Itinerari on the road: Italia-Danimarca


Lo chiamiamo il rito del cartello, quel momento di passaggio tra un paese e l'altro in cui si fa a gara a chi lo vede per primo. Sono quei quattro, cinque secondi in cui noi davanti siamo in un paese e loro dietro in un altro; e la cosa ci fa sempre tanto  ridere. 
E poi mi ricorda  di quando ero piccola e questo gioco lo facevo camminando a piedi con mio padre sopra il ponte dell'Inn, quello che divide Simbach da Braunau, ma questa è un 'altra storia.

Oggi  torniamo a parlare di itinerari on the road e scivoliamo attraverso l'Europa per raggiungere il paese delle favole, quello di Andersen, della sirenetta, di Amleto, i vichinghi e perchè no, dei mattoncini lego.
Lo facciamo passando attraverso la Germania , approfittando anche questa volta per guardare al mondo con occhi sfavillanti, per cercare emozioni nascoste e fabbricare piccoli e grandi  ricordi. Quelli che rendono speciale un viaggio.

ITALIA-DANIMARCA
FIRENZE-RIBE
Distanza 1639 chilometri. Tempo 16 ore e 58 minuti


Tappe e soste consigliate:
Rothenburg (836 Km) e/o Norimberga (818 Km),
Kassel (266 km), 
Brema (284 Km). 
Le indicazioni per un itinerario veloce potrebbe prevedere addirittura una sola  tappa intermedia tra l'italia e Ribe:  Rothenburg (o Norimberga) che si trova più o meno a metà strada. Se  invece si hanno più giorni a disposizione è ovviamente preferibile un percorso  lento  che sfrutti il passaggio in Germania per visitare alcuni luoghi favolosi per grandi e bambini. Se la prima tappa vi sembra troppo lungo potete fermarvi a Innsbruck o magari a Seefeld che una bellissima zona del tirolo austriaco (prossimamente)


1°TAPPA:ROTHENBURG (836 Km da Firenze)
Un' autentica gemma medioevale avvolta in una ragnatela di vicoli acciottolati.
Mura torrite, posti di guardia, affascinanti fontane e sorprendenti balconi fioriti che adornano le straordinarie casette a graticcio.
Mentre siete ancora in auto raccontate ai bambini un po' di questa cittadina incantata e fate un elenco di quello che non dovete assolutamente perdere:
1: Le palle di neve:
avvolte nella cioccolata, nel cocco, nel marzapane o in altre innumerevoli squisiti ingredienti le schneeballen sono il dolce tipico di Rothenburg. Un must!
 2.Una sosta davanti al Ratstrinkstube, per ascoltare l'orologio che racconta la leggenda della storica bevuta del borgomastro.
Nel 1631 la guerra dei trent'anni raggiunse le porte di Rothenburg.
Il generale cattolico Tilly alla guida di un esercito di 60000 uomini minacciò la città di saccheggio e incendio, catturò i dignitari e li condannò a morte. Il villaggio sembrava non avere più speranza quando improvvisamente dopo aver bevuto del vino, il generale decise di arrivare ad un compromesso.
"Se qualcuno dei consiglieri riuscirà a bere questo boccale di vino in una sola sorsata risparmierò la città".L'enorme boccale conteneva 3 1/4 di litri di vino.
La leggenda raccontà che il vecchio sindaco riuscì nell'impossibile impresa e Rothenburg fu salva.
3.Un giro insieme al guardiano notturno.
Una lanterna per farsi luce, un corno da suonare in caso di incendio e un'alabarda per difendersi dai pericoli celati dal buio. 
E poi  un giro nel celebre negozio del Natale Käthe Wohlfahrt, fuori c'è uno schiaccianoci gigante!;-)



Alternativa nelle vicinanze (l'ideale è fermarsi a Rothenburg all'andata e a Norimberga al ritorno o viceversa):
NORIMBERGA (818 km da Firenze)
L'abbiamo vista  in estate, bagnata da una pioggerellina fine che luccicava le strade e poi in inverno, traboccante di luci e di gente e avvolta dall'aria della festa.
Ci è piaciuta entrambe, con quei salici piangenti che si gettano nell'acqua, le fontane che sembrano sonde spaziali e l'anello d'oro della leggenda. Esprimete un desiderio e fatelo girare per tre volte.
Attraversate i ponti, perdetevi nelle strette stradine in salita dietro allo Spielzeugmusem e poi entrate in questo straordinario tempio dei giocattoli.
Da non perdere: l'ultimo piano con lo spazio giochi dove trascorrere un paio d'ore a giocare tutti insieme.


Da vedere: Il nostro video del Museo dei giocattoli 

2°TAPPA:KASSEL (266 km da Rothenburg)
Non è  per la città in particolare che ci si ferma a Kassel ma per immergersi in un luogo affascinante e straordinario che si trova a soli 7 chilometri a ovest del suo centro.
Il Parco di Wilhelmshohe è uno di quei posti che ti rimangono nel cuore e ti regalano incredibili emozioni.
Castelli, prati, cascate ma soprattutto un'infinita catena di vasche, scale e fontane che nascondono grotte e passaggi sotterranei.
Tutto comincia dalla statua di Ercole che dall'alto domina su uno straordinario paesaggio . L'acqua comincia a scendere e scivola lentamente verso il basso attraverso dodici chilometri di gallerie  riaffiorando  in superficie per riempire le vasche di magia fino all'incantesimo finale nel lago dorato della Grosse Fontane.
Se potete prendetevi l'intera giornata. Aspettate l'arrivo dell'acqua in alto subito sotto alla statua di Ercole e poi accompagnatela lungo le scale, immergendo i piedi nell'acqua.
Un irresistibile incanto per grandi e  bambini.

alternative nelle vicinanze: Gottingen o un'altra delle bellissime tappe della strada delle fiabe
Mappa della strade delle fiabe. Una delle tante statue del barone di Munchausen a Bodenwerder

3°TAPPA: BREMA (284 km da Kassel)
I bambini l'adoreranno.Brema, l'ultima favolosa tappa della strada delle fiabe e la protagonista di quella fiaba dei celebri fratelli Grimm.
"C'era una volta un vecchio asino che aveva lavorato sodo per tutta la vita. Ormai non era più capace di portare pesi e si stancava facilmente, per questo il suo padrone aveva deciso di relegarlo in un angolo della stalla in attesa della morte.L'asino però non voleva trascorrere così gli ultimi anni della sua vita. Decise di andarsene a Brema, dove sperava di poter vivere facendo il musicista".
Andate a caccia dei simpatici musicanti che si nascondono ovunque. Ascoltateli cantare dal tombino della bella Marktplatz e poi imboccate l'ingresso dorato della stretta Bottcherstrasse. Ascoltate il Glockenspiel e poi proseguite per lo Schnoor, il pittoresco dedalo di botteghe e casette bohemien dove un tempo abitavano i pescatori. E se preferite farvi guidare in giro da qualcuno più esperto, beh, pensateci. Quale animale vi piacerebbe seguire?;-)
Da leggere:


FERRY DANIMARCA-GERMANIA

Per arrivare a Ribe non occorre alcun traghetto perchè lo Jutland è l'unica regione non insulare della Danimarca.
Ma a meno che non abbiate in mente un itinerario ad anello in territorio danese, il ferry potrà esservi utile per scendere in Germania  al ritorno, passando dalla Selandia meridionale.
Ci si imbarca a  Geidser e si arriva a Rostock dopo un'ora e quarantacinque minuti.


Noi abbiamo prenotato i biglietti online su direct ferries. Come nel caso dell'Inghilterra le tariffe variano a seconda di quanto prima prenotate, il tipo di auto, il giorno e l'orario. Potete fare una simulazione sul sito per farvi un'idea. Noi nel 2011 abbiamo speso in tre più il cane 125 euro.
Anche in questo caso gli animali sono ammessi  e a differenza del passaggio sulla Manica non devono aspettare in auto  (ma non possono accedere ai ristoranti e in altre zone indicate) e almeno due anni fa non pagano il biglietto.


E  sappiatelo, che attraverso questo viaggio vi perderete. Nel regno della fantasia e delle fiabe, della magia e del sogno.
E si,  tornerete bambini e  sono sicura che  lo adorerete...

*****
Prossimamente andremo  a vedere le tappe dentro la Danimarca, mentre nel frattempo chi è interessato può dare un'occhiata alla vecchia mini guida.
Mini guida della Danimarca

Leggi anche:
Gli altri itinerari on the road

Commenti

  1. NNNoooo... che splendore... io non mi perderei niente di un viaggio così (soprattutto, e dico soprattutto, quelle 'palle di neve' stupende!!). I musicanti di Brema accompagnavano i miei sogni poco dopo essermi addormentata, quando li leggevo nelle fiabe.. e quest paesaggi sarebbero in grado di farmi sognare anche da sveglia! Grazie tesoro! :D p.s. ahaha, i cartelli.. davano sempre la stessa impressione anche a me! <3 'Noi qui' e 'loro lì'! :D Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha si le palle di neve sono una vera favola e i cartelli, si questi sono proprio i giochi da bambina che adoro!:-)Baci grandi tesoro!

      Elimina
  2. Viaggio stupendo: che emozione rivedere le immagini di Rothenburg e Norimberga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sono davvero due gioielli quelle città! <3

      Elimina
  3. Che belloanche questo itinerario... come sembre riesci a farmi sognare!!! Favole e viaggi che bella combinazione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, favole e viaggi è il nostro binomio preferito!! ;-) baci

      Elimina
  4. che meraviglia, dovessi partire opterei per Rothenbug come 1° tappa poichè Norimberga l'abbiamo già visitata durante un viaggio nella foresta nera. L'itinerario comprendeva ache il parco divertimenti della Playmobil, una gioia sia per i bambini che per i grandi. ci siamo divertiti un mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco brava Monica, il parco Playmobil mi sono proprio scordata di metterlo! A Luglio rifacciamo quella strada per un'altra meta e questa volta stai sicura che ci fermiamo anche noi! :-)
      Baci grandi

      Elimina
  5. Attendevo con ansia l'itinerario per la Danimarca! Noi partiremo a fine Luglio pensavo di fare una sosta durante la prima tappa (Norimberga o Rothenburg andrebbero benissimo) poi spostarci un pò più a Nord per fermarsi a dormire e raggiungere Ribe il giorno dopo con sosta intermedia a Brema o Lubecca.
    Le tappe in Danimarca saranno 4 gg. a Ribe, 4 gg. nel Nord Yutland per arrivare fino a Skagen poi andare in Fionia per visitare zona Odense...sono indecisa se fermarci qui a pernottare per più tempo e fare poi gli spostamenti in giornata verso Copenaghen, la zona dei castelli oppure cambiare ancora dimora spostandoci in Selandia. Sicuramente una notte zona isola di Mon per ammirare le scogliere e poi traghettare in Germania per ritornare in Italia facendo sempre una o due tappe intemedie. Tu cosa dici? Ho esagerato un pò? La voglia di visitare ogni angola di questa meravigliosa terra non mi fa stare con i piedi per terra e delle volte scordo che al seguito abbiamo un ometto di 4 anni e una "bimba bella ok" (come si definisce lei)di 2...:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusa se mi permetto, ho fatto un viaggio molto simile in auto.
      Se ti interessano info, puoi scrivermi attraverso il mio
      blog
      http://ilibridisandra.wordpress.com
      clicca contatti e trovi la mail
      sandra

      Elimina
    2. Emanuela se avete tempo a disposizione stai tranquilla che di cose da visitare ce ne sono tante e cosa c'è di più bello che fare un viaggio itinerante ma avere anche il tempo necessario a vivere tutto con calma? Copenghen e la zona a Nord hanno un sacco di belle cose che meritano di essere visitate, specie nel periodo che andate voi per cui io penserei a pernottare anche in Selandia. Presto arriva anche il post con l'itinerario interno e i vari links che magari possono farti comodo! Ah dimenticavo, vedrai come si divertiranno i bimbi, non ho dubbi! Già ce la vedo la duenne a provarsi i vestiti delle fiabe al Fyrtojet di Odense! ;-)

      Elimina
    3. Sandra grazie mille per l'aiuto!

      Elimina
  6. Grazie Daniela attendo le nuove super preziose info. Sul tuo itinerario e poi via con le ultime prenotazioni!
    Ringrazio anche Sandra x la disponibilita'.

    RispondiElimina
  7. Ciao! Mi unisco all'entusiasmo di Emanuela per la Danimarca! Sono nuova del blog, anche se è da un anno che ti ho scoperto e che seguo i tuoi suggerimenti..quando è possibile!!! anche noi vorremmo fare il NOSTRO PRIMO VERO VIAGGIO in Danimarca.Seguirò i tuoi preziosissimi consigli, ma andando verso fine luglio per circa 3 settimane, mi consigli di fermarmi in un posto in particolare?

    RispondiElimina
  8. Maria Tamburrini30 agosto 2013 11:22

    che bellissimo viaggio! noi, che finite le ferie pesiamo a quelle successive, lo stavamo pensando per il prossimo anno...partendo in macchina da Pisa e facendo però due settimane. La mia idea era Pisa-Rothenbug, da lì direttamente Ribe, legoland, odense, Copenaghen e poi raggiungere anche Stoccolma invece che fare il sud della Danimarca(e avendo appunto due settimane)
    Ora leggo te e vedo che si può fare, tutto in auto coi bambini.
    E' la prima volta che organizziamo un viaggio itinerante, e il tuo resoconto mi servirà tantissimo.
    Grazie.

    RispondiElimina
  9. ciao! sono appena rientrata dal mio viaggio di una settimana on the road in danimarca con i miei due bambini..copenaghen, odense, ribe, vejle, billund..un viaggio/vacanza fatto senza stress e divertendoci. grazie del consiglio!

    RispondiElimina

Posta un commento