macchie di ciliegie, prova qui:
    http://www.coquinaria.it/forum/showthread.php?100279-Help-macchie-di-ciliegie-sui-vestiti-ot-ma-non-troppo

    un bacio,
    Amalia

    RispondiElimina
  15. @Amalia:Grazie Amalia sei un tesoro! Vado subito a leggermi il link! Il libro te lo consiglio assolutamente. Purtroppo ho visto che nelle librerie online più note non risulta disponibile.Prova a chiedere alla tua libreria, magari te lo possono ordinare! Altrimenti in biblioteca lo troverai sicuramente.Una storia bellissima, commovente e profonda!Alla fine ho fatto il cheescake,non si è addensato come doveva è venuto buono ma orribile. La ricetta del cheescake che faccio io (quella che c'è sul blog) è quello che prevede la cottura e viene oltre che buonissimo anche bello sa vedere. Ora avevo trovato questa ricetta senza cottura su cucina moderna. Foto bellissima e invitante ma risultato pessimo.

    RispondiElimina
  16. Bellissimo questo blog, ad averti scoperta prima! ;-)

    RispondiElimina
  17. grazie Dani,
    proverò a cercare nella mia libreria, questo libro mi incuriosisce.
    Per il cheesecake, cercherò la ricetta sul tuo blog, una volta l'avevo fatta, ma avevo usato un formaggio troppo acidulo, il quark e non mi era piaciuta molto, bisognerà sostituirlo con un altro tipo di formaggio,
    ciao!

    RispondiElimina
  18. @Bruskamente Famiglia: Grazie! Non è mai troppo tardi.. ;-) A presto.
    @Amalia:
    Ecco la ricetta
    Io uso ricotta e mascarpone insieme che lo rendono molto più delicato.

    RispondiElimina
  19. complimenti gran belle foto, vorrei essere bravo cosi, ho messo un link diretto al tuo post

    RispondiElimina

Posta un commento