15/07/11

Ispirazioni. Quattro itinerari tematici per bambini

Qualche volta capita che la nascita di un figlio faccia passare la voglia di viaggiare anche a chi prima era sempre con la valigia in mano.
La neomamma (o il neopapà) viene assalita da mille paure e vede ovunque ostacoli apparentemente insormontabili.

Quest'anno niente viaggi, sai, il bambino è ancora troppo piccolo. L'anno prossimo si vedrà. 
E come facciamo per la pappa? E se si ammala? E se piange sempre? E poi, tanto, non si ricorda nulla. Un bambino ha bisogno di ritmi regolari. 
Poi con il passare degli anni  ad un certo punto qualcuno comincia ad averne abbastanza del rito spiaggia-pappa-pisolino-spiaggia-merenda-nanna e la voglia di viaggiare torna a bussare al cuore di chi dentro, in fondo, si sente ancora un viaggiatore.
E in questa seconda fase, che avviene in genere dopo tre o quattro anni dalla nascita del piccolo (naturalmente esistono mille eccezioni)  i dubbi e le domande cambiano.
E ora che si fa?  Come si conciliano gli interessi del bambino con i nostri? E soprattutto, dove possiamo andare per fare un bel viaggio che soddisfi l'intera famiglia?

Della prima fase e di come affrontare e  mettere a tacere  dubbi più che giustificati parleremo molto presto.
Oggi invece vi lascio con quattro ispirazioni, perfette per chi ha ritrovato la voglia di viaggiare con i bambini  ed è alla ricerca di un itinerario che accontenti tutta la famiglia.
Per continuare a sognare, riprendere a viaggiare, sorprendersi della magia di condividere un viaggio insieme ai nostri figli e scoprire che visto attraverso i loro occhi, il mondo è ancora più bello...

La strada delle fiabe-Germania

Seicento chilometri immersi nelle fiabe. Quelle che tutti hanno letto almeno una volta da bambini e che raccontano di principi e principesse, baroni bugiardi e pifferai magici.
Da Hanau a Brema, attraversando i boschi di cappuccetto rosso, arrampicandosi sul castello di Rapunzel, seguendo le buffe scarpe di un pifferaio e  ridendo delle canzoni stonate dei musicanti.
Hameln, per seguire il percorso del pifferaio magico si cercano i topolini bianchi dipinti sulla strada
Su verso il Mare del Nord, incontro ai grandi fratelli Grimm.
Viaggiando con la valigia piena di libri e di fantasia.
Piace ai bambini perchè:
Perché è un viaggio che trasforma la fantasia in realtà. 
Piace ai grandi perchè:
Perché fa tornare bambini. 
Informazioni Pratiche:
Il sito ufficiale della Deutsche Märchenstrasse. In homepage la mappa interattiva.
Qui potete ordinare o scaricare le brochures con tante informazioni sulla strada delle fiabe.
Indice della strada delle fiabe sul blog

La strada degli orologi-Germania
Trecentoventi chilometri circondati dalla foresta nera. Attraverso paesaggi da sogno incontro ad il paese che ha trasformato in un mito la creazione degli orologi a cucù.
Negozi traboccanti e cucù da guinness dei primati, ma non solo.
Musei, cascate, parchi e tante attività per bambini.
Piace ai bambini perchè:
Perchè spostando le lancette dell'orologio... non si sa mai che cosa esce!
Piace ai grandi perchè:
Per una volta, possono lasciare l'orologio a casa.
Informazioni Pratiche:
La strada degli orologi sul blog
Il nostro video 
Cartina dell'itinerario

La leggenda di Re Artù-Cornovaglia
 

Lungo la costa occidentale dell'Inghilterra c'è un angolo di mondo che fa sognare.
La Cornovaglia ti strega con le sue scogliere, l'oceano, la brughiera, le paludi, la nebbia. E dentro a tutto questo ci sono mille storie e leggende, come quella che affascina da sempre grandi e bambini.
Il leggendario Artù. Lancillotto, Ginevra, la tavola rotonda.
Appena si mette il piede a Tintagel ci si sente subito cavalieri.
O dame, maghi, stregoni.
Tutt'intorno paesi e laghi che parlano di spade nella roccia e misteri.
E se volete che il vostro viaggio si ancora più favoloso rimanete una notte a dormire al castello.
Di Camelot, naturalmente...
Camelot Castel , Tintagel
Piace ai bambini perché:
Chi non ha mai desiderato diventare da grande un cavaliere o una principessa?
Piace ai grandi perché:
Perchè sedersi sulla scogliera a guardare le onde dell'oceano dall'alto è un'esperienza da vivere almeno una volta nella vita.
Informazioni Pratiche:
Tintagel, sulle orme di Re Artù nel regno di Camelot
Camelot Castle
Visit Cornwall
Indicazioni sui posti legati ad Artù in Cornovaglia (in inglese)

*****
E va bene, ho barato, gli itinerari tematici sono solo tre.
In realtà un quarto c'è ma... 
Visto che sarà la meta di uno dei prossimi due viaggi (a Settembre) sarò crudele e lo terrò ancora un po' per me. Nel frattempo però, potete seguire le evoluzioni del nostro ultimo viaggio che rientra a pieno di titolo nella nuova tag (in aggiornamento) dedicata agli itinerari tematici per bambini.
Buon fine settimana!

16 commenti:

  1. Mi sembrano tutti itinerari interessantissimi, non vedo l'ora di scoprire qual è il quarto!

    RispondiElimina
  2. Belli tutti quanti! La Cornovaglia è nella top position per il futuro... vedremo. Mi ritrovo perfettamente in quello che scrivi... Io appartengo alla categoria del "mi sono rotta di mare, pisolo, merenda, nanna" e ho riscoperto me stessa.. è stata come una seduta di psicoanalisi! Sono tornata quella pazza che con una pancia di quattro mesi se ne andava tranquillamente per un viaggio fai da te in Sudafrica sicura e consapevole perchè informata dei non-rischi che correvo e in grado di rispondere a tono a varie mamme e suocere e amiche/colleghe che si sbattezzavano. Ecco sono di nuovo così ed è anche grazie a te! Non te lo ripeterò mai abbastanza! Però ci puoi dare un indizio sul quarto viaggio?? Io son troppo curiosa!!!!

    RispondiElimina
  3. Gasp, io sono ancora angosciosamente nella categoria spiaggia,castello di sabbia, nagno,pappa,nanna, spiaggia, ecc. ma ne voglio uscireeeeee! Stasera faccio leggere il post a mio marito e vediamo. In realtà quello che si fa tante paranoie è lui!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Superlativo, davvero non saprei da dove cominciare! Anzi, sì, dal primo , così prima di arrivare al 4° sarà già svelato! Ciao

    RispondiElimina
  5. Grazie per toccare questi argomenti. Io sono della categoria che si è fatta mille problemi e leggendoti ha pian piano cambiato idea e mi son accorta di quanto sia stato inutile continuare a dire non si può partire. Prima viaggiamo spesso nei we, e l'annullarsi quasi di questa pratica mi ha mandato un pò in sofferenza. Adesso sento un grosso bisogno di ricominciare, questo we siamo in giro tra genova e firenze non vedo l'ora!Aspetto i tuoi prossimi post sull'argomento

    RispondiElimina
  6. belle idee...da provare sicuramente...è vero inizialmente si hanno mille dubbi quando i bimbi nascono ma poi la routine a volte snervante ti spinge come una molla verso nuove avventure..noi facciamo così organizzandoci nei week-end ...ciao buon proseguimento di viaggio...

    RispondiElimina
  7. Bellissime mete!!!! grazie perchè ogni tuo racconto ci fa sognare!!!! Oriana

    RispondiElimina
  8. Mi hai fatto venire una voglia di prendere e partire!!! Noi con un zero-enne ci troviamo in una fase intermedia... la nostra ultima vacanza è stata del tipo mare-pappa-nanna... poi però ci prende anche la botta di pazzia... come quando a gennaio, quando Davide aveva appena 3 mesi, lo abbiamo portato a Salisburgo a meno 17 gradi centigradi.. siamo stati benissimo!!! Un pò di organizzazione e di attenzione e rispetto per le esigenze di tutti.. di grandi e piccini. Io ti ringrazio.. per il tuo contributo, per il messaggio che trasmetti... viaggiare si può anche con i bambini... viaggiare è meraviglioso... Ed ora non ci resta che organizzare la nostra prossima vacanza... :-)

    RispondiElimina
  9. io sono fortunata perchè il mio Picci ha preso il primo aereo a 20 giorni e a nove mesi ha fatto il suo primo tour on the road della Bretagna, in pieno svezzamento. Però ho avuto una buona maestra che ha saputo consigliarmi, magari te la presento...è una giramondo:)E grazie ai consigli di questa brava maestra...andiamo avanti e a Settembre ripetiamo un tour ma in un paese diverso.

    RispondiElimina
  10. sono molto interessanti queste calendari tematici dove sia i bambini che glia sulti possono trovare delle belle occasioni per fare una bella vacanza.

    RispondiElimina
  11. Che belle mete! Le aggiungo a quelle che già avevo in testa (che non son poche!!!)
    Noi devo dire che la fase mare-pappa-nanna non l'abbiamo mai avuta. Siamo allergici!!!
    Mia figlia deve ancora compiere due anni e ce la siamo portati in Slovenia, Croazia, Portogallo, Austria e in giro per l'Italia.
    Per ora, si adatta a qualsiasi cosa. E io ne sono felice perché i viaggi sono una di quelle cose a cui mi peserebbe tanto rinunciare!

    RispondiElimina
  12. @Eligr@pHix:Eheheh mi sento mooolto crudele!;-)
    @Letizia: ecco hai toccato due tasti importantissimi. L'importanza dell'Informazione e i commenti di Mamme, Nonne, ecc. affronteremo prestissimo proprio questo argomento!
    Un indizio? mmh ora ci pesno! promesso!;-)Però sono sicura che tutti e due i viaggi che faremo ti piaceranno moltissimo!
    @Francesca: Il fatto è, e ne parlavo con un'amica proprio ieri, che nella routine nanna/pappa ecc non c'è di per sè niente di male. Il problema sorge quando questo tipo di vacanza non ci fa sentire bene ma non si ha il coraggio di cambiare per i mille motivi che presto vedremo in un post tutto dedicato a questo argomento. Anche quello dei mariti pantofolai o addirittura ansiosi è un altro argomento interessante. Fami sapere come è andata!;-)

    RispondiElimina
  13. @Elga: Fantastica!;-)
    @MammaNuvola: Stai tranquilla cara è perfettamente normale! L'importante è reagire nel momento in cui si comincia a sentire la mancanza di certe situazioni. E tu stai andando benissimo! Aspetto il racconto del weeekend!
    @Twins(bi)mamma: Bravissima. E per chi non si sente pronto cominciare dai weekend è proprio una bellissima idea!
    @Oriana: Grazie Oriana!
    @Nellamiasoffitta:Grazie a te Chiara e a tutto l'entusiasmo che trasmetti! La vacanza mare, pappa, nanna va benissimo ed è normalissimo che soprattutto all'inizio quando anche solo guardare il proprio figlio giocare con la sabbia ci rende immensamente felici. Se poi in più ci sono anche le avventure, beh, che si vuole di più dalla vita!
    @Debbie: Ti mi dai meriti che non ho! Sei un mito!
    @Carmine: Grazie Carmine!
    @Tata:Mi sa che abbiamo qualcosa in comune... In ogni caso l'importante è che la vacazna, qualunque essa sia, renda felice tutta la fammiglia e faccia tornare a casa con la voglia... di ripartire!

    RispondiElimina
  14. questi luoghi sono incantevoli, altro che bambini anche agli adulti piacciono da morire!

    RispondiElimina
  15. @Mi trovi perfettamente daccordo!;-) A volte mi viene il dubbio che con la scusa di mio figlio sono io che cerco di soddisfare la mia inguaribile sindorme di Peter Pan!:)

    RispondiElimina
  16. very beautiful blog
    valuable information
    Thank you for sharing
    accommodation nz

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin