28/08/13

Maleficus da viaggio


Vi è mai capitato di ritrovare in soffitta , in cantina, in garage o  in un vecchio baule dimenticato uno di quei giochi da tavolo che avete consumato da bambini?
Quelli che apri la scatola e puff l'aria si sprigiona di  pomeriggi caldi e gelide sere d'inverno, bicchieri di latte e autunni in cui il vento fa danzare le foglie vicino ai vetri  mentre dentro echeggiano briose risate.
Insomma succede che tiri su il coperchio davanti a tuo figlio e d'improvviso diventi tu il bambino, intento a gioire maleficus mentre posizioni la pietra davanti agli avversari...

27/08/13

Vide-greniers e relax a La Clusaz

Tesori di viaggio nella camera di Aj
Tra i tanti piaceri di girovagare tra villes e  villages de France c'è quello di incrociare il più delle volte inaspettatamente, uno di quei cartelli, manifesti o eleganti lavagnette in ardesia riportanti una data, un'ora e soprattutto l'amabile termine francaise, vide-greniers. Ormai ve ne ho parlato svariate volte (ad es qui , qui , qui e qui) di questi straordinari mercatini svuota soffitta in cui lo scopo principale è sbarazzarsi dell'inutile, racimolare qualche euro e soprattutto far felice gente come me offrendo inestimabili tesori a prezzi assurdamente bassi.

26/08/13

Ferrara Buskers Festival 2013



Mi vengono in mente gli straordinari viaggi di Giovannino Perdigiorno, incontro a paesi abitati da uomini di zucchero o dove le strade, le case e i fiori e tutto quanto è fatto di cioccolato.
E ve le ricordate quella favole che il ragionier Bianchi, che girava l'italia sette giorni su sette, raccontava al telefono alla figlia perchè lei non poteva dormire senza una delle sue storie?
Ecco ce n'è una che parla di un ascensore che, un po' come quello di Dahl, sale come un razzo inoltrandosi nell'abisso spaziale. Insomma, tutto questo per dirvi che camminare in questi giorni tra le strade di Ferrara fa un po' lo stesso effetto delle favole di Rodari, in cui il nonsenso ha senso e si impara a guardare il mondo ed amare la vita.
D'altra parte cos'altro pensereste di una città in cui compaiono pianoforti fuori posto, bottiglie che suonano Mozart e lame dentate che vibrano diffondendo il più struggente dei canti?

23/08/13

Come cucinare un Apple Pie e vedere il mondo



Cucinare un Apple Pie è veramente facile. Per prima cosa procuratevi tutti gli ingredienti al supermercato. Mescolateli bene, infornate e servite.
A meno che naturalmente,  non troviate il negozio chiuso...

21/08/13

Causeway coastal route: Cushendun e le grotte segrete


E' tempo di tornare. 
Scendere la costa nord irlandese verso sud e poi navigare incontro al Galles. Attraversare l'Inghilterra dalle West Midlands al Kent, oltrepassare la Manica e infine tutta la Francia; fino a quella lunga galleria che si insinua dentro ad una montagna e quando rivedi il cielo i cartelli sono scritti in italiano.
Quello che amo dei  viaggi on the road è che ti danno il  tempo per separarti da un paese.
Niente saluti affrettati, niente bruschi addii prima di salire a bordo di un aereo. Woosh spiit e ti ritrovi a cena davanti ad una carbonara mentre in bocca senti ancora il sapore dell'irish stew.
E invece no, i veri viaggi pretendono lentezza ed esigono tempo. Quello per scivolare via adagio guardando un po' indietro e un po' avanti, osservando il mondo che gradatamente cambia mentre compaiono colline, laghi bui e profondi, sterminati campi e cittadine fantasma...

20/08/13

Vacanze sull'isola di Capraia

Credits: MarebluCamogli

Chi non conosce il leggendario pirata Dragut, le cui terribili scorrerie nel Mediterraneo hanno fatto il giro del mondo intero?
Vissuto a cavallo tra quattrocento e cinquecento, apparteneva alla scuola del ben noto pirata Barbarossa dal quale apprese le più scellerate tecniche piratesche che sfruttò per compiere saccheggi e scorrerie in gran parte del Mediterraneo.
Pensate che diventò potente a tal punto che lo stesso Carlo V dette ordine di catturarlo ad ogni costo alla famiglia Doria.

Ma cosa c'entra il  pericoloso corsaro ottomano con la bella isola di Capraia? 
*****
Se siete in cerca di un'idea speciale per il weekend, ho aggiunto un'altra meta da non perdere in fondo al post dedicato agli eventi per bambini di questo mese. Noi ci saremo! ;-)
-->

16/08/13

Letture on the road:Un cane e il suo bambino

In genere succede così. Siamo in autostrada, il viaggio è cominciato da qualche decina di minuti  e dopo un po' di musica e tante chiacchiere cade improvvisamente il silenzio.
Sta per succedere, lo so,è solo questioni di secondi prima che uno dei due se ne esca con l'abituale domanda:
"Hai portato un nuovo libro vero?"
E allora io sorrido, mi piego in avanti , lo tiro fuori dallo zaino e comincio a leggere...

DI EVA IBBOTSON

Hal vive in un enorme villa con cinque bagni, i rubinetti dorati e  una moquette così spessa che ti ci affondano i piedi. C'è anche un giardino ma  senza erba o fiori perchè vorrebbero dire terra e sporcizia e  un garage con tre macchine.
Hal sta per compiere dieci anni e sogna l'unico regalo che non può avere. 

14/08/13

Irlanda del Nord: Dunluce castle


Lasciati  alle spalle gli inquietanti faggi di  Dark Hedges, torniamo a percorrere l'affascinante strada costiera in direzione  di Portrush. E' quasi sera, il canto acuto dei gabbiani scivola dentro l'auto attraverso i vetri  come un perfetto accompagnamento alla lentezza pretesa da questa terra, ricca di paesaggi e estatiche visioni che  appaiono dietro ogni curva,  prato o  promontorio.
Una dopo l'altra,  inseguono l'articolato profilo della costa quasi come a voler sorprendere il fortunato visitatore che si trovi a percorrere queste strade.
Ed eccole  lì, le rovine di Dunluce Castle. Disperatamente aggrappate a impressionanti scogliere di basalto e come venute fuori da un romanzo, un racconto, una storia di fantasmi.
Su un tetro spunzone di roccia che si protendeva come un braccio nel grigio mare del Nord, si ergeva l'antico castello di Carra. Non v'era luogo più selvaggio e solitario in tutta la Scozia. I marosi si abbattevano contro i cupi torrioni di Carra; gli uccelli marini nidificavano nelle feritoie sugli spalti, e nelle notti di tempesta i teschi amucchiati nella garitta nell'ingresso sbatacchiavano come palle di biliardo.
Da "Fantasmi sotto sfratto" di Eva Ibbotson

13/08/13

Estate in Val d'Ega: Il labirinto del Latemar e il sentiero di Agatha Christie


"I cannot describe the hour that followed. We were hurried through the woods at a break-neck pace, going uphill the whole time. At last we emerged in the open, on the mountain-side, and I saw just in front of us an extraordinary conglomeration of fantastic rocks and boulders.
This must be the Felsenlabyrynth of which Harvey had spoken. Soon we were winding in and out of its recesses. The place was like a maze devised by some evil genie".

Da  The big Four, Agatha Christie
E lo è davvero un labirinto.
Un fiabesco intrico di massi e rocce e pietre rotolati giù dal Latemar poco più di duecento anni fa.
Un sorprendente intreccio di angusti passaggi, straordinari archi, fenditure e svolte dietro le quali si aprono  fantasiose visioni e mondi ogni volta diversi.

12/08/13

Irlanda del Nord: Mussenden Temple



Un tempo era una biblioteca, riuscite ad immaginarlo?
Centinaia  di affascinanti volumi stretti dentro a  scricchiolanti scaffali in legno disposti in modo  da assecondare  l'andamento circolare dell'edificio.
Al centro un camino, un fuoco sempre acceso per dar calore all'ambiente e proteggere i libri dall'umidità mentre  tutt'intorno, scolpite sulle pareti, enormi finestre sotto le quali  ruggiva l'oceano.
È dolce, quando sul vasto mare i venti sconvolgono le acque, guardare dalla terra alla grande fatica altrui;"Suave, mari magno turbantibus aequora ventis e terra magnum alterius spectare laborem" dall'iscrizione sopra il tempio,  Lucrezio, de rerum Natura 2.1-2

09/08/13

Estate in Val d'Ega: Alla ricerca del tesoro misterioso

Ma che incanto quando viaggi e leggende si mescolano.
Quando si rompe il sottile confine tra realtà e fantasia, vero e immaginazione, esistenza e sogno.
Una cascata di invisibili scintille e kaboom! compaiono favolosi personaggi a rendere magica una strada, una foresta, una montagna.

06/08/13

Sulle orme di Beatrix Potter. Parco nazionale del Lake District

The World of Beatrix Potter

Se per qualcuno la vacanza ideale è fatta da quel dolce crogiolarsi nel" far niente" possibilmente sdraiati al sole mentre i bambini si divertono al mini club, c'è anche chi nonostante il naturale bisogno di riposo non rinuncia alla vacanza-scoperta, quella che ti porta in giro per il mondo, ansiosi di esplorare nuove terre, arricchirsi di profumi e sapori esotici, condividere insieme alla famiglia le gioie del viaggio.
D'altra parte ci sono luoghi che sembrano fatti apposta per accontentare le esigenze di tutti.
Paesaggi incantati davanti al quale sedersi per ore lasciando volare la mente e allo stesso tempo punteggiati di straordinari luoghi da visitare per nutrirsi di storia, arte, cultura.
Il tutto mescolato ad innumerevoli occasioni di divertimento per tutte le età.
Questo paradiso esiste ed è lo spettacolare Parco Nazionale del Lake District nella parte nordoccidentale dell'Inghilterra.


-->

05/08/13

Rinfreschiamoci con un Ananas Bowle


Una tradizione che viene dal ramo austriaco della famiglia, di quelle ricette che si tramandano da genitori a figli,  nonni e nipoti e che profumano di racconti e storie e  ricordi che fluttuano nell'aria, dolci come l'ananas di un bowl.
Scenografico e divertente, il Bowle è il cocktail perfetto per un party in giardino,  un ottimo e  rinfrescante aperitivo  da gustare prima di una grigliata estiva o un'idea originale e  divertente per una festa di bambini, naturalmente in versione analcolica e decorata con bandierine, stelle filanti e tazze coloratissime.

02/08/13

A Dublino con i bambini


 Ferry Holyhead-Dublin
         
In Dublin's fair city,where the girls are so pretty,I first set my eyes on sweet Molly Malone,As she wheeled her wheel-barrow,Through streets broad and narrow,Crying, "Cockles and mussels, alive alive oh!
Con un boeing bastano meno di tre ore, ma se a Dublino ci arrivate con il traghetto che parte dall'Inghilterra a darvi il benvenuto sarà il bel faro rosso della Dublin Bay.
Tornateci al tramonto, passeggiando dal South Wall fino al Poolbeg Lighthouse. Sono circa un paio di chilometri ma i bambini cammineranno volentieri distratti dal canto dei gabbiani, il mare che accarezza la pietra che si insinua nell'acqua dando quasi l'impressione di camminarci dentro. 
E poi i fari, lo sapete,  hanno sempre il loro fascino così traboccanti di storie e di leggende.... 

01/08/13

Camminare nel bosco con i bambini: un'idea divertente



"Tutti i grandi alberi della nostra foresta sono cavi come questo, nessuno escluso" rispose il vecchio Minipin. "E dentro ci vivono migliaia e migliaia di Minipin. Quest alberi sono pieni di stanze e scale, e non solo nel tronco, ma anche nella maggior parte dei rami. Questa è una foresta Minipin, e non è l'unica in Inghilterra".
Da Minipin, di Roald Dahl, pagg 27-28 ed. Nord-Sud
Ma quante favole nasconde il bosco. Insieme ai segreti sussurrati piano dai rami e al sinuoso frusciare e stormire e crocchiare delle foglie. E poi i piccoli tesori, che ronzano, frullano, profumano, cadono in attesa che qualcuno si incanti a guardarli o li raccolga per regalar loro una storia.
Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin