31/10/11

Caccia al fiorino. Itinerario per bambini in visita a Firenze

A caccia di Fiorini a Firenze
Ci sono tanti modi per visitare una città come Firenze.
Dall'itinerario artistico-culturale che comincia davanti all'imponente cattedrale di Santa Maria del Fiore e prosegue incontro agli straordinari monumenti del centro, fino a quello turistico-gastronomico che tra una ribollita e una pappa al pomodoro svela i meravigliosi sapori della tradizione toscana.
E poi ancora il percorso museale, l'itinerario architettonico, quello naturale, storico, paesaggistico, tutti assolutamente unici e straordinariamente interessanti ma...sono fattibili se si viaggia con dei bambini?

Certamente dipende dal carattere del piccolo viaggiatore, dalla sua capacità di interessarsi ad una statua, una chiesa, un quadro piuttosto che ad un piatto di trippa e ovviamente, dalla capacità dei genitori di coinvolgere il giovane turista. Perchè i bambini, ricordiamolo ancora che non fa mai male, hanno diritto di partecipare al viaggio.
Tra tutti questi itinerari ce n'è uno però che offre a tutti i bambini un divertimento assicurato. Un itinerario-gioco  abbiamo sperimentato grazie all'aiuto di un favoloso amico Simone Frasca, grande autore illustratore  di libri per bambini e della sua bellissima famiglia.

27/10/11

Regali straordinari


Un viaggio di un giorno nel periodo storico che preferite, un cuoco-robot che sa fare delle buonissime patate fritte, una mongolfiera che spara palle di neve, una pozione magica per avere l'età che volete, un giro sulla slitta di Babbo Natale,  una pozione magica che dà gusto di caramella ai cibi che non ti piacciono.

Sono regali straordinari, che fanno sognare di più proprio perchè non esistono... o quasi.
Folli, magici, fantasiosi  fanno sorridere solo a guardarli così magnificamente illustrati sulle pagine di questo libro.

26/10/11

Biscotti di Natale dal mondo

Adoro l'autunno, anche quando fuori c'è il temporale.
La pioggia che disegna sui vetri e le foglie che  guidate dal vento arrivano fino a toccare le finestre. Si tirano fuori chantilly e impermeabili colorati per andare a scuola e il pomeriggio passa tra giochi e ombre cinesi, libri e biscotti.
Perchè l'autunno non ci sono dubbi è anche il tempo dei biscotti.

24/10/11

Autunno in val d'Aosta

Courmayer

E' stato un fine settimana di quelli da ricordare. 
Con un mondo tutto nuovo da esplorare, il freddo bello della montagna e  il calore del camino di un auberge alle pendici del Monte Bianco.
Uno di quei posti ,come dicevo anche qui, per lasciarsi coccolare.

21/10/11

Pomaria 2011. Il video



Se ancora non ne avete avuto abbastanza di sentirmi parlare di mele oggi su Piccolini trovate anche il nostro video...

Noi siamo in partenza per la Val d'Aosta, auguro un buon weekend a tutti!

20/10/11

Ispirazioni di lusso.

Suite dell'Hotel Villa Sassa a Lugano

Il lusso è l'abitudine a consumi di elevata gamma qualitativa e di costo. È uno stile di vita e di comportamento che privilegia l'acquisto e/o il consumo di prodotti e oggetti, spesso superflui, destinati ad ornare il proprio corpo o la propria abitazione. da Wikipedia
Oggi il lusso gode di cattiva fama. 
In un periodo di profonda crisi economica viene identificato con l'inutile, lo spreco, il denaro speso male.
Ma   dimentichiamo per un attimo la definizione di Wikipedia e proviamo ad immaginare un lusso meno immorale. Niente di urlato o eccessivo ma piuttosto  la possibilità  di fare del proprio tempo libero qualcosa di assolutamente speciale. Vivere emozioni dettate dalla dimensione autentica e dall'eccezionalità di luoghi che ispirano al benessere psicofisico, al piacere della tavola, al totale relax che allontana  dal letto da rifare, la casa da pulire, il lavoro, le scadenze.

E qualche volta  allontanarsi con la testa o con il corpo  dai complessi ingranaggi della vita quotidiana può essere rigenerante. Per festeggiare un momento speciale ma anche solo per concedersi il lusso di qualcosa di unico. Fermare per un weekend un mondo che gira troppo velocemente e lasciarsi coccolare, assaporando il piacere della famiglia lontani dalle distrazioni quotidiane.
Ecco allora tre ispirazioni dove lasciarsi andare al lusso di dolci e raffinate emozioni.  

19/10/11

Giochi da auto. Battaglia navale per bambini da stampare



Qualcuno afferma che fu inventato dai soldati russi subito dopo la prima guerra mondiale, altri credono sia una variante di un vecchio gioco da tavolo francese
Sia come sia  è evidente che la battaglia navale è uno dei giochi più diffusi e popolari nel mondo.
Alzi la mano chi non ci ha mai giocato...
La mia prima  Sea battle  l'ho comprata ad  Oxford street a  Londra (e dopo più di vent'anni è ancora perfettamente funzionante) ma ricordo che alle medie strappavamo semplicemente due pezzetti di carta dal fondo del quaderno per passare il tempo durante le noiosissime spiegazioni del povero prof. di tecnica.
 A-1 Acqua, B-5 colpito. D-3 Acqua, B6 colpito e affondato...

18/10/11

Sagra delle castagne in treno a vapore


Festa della castagna a Marradi

Com'è dolce l'autunno colorato dai doni che la natura ci regala. 
Zucche che  vestono la tavola e tingono i piatti di allegria,  mele che scivolano nelle mani del contadino rotolando nei cesti. Le noci crocchiano tra le dita, il profumo del mosto sale dalle cantine e tra poco comincerà la bacchiatura degli ulivi.
Cambiano riti e materie prime ma il fascino è lo stesso: gesti antichi come il mondo, semplici eppure così preziosi da condividere con la famiglia e con gli amici. 
Staccare una mela dall'albero, pestare l'uva nei tini, assaggiare l'olio appena spremuto o togliere una castagna dal riccio.
E l'Autunno è anche il tempo delle Sagre, quelle dei piccoli e grandi borghi che celebrano i prodotti della terra. Come i famosi marroni di Marradi....

14/10/11

Ispirazioni. Quattro idee per un Halloween... da brivido!

Halloween 2010 al Bosco di Museis
Le vetrine dei negozi si riempiono di zucche intagliate, gli scaffali delle pasticcerie traboccano di dolcetti a forma di ragno e i supermercati offrono veri e propri kit per intagliare la zucca.
E’ di nuovo quel periodo dell’anno, quello in cui le pareti di alcune case si coprono di ragnatele e i bambini cominciano a scegliere il costume da indossare alla festa.
Quella di Halloween, che affonda le proprie radici in un passato antichissimo e che viene festeggiata da sempre in America, in Irlanda, in Scozia e da qualche anno anche nella nostra Italia.

E città e  villaggi, musei, parchi e agenzie di viaggi si sono da tempo adeguati a questa nuova usanza offrendo a grandi e bambini eventi di ogni genere. Dall’Halloween a bordo di un battello a veri e propri weekend da brivido. E visto che la Festa coincide con il Ponte di Ognissanti perchè non organizzare per tempo un fine settimana a tema?
Sul sito dei Piccolini oggi trovate quattro mie proposte per un weekend da brivido, ad una delle quale participeremo anche noi. ;-)
E voi vi siete già organizzati per la notte più spaventosa dell'anno?

13/10/11

A Leaf Man's got to go where the wind blows.


Se un anno fa Mounsieur Automne ci aveva  portato le Stagioni di Blexbolex, questo Ottobre è stata la volta dello straordinario Leaf Man, più che una vera storia, un inno alla natura e alla sua bellezza. Un viaggio immaginario, senza cartine nè programmi ma solo il vento ad indicare la direzione.
Fall has come, the wind is gusting, and Leaf Man is on the move. Is he drifting east, over the marsh and ducks and geese? Or is he heading west, above the orchards, prairie meadows, and spotted cows? No one's quite sure, but this much is certain: A Leaf Man's got to go where the wind blows.
Un libro che racconta del viaggio di un uomo foglia e che è esso stesso fatto di foglie che si mescolano, si abbracciano, si accostano, avvicinandosi per dar vita a forme straordinarie.

12/10/11

Pomaria. Il tempo delle mele.Seconda parte

Val di Non
Oh oui. L'automne est arrivé.
A partire dallo scorso fine settimana a Pomaria mi sento  completamente e felicemente avvolta nella nuova stagione. Tra le pagine di libri e agende cominciano a spuntare le prime foglie secche, ritorna l'amato rito del tè pomeridiano  e la sera si legge arrotolati in una coperta, sgranocchiando una noce o una castagna calda..
Cambiano i ritmi, i desideri, i colori. Cambiano i profumi che circondano la casa, quello delle candele, dei mandarini e naturalmente del mulled cider che ieri ha dato ufficialmente il benvenuto alla nuova stagione.
L'ho preparato con il succo di mela comprato a Casez, quello  fatto dai ragazzi dell'Istituto agrario che offrivano a tutti i visitatori una dimostrazione di lavorazione.

10/10/11

Pomaria 2011. Il tempo delle mele. Prima Parte

Pomaria 2011
Salire, quasi perdersi.
Tra le infinite distese di rosso e giallo che disegnano i profili delle colline, corteggiano i castelli,  abbracciano fiumi e laghi avvolgendo ogni possibile spazio coltivabile.
Guidando immersi in una Valle dove è solo Lei a far da Regina, la protagonista di storie d'amore, tentazione, invidia,  generosità, poesia...
Quando addentiamo la tua rotonda innocenza torniamo per un istante ad essere creature appena create (...)Ode alla mela, Pablo Neruda
Perchè le mele in Val di Non sono una cosa seria.
Scandiscono il tempo e le stagioni degli abitanti,  raccontano di antiche tradizioni familiari, sostengono e danno lavoro a migliaia di persone e naturalmente, sono le indiscusse  protagoniste di Pomaria l'evento annuale che  celebra il tempo di un frutto antichissimo.

Dopo che negli ultimi tempi altri viaggi ci hanno tenuti lontani da Casez, quest'anno  era troppa la voglia di partire e andare a vedere. Attraversare di nuovo quella Valle dove quando nasceva un figlio si piantavano meli e dove ogni autunno si riversa il popolo migrante dei raccoglitori...

07/10/11

City Break autunnale



Due o tre giorni a disposizione e tanta voglia di staccare la spina.
Dal mondo che gira sempre più veloce, incastrato nei ritmi frenetici a cui non ci siamo ancora riabituati; e poi quell'aria ancora un po' estiva ma non più afosa, che sembra un invito a partire,passeggiare per nuove strade, alla scoperta del fascino di città capaci di incantare grandi e bambini.


L'Autunno è il periodo ideale per un city break. Una breve pausa dal lavoro, dalla scuola, dal tran tran quotidiano, per rigenerarsi, divertirsi e immergersi nei toni caldi di questa stagione, quelli che avvolgono di incanto anche le grandi città.
Ecco allora tre suggerimenti per una mini fuga autunnale a misura di famiglia, a bordo di un battello sul Danubio, a passeggio tra giganteschi fumetti a Bruxelles o seduti ad ammirare uno spettacolo di marionette nella meravigliosa Praga...
Il resto del post lo trovate su Piccolini mentre tante altre idee qui, qui e qui.
Perdonatemi l'assenza di questi giorni ma ogni tanto una piccola vacanza dalla rete è necessaria. Piccola però, perché sono troppi i viaggi che meritano di essere raccontati insieme ai nuovi che prendono forma. Intanto da domani saremo in Val di Non a cogliere frutti dagli alberi e preparare marmellate. Di mele, ovviamente.... ;-)
E voi siete già pronti per un city break?

04/10/11

Nuova sezione: Viaggiare è (anche) il mio peccato!



C'è Anna che mi manda una bellissima mail per raccontarmi il suo viaggio lungo la strada delle fiabe. C'è Cinzia che mi scrive su facebook del suo viaggio in Danimarca e  Simona da cui ricevo delle bellissime foto della sua famiglia alla Valle delle sfingi. E poi Manuela, Mirella, Sandra, Raffaella,  ma anche Francesco, Marzio, Alberto che dopo avermi chiesto consigli su Istanbul ci ha trascorso una bellissima settimana insieme alla sua bambina di tre anni.
Sono i vostri viaggi, le vostre storie, i piccoli problemi, i dubbi, le paure, le insicurezze ma anche i successi, le vittorie, le vacanze di quelle che non si dimenticano.

Troppo belle per non essere raccontate, troppo utili per non essere condivise.

03/10/11

Weekend alla zucca


Se l'Autunno è la stagione ideale per andare alla ricerca  dell'incantevole spettacolo del foliagenondimeno lo è per vagare di regione in regione a caccia di feste e sagre. Per trascorrere una giornata o un weekend gustando i sapori che ci regala la terra, immersi in un atmosfera di festa, giochi, musica, canti e buonumore.
E' questo infatti il periodo dell'anno in cui  più che mai, nei piccoli e grandi borghi  si celebrano i prodotti della tradizione contadina: dall'uva alle castagne, dal vino al tartufo, le mele, il miele e naturalmente... le  zucche. 
Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin