08/03/10

Follow the rainbow. Aspettando San Patrizio…


image
L'Irlanda lascia nel cuore di chi la incontra ricordi indelebili.
Le rocce scure  delle scogliere che si gettano nell'oceano, le montagne che si alternano ai laghi, alle colline e alle lunghe spiagge di sabbia e poi sole, pioggia e vento che ne cambiano continuamente i colori.
image 
La musica irlandese antica e senza tempo suonata ogni volta come fosse la prima, il tramonto sulla baia, il primo sorso della prima pinta di Guinness, la prima vera colazione e quello stato d'animo che nasce dal nulla.
Il craig, lo chiamano, che ti prende distesi su un prato del Kerry, guidando lungo il Ring, facendo due chiacchiere in un remoto pub di campagna mentre si ascoltano barzellette e storie narrate dalla gente del posto, tra violini, parole e un pizzico di nonsense.
image
La porta si apre ed entra un uomo pronto a ballare:
si alza in piedi e dà inizio alle danze. Suona il violino e l'intera sala è tutto un muoversi di gambe, vigoroso, bello da vedere! Il craig è qualcosa di fenomenale, di entusiasmante.
Conversazione con un musicista di Kerry
Il 17 Marzo si festeggia il San Patrick's day, un giorno che ci è molto caro.
E' l'occasione per celebrare un paese che amiamo profondamente, immergerci in un mondo di leggende, fiabe e tradizioni uniche al mondo.
E' la voglia di giocare, inventare, costruire e fare festa, ballando ceili e ascoltando musica celtica.
Decorando la nostra casa con leprecauni e  piccoli folletti, pignatte d'oro e arcobaleni, per raccontarne le loro storie e per leggerne le poesie...
E non lo senti quel piccol rumore
il ticchettare dell'elfo che picchia,
e il canto stridulo del leprechaun
mentre è contento del suo lavorare?
E giusto una spanna
e un quarto in altezza.
Quando lo vedi, non lo mollare...
William Allingham
Quest'anno non siamo riusciti ad aspettare e oggi abbiamo ufficialmente dato inizio ai primi festeggiamenti.
DSCF8253
Protagonisti di questo giorno sereno ma freddissimo, piccoli gnomi  visti  qui e realizzati in pochi minuti utilizzando pannolenci, filo colorato e pomelli da cassetto per la testa.
Il tesoro dei leprecauni, ciabattini custodi di pentole piene d’oro è un piccolo baule pieno di lenticchie dipinte.DSCF8378

Come diceva una vecchia canzone il cielo d'Irlanda è un enorme cappello di pioggia e quando la luce riesce finalmente a farsi strada tra le coltri di nubi, il verde dell'erba si accende e nel cielo compare l'arcobaleno...

DSCF8264
DSCF8274
DSCF8285 DSCF8295
Way up high
And the dreams that you dreamed of
Once in a lullaby
Somewhere over the rainbow
Blue birds fly
And the dreams that you dreamed of
Dreams really do come true…

Sognando l'irlanda:
A proposito di arcobaleni, l'ente del turismo irlandese ha intitolato proprio così, follow the rainbow, una bellissima brochure scaricabile anche online. Proprio come nella favola del leprecauno, seguendo l’arcobaleno si arriverà al  tesoro o meglio,ai tesor idi cui questo paese è ricco.
Gli itinerari previsti sono sette esattamente come i colori dell’iride:
Rosso, per la Storia e Patrimonio.
L’Arancio, che denota invece i gustosi tracciati sulla scia di Cibo e bevande.Il giallo, che contraddistingue tutto ciò che è Cultura e Arte mentre il verde tratta castelli, dimore e affascinanti giardini.
L’azzurro colora la Musica, dalle note celtiche fino al rock delle band di fama internazionale. L’indaco ripercorre  i luoghi della Letteratura attraverso  vita ed opere di grandi scrittori irlandesi, come W.B. Yeats, James Joyce, Samuel Beckett, George Bernard Shaw, Patrickl Kavanagh…
Infine il violetto, identifica la sezione dedicata a Chiese, santi e sapienti.
Go n-éirí an bóthar leat!

19 commenti:

  1. "... si, viaggiare...." e assieme a voi è sempre istruttivo e divertente! ;-D
    Adesso vado a spulciare il blog in cerca di informazioni "umbre" (che sia la volta buona?). Bacioni

    RispondiElimina
  2. Che magia l'Irlanda. È da quando ero studente all'universitá e facevo gioco di ruolo con degli amici, ambientato alle Aran Islands, che ho sentito il fascino della cultura celtica, dei suoi folletti, la musica con l'arpa e i paesaggi romantici.
    Peccato che col tempo sia diventata un paese un po' troppo fondamentalista per i miei gusti...

    RispondiElimina
  3. Quanto hai ragione mammagiramondo, L'irlanda ti entra dentro e non la dimintichi più,ricordo ogni giorno di quella vacanza e se chiudo gli occhi, pensa, sento ancora l'odore dell'erica (strano ma vero), ricordiamo sempre con piacere i giorni passati a percorrere le sue strade, la gentilezza della gente ed il loro "inglese" quasi incomprensibile, ma musica nei pub (loro ci vanno con la famiglia, strano eh) anoi era piaciuta questa cosa....quest'anno ci siamo andati vicini a tornare, ma poi abbiamo scelto altre mete, ma ci torneremo questo è sicuro! Mi piacciono anche i vostri St. Patrick's Day, quando Sofia capirà cos'è potremo finalmente festeggiarlo anche noi!!! Scusa mi divago sempre tanto nei commenti ai tuoi post,spero non ti dispiaccia ma è un tuo effetto collaterale :)

    RispondiElimina
  4. L'IRLANDA é MAGNIFICA, MI HAI FATTO VENIRE VOGLIA DI RITORNARCI! :-)

    RispondiElimina
  5. ...E a me di andarci.
    :)


    P.s. ...Sarà. Ma non credo che i parenti abbiano apprezzato più di tanto. Comunque non di certo come ho pensato io nel momento in cui l'ho fatto.

    Caterina

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. non vedo l'ora di poterla visitare anch'io !!Ciao un bacione

    RispondiElimina
  8. Ciao!!! Io amo l'Irlanda! Ci sono andata due volte e sono stata lì lì per trasferirmici per qualche mese, poi i programmi hanno subito un brusco cambiamento ahimè!!! Leggere i tuoi post su questo meraviglioso paese mi fa tornare in mente ricordi bellissimi ma soprattutto la pace che i suoi colori riusciva ad infondermi!
    Conto di portarci il mio piccolo e il mio compagno nel prossimo futuro!
    Carinissime le vostre creazioni!!!!
    "...In Dublin´s fair city
    where the girls are so pretty
    I first set my eyes on sweet Molly Malone..." voglio tornare nei loro pub!!
    Un bacione!
    Roberta

    RispondiElimina
  9. che bella l'Irlanda mi fai sognare ad occhi aperti!
    Che belle realizzazioni Daniela, l'arcobaleno è così bello e in questi giorni con così tanta pioggia ne abbiamo bisogno,
    ciao!

    RispondiElimina
  10. che belli i gnomi!!!! ma le teste sono incollate al feltro o appoggiano su qualcosa?
    Tu , per il feltro ,dove ti rifornisci? aprofitto per ringraziarti delle news che mi arrivano...sono sempre molto interessanti!!! ciao debora

    RispondiElimina
  11. Che bel racconto istruttivo! E che bello l'arcobaleno,ci vuole proprio!Cosa significa la frase in coda al post???

    RispondiElimina
  12. @Beta:lo spero davvero cara, poi ci sentiamo per tutte le info pratiche.
    P.S ieri Firenze -Padova cinque ore nella bufera... ma ne è valsa assolutamente la pena!
    @verdeSalvia: Grazie cara.
    @Morgaine:La cultura celtica è davvero affascinante. Paadossalmente le Aran mi sono piaciute meno. Non tanto per la bellezza dei paesaggi davvero suggestivi e le scogliere meravigliose quanto perchè dal momento che teoricamente si trattava di un luogo unico dove ci si vestiva ancora con i costumi di una volta e si parlava la lingua irlandese vera sono diventate meta di pullman turistici che hanno ovviamente rovinato in parte l'atmosfera. Invece percorrendo la costa occidentale fino a Nord si trovano luoghi incredibili dove i turisti non mettono mai piede.
    Per il fondamentalismo capisco cosa vuoi dire ma gli scontri rimangono, credo, un problema legato alla sola Irlanda del Nord. E le due zone sono diversissime in tutti i sensi.

    RispondiElimina
  13. @Robertina: Mi piacciono tanto queste tue "divagazioni"! ;)
    A proposito dei pub tu pensa, ne parlavamo proprio Martedì sera appunto in un bellissimo irish Pub in cui volevo andare da tempo (anche per il famoso cheesecake ;)). Si discuteva la differenza nella tipologia di persone che frequentano i pub in Italia e all'estero. Da noi è un rito diciamo così, giovanile, mentre al contrario in Irlanda ma anche in Austria , in Germania e in tantissimi altri paesi e più facile trovarci persone di una certa età o comunque di età diverse. Forse sono proprio i giovani a frequentarli meno ;)
    La gentilezza della gente è un'altra cosa che colpisce del paese. E' impressionante la voglia che hanno di parlare, raccontare, condividere con il turista parte del loro meraviglioso paese. Tu pensa che una sera in un pub ci siamo ritrovati a chiacchierare con un'altra famiglia (tanto per tornare all'argomento di prima) e dal momento che ancora non avevamo fissato il BB per la sera ci hanno invitato a dormire da loro. Davvero un paese da vivere al 100 %.

    RispondiElimina
  14. Sono curiosissima di sapere cosa sei venuta a fare-vedere a Padova.... (mmmhhhh, vediamo se è ciò che penso io! ;-D )

    RispondiElimina
  15. @Daniela B: Ti ho dato un'idea per le prossime vacanze? ;)
    @Caterina: Non ti meritano! te lo dico con il cuore. Mettila così, io ho apprerezzato tantissimo il tuo gesto, se un pochino può contare ;)
    P.S Tranquilla il messaggio era un doppione.
    @Chiara: Ciao cara, quando partite?

    RispondiElimina
  16. @Roberta: Uhh adoro quella canzone!!
    @Amalia: Davvero con questo tempo c'e n'era proprio bisogno. Se almeno questa pioggia ( e neve) facesse come in Irlanda e da dietro una nuvola spuntasse un iride a sette colori ;)
    @Debora: Dunque dopo aver cucito il feltro a cono ho infilato nella punta del cappello un po' di riempimento (tipo quello da mettere nei cuscini) e poi ho insetrito il pommello da cassetto per fare l atesta. Sotto ho riempito ancora con altro riempimento per cui la testa che già di per sè si trova stretta attorno al feltro poggia comunque sulla lana morbida che poi sostiene anche il folletto in piedi.
    Il pannolenci che poi credo sia semplicemnte feltro più fine ed economico lo trovo nel negozio di stoffe dove lo vendono a metro ma anche in alcuni negozi specializzati in fai da te. Al negozio di stoffe c'è più assortimento di colori e se ne può prendere la misura che si vuole (minimo trenta cm). Un saluto.
    @EleVi: La frase go n-éirí an bóthar leat è gaelico è significa Buon Viaggio, o meglio possa il tuo viaggio essere un successo. ;)
    @Beta: Scusa cara se non ti ho scritto ma fino all'ultimo non eravamo sicuri di partire a causa del tempo e poi la sera siamo dovuti scappare prima di rischiare di trovare di nuovo le file dell'andata. ma non voglio tenerti sulle spine. Spero di fare il post oggi ;) Bacione

    RispondiElimina
  17. Si, probabilmente lo e

    RispondiElimina
  18. Che spettacolo!! E complimenti, hai una casa bellissima!

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin