29/05/12

Storie e leggende per raccontare il terremoto ai bambini


La visione della terra immaginata dai sacerdoti indù con la loro straordinaria spiegazione sull'origine dei terremoti.
Da Il libro delle terre immaginate di Guillaume Duprat

Tanto tanto tempo fa, prima che arrivassero gli uomini, il mondo era fatto solo di acqua, nient'altro che acqua.Un giorno, il Grande Spirito guardò giù dal cielo e decise che voleva creare anche la terra. Ma da dove poteva cominciare? Tutto quello che vedeva era solo acqua, nient'altro che acqua... 
Poi all'improvviso scorse una tartaruga gigante e pensò che quell'animale faceva proprio al caso suo.
Il guscio della tartaruga era perfetto  per creare una superficie solida. Ma una tartaruga non sarebbe bastata e allora il Grande Spirito chiamò la Tartaruga e le disse:
"Tartaruga, presto, vai a cercare i tuoi sei fratelli" 
La tartaruga nuotò e nuotò fino a  che dopo un intero giorno trovò il primo fratello.
"Vieni con me, il Grande Spirito ha bisogno di noi!" gli disse.
 Dopo sei giorni li aveva trovati tutti.

28/05/12

Weekend con la valigia


E' stata una settimana incredibilmente intensa, tra Roma e Firenze, con cene, feste, gelati, concerti, vecchi e nuovi amici.

24/05/12

Spiaggia in latta



Se con i tramonti era un po' troppo complicato con spiaggia e mare è un gioco di cinque minuti.

21/05/12

Su e giù per l'Argentario

Pineta della Feniglia

C'è un luogo che un tempo era un'isola dove i Pirati amavano navigare e spadroneggiare.
Una terra dove arrampicarsi in cima a Torrioni e Forti per scrutare l'immensità del mare e gridare come una volta: Mamma li Turchi!
Incantevoli borghi marinari si affacciano su baie e fortezze e poi strade tortuose che salgono e scendono dai promontori regalando vedute da cartolina.
I papaveri   emanano un odore acuto capace di addormentare incantare chiunque lo respiri, proprio come una favola perchè in questa quasi isola tutti i sogni sembrano ancora possibili.

18/05/12

Shortbread Petticoat Tails




Ci stiamo preparando.
Cornamuse e violini riempiono le stanze  inondando gli animi di  paesaggi inebrianti e una strana creatura verde è ormai diventata la protagonista quasi assoluta dei libri che compaiono un po' ovunque in giro per casa .
E' di nuovo quella sensazione che invade la pancia e lo stomaco, che ti lascia in trepidante attesa di partire per amare di nuovo quel paese come tanti anni fa.
E mi fa impazzire vedere che anche un bambino di sei anni si incanta con le note tra le orecchie e mi sussurra dolcemente una frase emozionata... Mamma non vedo l'ora
Sta crescendo e per certi versi,  proprio come noi. Che siamo quelli che l'entusiasmo prima di tutto e per tutto. Quelli che quando arriviamo da qualche parte il cuore ci batte a mille per la frenesia di fare, vedere, provare, assaggiare, scoprire, scivolare con anima e cuore dentro a nuove realtà.
E allora oggi non ho resistito. Quando stamattina (dopo quasi due mesi di quasi assenza di dolci, crepes escluse) la bilancia ha segnato allegramente  48 chili ho aperto il solito libro con in mente una  cosa sola, Shortbread! 

16/05/12

Lubiana da non perdere


La leggenda narra che sia stato Giasone a fondare questa straordinaria città. Dopo aver rubato il vello d'oro dal re Aites  l'eroe  si unì agli argonauti in fuga, ma la nave sbagliò direzione finendo contro corrente  incontro alla sorgente del fiume Ljublianica. E fu proprio qui che il coraggioso greco dovette scontrarsi con un orribile mostro, il feroce drago che oggi compare sullo stemma di Lubiana, sui ponti, nelle vetrine e un po' ovunque in questo luogo quasi magico che non può non incantare grandi e bambini.
Ma non solo per i draghi...

14/05/12

Alsazia, più di ieri, meno di domani


Vista dalla finestra della camera della Maison des têtes a Colmar

Non credevo fosse possibile amare un luogo più di quanto già non  facessi.
L'ho pensato nei giorni scorsi, mentre camminavo di villaggio in villaggio come ballando tra le pagine di un libro di favole. Respirando ogni lettera, aspirando ogni parola racchiusa sulle facciate dell case, nelle vetrine dei brocantes, tra gli accenti delle parole scritte sulle lavagne dal sapore un po' retrò.
E' stato mentre assaporavo il gusto inconfondibile di una tarte flambeè o forse scivolando lentamente sul Bill Ballantine lungo il canal de la Marne au Rhin.

07/05/12

Una nuova avventura


La Piazza principale di Mulhouse subito dopo il tramonto

Et voilà. Ieri siamo scivolati verso Nord attraversando parte dello stivale e poi la Svizzera. Pareti di roccia sfiorate da sorprendenti cascate e deliziosi chalet rallegrati dallo scampanio delle mucche. Quando ciò che vedi dal finestrino è un paesaggio come questo anche un lungo  viaggio in auto passa in un attimo, allietato dal piacere della continua scoperta. del bello.
E poi ancora più su, oltre il confine, dentro a quella regione che non mi stanco mai di accarezzare con la mente e con il cuore, l'Alsazia. Uno scrigno di tesori  avvolti in un overture di case a graticcio, balconi fioriti e strade fatte di vigneti e di soffioni da soffiare.
Ci siamo fermati a Mulhouse per incontrare degli amici e riassaporare il piacere della cucina alsaziana.
Oggi si riparte, ma per un'altra avventura.
Ancora qualche chilometro sulla incantevole route des vins per arrivare in un piccolo villaggio a pochi passi da Stasburgo.
Lì ci aspetta la nostra Tarpon37.

03/05/12

Giochi da viaggio:Nomi, Cose, Città


Avete mai pensato a quanto siano versatili le scatole di fiammiferi?
Un po' di immaginazione e creatività e possono trasformarsi in autentici tesori pieni di sorprese...
Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin