27/02/14

Asturie: La Playa del Silencio


Una strada solitaria e  tortuosa e le mucche a brucare l'erba sui fianchi sotto il cielo biancolatte.
L'auto è ferma ai margini del sentiero che ora  si allunga  in una mulattiera sterrata  e digradante affiancata da un intrico di pini e rovi e felci che ricoprono completamente gli orli ostacolando la vista.
Camminiamo  per un paio di curve sullo sterrato in discesa  e poi finalmente il verde si abbassa mentre dietro, come una visione, ci appare la spiaggia.
Solitaria, selvaggia, struggente quanto un paesaggio di  Loiseau o  come una di quelle impressioni che Monet cercava e  spiava e assorbiva per poi gettarle senza indugio su una tela.
Un dipinto dalla bellezza accecante.

26/02/14

Idee weekend di (quasi) Primavera: la strada della mimosa

I petali dei fiori sono così piccoli che sono quasi nascosti dai lunghi stami."Nascosti" ripetei."Nascondiglio uguale segreto. Stame uguale amore". Arrossi mentre lo dicevo, ma non distolsi lo sguardo.Da Il linguaggio segreto dei fiori, di V. Diffenbaugh
Centrotrenta chilometri accesi di giallo, quello radioso e scintillante dei fiori d'acacia. 
Da Bormes les Mimosas a Grasse passando attraverso villaggi traboccanti di Provenza e calette segrete, forti  che un tempo erano il covo di pirati e falesie doro dipinte di rosso e di blu.
E naturalmente forceries, straordinari vivai e parfumeries dove giocare a creare, inventare, sperimentare.
Un itinerario incantevole e incantato traboccante di acacie che in questo periodo dell'anno fioriscono illuminando strade e vicoli e colline che si affacciano sulle acque brillanti della Côte d'Azur.
A caccia di sole, luce e calore.
Tutti i dettagli sul magazine Piccolini.

Se invece siete in cerca di un'idea per un weekend piovoso leggete il nuovo post sul meraviglioso Muse, magico di notte, ma anche di giorno...

E voi che programmi avete per questo fine settimana?
-->

25/02/14

Asturie per bambini: il centro del calamaro gigante


Se era un cetaceo, superava certamente in volume tutti quelli che la zoologia aveva sin lì elencati e classificati (...) da Ventimila leghe sotto i mari di Jules Verne

Impossibile non parlare degli straordinari racconti di Verne, delle fantasiose leggende nordiche e di quelle affascinanti enciclopedie ottocentesche in cui alla voce kraken si potevano leggere storie di mostri. Enormi creature degli abissi  che avvolgevano le navi schiacciandole con  tentacoli terribili  fino a farle naufragare nelle profondità più segrete del mare.

24/02/14

Attività nella natura: Bug Hunting

Tutte queste scoperte mi colmavano di una gioia così immensa che sentivo il bisogno di parlarne con qualcuno, e allora mi precipitavo in casa e facevo sussultare tutti quanti con la notizia che gli strani e pelosi bruchi neri sulle rose non erano affatto bruchi, ma i piccoli delle coccinelle, e con la notizia altrettanto stupefacente che le crisope deponevano le uova su dei trampoli.
da La mia famiglia e altri animali di Gerald Durrell
Se probabilmente non tutti i bambini proverebbero l'esultanza di Durrell alla scoperta di ciclopi o pulci d'acqua rosa corallo, sospese come uccelli ai rami di una giungla brulicante e inesplorata, è pur vero che la natura può diventare il luogo più affascinante e avventuroso dove improvvisarsi ora cercatori, ora scienziati, alla scoperta dei mondi più nascosti e sconosciuti.

21/02/14

Vacanze sulla neve ad Obereggen: Informazioni Pratiche

E' l'incomparabile magia di una bevanda calda sulle piste o una  storia da ridere da leggere tutti insieme intorno al fuoco.
E' il crocchiare delle ciaspole incontro a foreste di cristallo o quel suono dentro al casco mentre  insegui la felicità.
E le risate ,che fanno bene al cuore e gli esperimenti magici e i paesaggi, quelli che ti struggono la sera e al mattino ti mettono in pace con il mondo.
Cose semplici eppure terribilmente speciali.
Oggi come promesso, vi lascio con tutte le informazioni pratiche per una vacanza sulla neve a misura di famiglia. Da trascorrere in quella splendida località che è il regno dei nani e dei giganti e delle sirene, che vivono in fondo alle acque dei laghi...
La Val d'Ega.

E voi avete ancora voglia di neve o state già pensando alla Primavera?

-->

20/02/14

Perchè sempre a me!


L'ho adocchiato dentro alla vetrina di un bellissimo spielzeugladen di Besigheim, mentre immersi tra case a graticcio e insegne in ferro battuto eravamo a caccia di opere d'arte.
Un gioco in apparenza semplicissimo, formato  da una scatolina di legno  con sei fori numerati e qualche bastoncino...

19/02/14

Ricette dal mondo: Madeleines



E' banale eppure non si può scrivere un post sulle madeleines e non citare Proust, la recherche o almeno quel fantastico gioco giapponese.
Quello dove si buttano in una ciotola piena d'acqua dei pezzettini di carta che appena immersi si stirano e assumono contorni diversi, diventando ora fiori ora case o rivelando frasi nascoste o colorando l'acqua come quelli di Giada (provateci, è divertentissimo!)

18/02/14

Una notte con Herbie nell'hotel delle auto.


C'è lui dietro, con quella irresistibile faccia da smorfie e camuffi.
Si scosta il casco dall'orecchio, cerca di capire  da dove viene quel brutto cigolio,  abbassa gli occhi sulla crepa e con la sua inconfondibile voce da cartone animato balbetta:
"Qui urgono provvedimenti..."
Insomma ve la ricordate quella scena? Quando sull'ultimo chilometro della El Dorado, la carrozzeria di Herbie si spezza in due e la parte posteriore, quella con a bordo il mitico Buddy Hackett taglia il traguardo un attimo prima di Thorndycke.
Un film fantastico , siete d'accordo?
Ora, pensate al davanti del maggiolino con  l'inconfondibile numero 53, le  strisce tricolore  e quello sguardo dolcissimo e un po' matto  a cui non si può resistere.  
Fatelo viaggiare dallo Yosemite  ad "una stazione Shell" dalle parti di Stoccarda, attaccateci un letto e... voilà.

17/02/14

Il castello di Hohenzollern


La nebbia è ovunque. 
Una cortina lattiginosa e opalescente incollata sul mondo come  un gigantesco sipario di boccascena.
E noi lì, circondati da una ribalta di arbusti e  interminabili fronde , dentro a una strada di legno e cristallo a far da preludio alla fiaba.

13/02/14

Visitare Ulm con i bambini: cose da non perdere

Il quartiere dei pescatori

Avete presente  quei libri creati dall'illustratore inglese Martin Handford? Quelli dove in mezzo ad una folla di personaggi veri o fantastici i bambini devono trovare il simpatico ragazzino con la maglia a strisce bianche e rosse.
Ebbene, Ulm è così.
Un gigantesco Where's Wally o perchè no, anche  uno di quei libretti pieni di cose da cercare che sono un passatempo fantastico per intrattenere i più piccoli nei lunghi viaggio in auto.
Aggiungeteci una meravigliosa cattedrale, un quartiere che pare uscito da una fiaba, l'albergo più storto del mondo e un'infinità di leggende e curiosità nascoste in ogni angolo e avrete un calderone irresistibile di spunti e idee  per creare un favoloso itinerario gioco da fare insieme a tutta la famiglia.
Ma andiamo a vedere tutte le tappe da non perdere. 

11/02/14

Nanna al MUSE, il Museo delle scienze di Trento.

Apro gli occhi e  allungo la mano verso di lui; è rannicchiato accanto a me, un fagotto pieno di sogni stretto dentro ad un morbido sacco a pelo blu. Gli ho  portato il cuscino  con la federa dei dinosauri e lì  si è arrotolato  dopo la storia della buonanotte, addormentandosi a fatica per il cuore troppo pieno di emozioni. 
Sbircio l'ora dal suo orologio, prendo la torcia e  mi alzo silenziosa, camminando timidamente alla luce fioca  e  facendo attenzione a non pestare nessuno dei miei vicini.
Sono le due di notte e non riesco a dormire o più probabilmente la verità è che non voglio.
Perchè come si fa a dormire quando la realtà è meglio dei sogni. Quando ogni istante è fatto apposta per essere assaporato, ogni suono, ogni bagliore che si posa ora qui ora là, su pesci africani, plesiosauri marini e scheletri che alla penombra paiono vivi.
Il silenzio è  interrotto solo dai respiri sommessi e dal suono ovattato dell'acqua che scorre dentro agli acquari. Pare quello di una celesta ma  io sento anche gli accordi ripetuti di un pianoforte e il flauto traverso che si incrocia con gli archi e sì,  mi aspetto che da un momento all'altro tutto si animi e prenda vita.
Come il romanzo della Goldman o il Carnevale di Litgow letti ad alta voce da Mo, il padre di Meggie.
D'altra parte non pensate  anche voi che siano suggestioni ammissibili, quando si dorme davvero dentro ad un Museo di Scienze naturali ?

10/02/14

Ricette dal mondo: Zitronenkuchen

L' abbiamo mangiata in treno, con il Trentino che si allontanava fuori dal vetro e gli occhi  scintillanti dalle emozioni di un'avventura incredibile:
una notte in sacco a pelo tra scheletri giganti e pesci tropicali, dinosauri, pipistrelli, mammut e balene ( e domani vi racconto tutto).

06/02/14

Esperimenti sulla neve: decorazioni di ghiaccio

Tra le mille cose divertenti che si possono fare in una vacanza sulla neve ci sono anche quelle attività un po' magiche che sembrano fatte apposta per chiudere in bellezza una giornata speciale, trascorsa sugli sci, con i piedi nelle ciaspole o sopra uno slittino.

Esperimento n.1
 DECORAZIONI DI GHIACCIO


Occorrente 

  • Bastoncini, foglie, bacche, rametti, etc.
  • colorante alimentare (opzionale)
  • formine da biscotti
  • un contenitore o un piattino di plastico
  • acqua


05/02/14

Monaco di Baviera per bambini



Ma la torre d'Avorio scintillava ancora al centro di tutto, intatta e senza macchia, nel suo immacolato, fatato candore. La storia infinita, M. Ende, pag 170 ed. Longanesi 1989
Non importa quanti anni sono passati dalla prima volta, quando mio padre, come faceva con ogni  romanzo di Ende appena lo pubblicava Longanesi, me lo regalò in un piovoso giorno d'autunno.
L'emozione è la stessa o forse di più, mescolata ai ricordi di un incredibile e appassionante viaggio di 446 pagine. Insieme ad Atreiu, Mork, Artax, Fùcur e tutti gli altri.
Insomma sarà capitato anche a voi no? Di avere uno o più romanzi del cuore, quelli con cui siete cresciuti e che fanno e faranno per sempre parte della vostra vita.
Comunque tornando alla Storia Infinità un po' di tempo fa ho scoperto che il film (sì, per una volta, adoro anche quello, colonna sonora compresa) di Wolfgang Petersen , è stato girato nel 1983 negli studi di Monaco di Baviera.
Ma non solo.
I Bavaria Studios sono anche aperti al pubblico a cui offrono diverse attività di intrattenimento dalla visione di filmati 4D a, ovviamente, l'esplorazione dei più celebri set, tra cui, che ve lo dico a fare, quello di La storia Infinita...
E  non ditemi che non piacerebbe anche a voi provare a volare su il Fortunadrago...
E visto che gli  studios non sono la sola tappa valeilviaggio a Monaco se state programmando un minibreak di Primavera, ecco, allora pensateci.Oggi sul magazine Piccolini trovate altri consigli su cosa visitare completi  di tutte le informazioni pratiche.
E voi, avete un libro/film del cuore? Raccontatemi...


-->

04/02/14

Visitare Ulm con i bambini: Il volo del sarto


"Il Sarto di Ulm
tentò di volare
Ma il diavolo lo acchiappò
e nel Danubio lo fece cascare"

Come dicevamo ieri, le storie di Ulm non sono finite. C'è un altro racconto che  vi porterà in giro per la città; a fare domande, cercare indizi e ripercorrere fatti avvenuti tanto tempo fa...

03/02/14

Visitare Ulm con i bambini: la leggenda del passero

E' stata una vera, totalmente inaspettata  sorpresa.
Ulm, annotata mentalmente tra le tappe soloseavanzatempo si è invece rivelata la città più sorprendente, divertente ed entusiasmante di questo viaggio a spasso per il Baden Wurttemberg.
E così, quelle che dovevano essere  solo un paio d'ore, si sono facilmente trasformate in un'intera giornata di risate, cacce sfrenate, giochi ed  emozionanti scoperte.
Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin