21/06/11

Vorrei essere lì...Nazarè,Portugal

Spiaggia di Nazarè, Portugal
Vorrei essere lì...
Tra l'accecante bianco dei suoi vicoli lastricati, le buganvillee e i cespugli d'ibisco.
Davanti a quel castello che si confonde con la roccia o dentro una sala da tè, a gustare scones
Con le mani che profumano di lavanda, il ronzio delle api in sottofondo, il vento che si insinua tra i vestiti.
Su quella nave, dentro a quel cenotes, in cima a quella duna. In quell'angolo di mondo che se ci penso il cuore comincia a correre e basta il tempo di un battito ed è come essere lì.
E come allora mi emoziono...

Oggi vorrei essere lì.


A Nazarè, Portugal.
Un gioco di scale e piccole piazze che si allargano tra vicoli di case bianche dai tetti rossi.
Ai margini della spiaggia gli uomini di mare cuciono ancora le reti a mano mentre le donne  puliscono il pesce e lo mettono a seccare. 
Lentamente le mani si muovono con pochi gesti capaci.
Ma la prima cosa che ti investe è il canto dei gabbiani.
Decine, centinaia di voci piene di speranza che accompagnano le variopinte barche di pescatori fino al porticciolo.
E poi giù, sopra le onde dell'oceano.
Quell'Atlantico che ti strega, si insinua tra i vestiti e  ti si appiccica sulla pelle ripetendo il suo adagio  ancora e ancora...
Lo volete capire che la vita è una cosa immensa? Oceano Mare di A. Baricco
Imprigionate nel golfo si gettono rabbiose sulla spiaggia, forti, immensamente potenti, appese a un vento che stordisce e fa sentire vivi.
Sono pericolose.
Come il canto delle sirene per i marinai.
Incantano.
Passano le ore e tu neanche te ne accorgi.
Con lo sguardo perso nell'esatto punto in cui l'onda si arresta ed esplode in  perlage prima di scivolare indietro. Quasi come Bartleboom.
Bè è un punto importante...a volte non ci si fà caso, ma se ci pensate bene lì succede qualcosa di straordinario, di... straordinario. Oceano Mare di A. Baricco
Ma poi ci pensano le risate a riportarti indietro. Quelle di un bambino e della sua gioia.
Perchè a trenta o due anni e mezzo un posto così ti accende l'anima e brucia di emozioni...

E voi, dove vorreste essere?

Informazioni Pratiche:
Nazarè si ritrova nella regione Nord occidentale della Leira, in Portogallo.
E' una delle più belle cittadine costiere ma è da evira ein Luglio e Agosto quando è presa d'assalto dai turisti.
Noi ci siamo stati in Settembre ed era una meraviglia.
La cittadina si sviluppa su due livelli.
La città alta che prende il nome di borgo di Sitio è raggiungibile in pochi minuti con un ascensor, un trenino a cremagliera che piacerà senza dubbio a tutti bambini.










La vista sopra i tetti rossi è straordinaria.
La città alta ruota attorna ad una Piazza con una bella chiesa coperta da azulejos e circondata da banchetti di frutta e e prodotti di artigianato locale come i tipici oggetti in ceramica.
Un sentiero insegue la scogliera e conduce fino ad un faro che regala una vista magnifica.
Imperdibile il mercato del pesce che si svolge tutte le mattine nella città bassa.

9 commenti:

  1. Che nostalgia! Mi hai fatto ricordare il bellissimo viaggio che ho fatto da piccola con i miei genitori attraverso Francia, Spagna, Portogallo... viaggio che farò anche con i miei figli quando l'ultimo sarà un po' più grande!

    RispondiElimina
  2. ci sono stata!ricordo perfettamente le onde,il colore giallo della sabbia,quella cittadina arroccata sulla montagna...bellissimo!

    RispondiElimina
  3. Grazie del tour, bellissimo.
    Io dove vorrei essere? A casa!!!
    E non costretta a cambiare la mia vita per un trasferimento che non arriva mai!!! :-(

    RispondiElimina
  4. Ah, adesso che le cicale hanno iniziato il loro canto, io vorrei essere in quella straordinaria terra, di calma, di sorrisi sdentati dei vecchi "Italia! una faccia una razza", di tutto quel bianco che acceca e che però non si può fare a meno di guardare...sbarcare a igoumenitsa e scendere fino a dove le piante di olivo baciano il mare, e capire perché Ulisse ha fortemente voluto fare ritorno nella sua terra...E sicuramente spingermi fino ad Atene che è città che accoglie, lassù, l'Acropoli, dove ho lasciato un pezzo di cuore. Ahi ahi ahi, che meraviglia..
    Claudia

    RispondiElimina
  5. Questa sera vorrei essere in montagna... con i piedi stanchi dalla lunga passeggiata, la testa libera dai pensieri... sentire il verso dei caprioli in amore, l'aria fresca della sera sulla pelle.
    Guardare le cartine, decidere il percorso per il giorno seguente, calcolare la lunghezza e i dislivelli... basteranno i panini con lo speck!?
    Elisa

    RispondiElimina
  6. Ragazze continuate vi prego, i vostri Vorrei essere lì fanno davvero sognare...

    RispondiElimina
  7. Io invece vorrei volare a Porto, a trovare una cara amica e le sue 3 splendide figlie!
    Poi girare finoa sud del paese.

    RispondiElimina
  8. Sono inciampata in questo blog...io mi sono innamorata della vostra storia...in piu' mi hai ricordato questo posto bellissimo...Nazare'...sopra la cittadina c'e' un campeggio bellissimo...ci sono stata 4/5 anni fa, con amici..abbiamo fatto Roma-Barcellona-Lisbona-Nazare'-Coimbra- per poi andare verso i paesi baschi, Santander, San Sebastian. Eravamo tutti amici, direi tutti giovani,ahahah, ma solo perche' ora ho una bimba di 16 mesi e quindi le prospettive sono diverse. ho amato Nazare' e dopo aver letto il tuo post..mi e' tornata la voglia di ritornarci! :)

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin